La Didattica nella scherma


download

Il navigatore degli insegnanti

 

 

 

 

 

La didattica nella ricerca, nell’intrattenimento e nella formazione tecnica dello schermitore

 

Per approfondire gli argomenti: La divulgazione della scherma tramite manifestazioni e corsi scolastici – La scherma a sette anni, studi che trovate nella rubrica “Libri e audiolibri

da scaricare”

 

Lavoro in itinere

 

Indice:

I – Introduzione     II – La ricerca dei nuovi iscritti     III – L’accoglienza del neofita     IV – La gestione dei Veteres

V – L’insegnamento della tecnica schermistica:     A – Principi generali       B – L’approccio tecnico      C – I fondamentali:   1 – Rapporto con l’arma:  –  Presentazione dell’arma  –  Come si impugna         2 – Ambientazione del luogo di gara, la pedana     3 – Prima posizione     4 – Saluto     5 – Guardia     6 – Lo spostamento sulla pedana   7 – L’affondo   8 – Siti spaziali davanti al corpo   D – Rapporto con l’avversario:  1 – L’aspetto spazio la misura     2 – L’aspetto tempo   3 – L’attività del braccio armato: – Posture

 

cavazione-angolata

 

I – La Didattica: Introduzione

L’insegnamento  è una delle attività più importanti per l’evoluzione umana:  la staffetta culturale tramite la quale il docente consegna il “testimone” all’allievo ha consentito alla nostra specie clamorosi passi in avanti e, soprattutto di questi tempi, non si riesce ad individuarne nemmeno il traguardo. Il bagaglio esperienziale dei nostri predecessori non perisce con loro, anzi, condensato in leggi scientifiche – saggi – codici – trattati e quant’altro, costituisce per ogni nuovo giovane un “blocco di partenza” dal quale muoversi in modo vantaggioso per la sua esistenza, nella speranza di poter aggiungere qualcosa di personale a ulteriore beneficio dei posteri.

La responsabilità di ogni docente è quindi grandissima: penso in prima battuta all’importanza che riveste  in ogni campo l’imprinting culturale, cioè al primo approccio ad una specifica materia, approccio che può condizionare non poco il più o meno felice prosieguo dell’apprendimento; penso alla passione che ciascun insegnante deve cercare di suscitare nell’allievo, vera scintilla esistenziale; penso ai “cattivi maestri” che, magari loro malgrado, possono portare messaggi completamente sbagliati o perlomeno fuorvianti.

La nostra disciplina non si sottrae a questi meccanismi psicologico – conoscitivi e, essendo in buona parte vera scienza, costituisce una lenta  ed empirica costruzione di norme applicative.

La figura del maestro, oggi validamente affiancata da quelle dell’istruttore e del preparatore atletico, rappresenta da sempre la figura epicentrica di tutto lo scibile schermistico.

Su questa “squadra” grava tutta la responsabilità del rapporto che l’allievo costruisce con la scherma: la prima fondamentale fase di accostamento con le conoscenze di base, la fase di fidelizzazione e di approfondimento, la fase agonistica vera e propria.

L’esordio in sala è ovviamente importantissimo: l’imprinting, cioè il primo contatto, è quello che vincola l’esordiente: la scoperta del concetto di “arma” – il gioco-scherma, cioè il divertimento – il valore aggiunto di far parte di un gruppo, appunto la Sala.

La seconda fase è altrettanto importante: la novità deve cedere il passo alla costanza, la curiosità alla conoscenza e alla specificazione ripetitiva delle posture e dei gesti tecnici.

Infine l’allenamento al competere con le relative copiose sudorazioni, la crescente padronanza di sé, fuori e dentro.

Temi sconfinati ed imi tutti questi, temi che devono essere affrontati con la dovuta preparazione senza lasciare nulla al caso.

Ed ecco l’arte e la scienza dell’insegnamento, cioè la didattica: non tanto regole e regoline auree da rispettare, ma soprattutto un ricco canovaccio che offra un ampio panorama dei temi e soprattutto dei metodi da non tralasciare, ma da approfondire, magari con un prudente contributo personale da sperimentare e vagliare criticamente volta per volta.

L’insegnamento è libero, sancisce anche opportunamente la nostra Carta Costituzionale; ma proprio per questo cresce la responsabilità di chi ha l’opportunità ed anche la fortuna di tramandare il sapere: non tutti coloro che mettono un piede in sala poi continuano a frequentarla per un congruo numero di anni, ciò è statisticamente impossibile; ma ogni mancata adesione o successivo abbandono è una piccola sconfitta contro la quale si devono battere tutti coloro che amano questa disciplina.

Tutte queste considerazioni mi hanno indotto, nel mio limite, a scrivere le note che seguiranno, fedelmente puntata su puntata; in effetti il Sito Passionescherma.it è il luogo ideale per tentare di trattare una materia così importante e al tempo stesso affascinante. Se volete dare un titolo a questa avventura, chiamiamolo “La didattica nella ricerca, nell’intrattenimento e nella formazione tecnica dello schermitore”.

La scherma, e non sia pura autoreferenzialità, allena al meglio il corpo e la mente, costruisce l’autostima, insegna a combattere con rispetto l’avversario e fa conoscere tante persone e luoghi; non ultimo, il praticarla dona felicità. In linea teorica appassionare alla scherma dovrebbe quindi essere una non difficile impresa.

Il piano dei lavori, almeno il suo abbozzo, è il seguente:  1 – Ricerca dei nuovi iscritti, 2 – Accoglienza del neofita, 3 – Gestione dei Veteres, schermitori che iniziano a tarda età,  4  – Didattica sulla tecnica schermistica.

Come si vede, non ho voluto limitare il campo di indagine alla pura tecnica, ma ampliarlo a tutto campo, conglobando ogni istante che riguardi il complessivo rapporto tra schermitore e universo- scherma.

Ad esclusione della tecnica vera e propria, ho già trattato con precedenti miei scritti il tema della pubblicità e dell’insegnamento alle giovani leve: La divulgazione della scherma tramite manifestazioni e corsi scolastici – La scherma a sette anni, opere che trovate nella rubrica “Libri e audiolibri da scaricare”. Quindi per questi argomenti mi limiterò ai principali temi, richiamandomi sovente alle suddette opere.

 

Maestro Stefano Gardenti

a Montemignaio nell’agosto del 2019

 

II – La Didattica: La ricerca dei nuovi iscritti

Quando si parla di un’organizzazione sociale un’immagine diffusa nel linguaggio comune è quella della piramide: in effetti  la Geometria, unita in questo caso alla Fisica, offre questa figura di solido come forma ideale per la costruzione dello stare insieme organizzato.

Per la materia che ci proponiamo di indagare non ci interessano tanto i riferimenti al vertice, ovvero alla conduzione del vivere associato, quanto piuttosto quelli relativi alla base.

Proprio dalla Fisica e dalla Geometria poco sopra citati sappiamo che tanto più una base è estesa tanto più il solido, cioè nel nostro caso l’associazione di persone, risulta stabile e, in proporzione, ci si può spingere con tranquillità verso l’altezza. In altre parole tanti più sono gli iscritti di un Circolo di scherma, tanto più solida risulta la Società e con più probabilità si raggiungono gli scopi per cui essa si è costituita.

Tuttavia un primo aspetto della ricerca di nuovi iscritti riguarda proprio questa desiderata e ricercata esigenza di crescita: ovviamente la capienza dell’ambiente in cui si svolge l’attività, il numero di insegnanti sia specificatamente di scherma sia di preparazione atletica in senso ampio è funzione del numero dei frequentanti. Esaurita la migliore distribuzione in turni settimanali ed orari non solo è inutile, ma anche nocivo continuare ad incamerare nuovi soci: l’attività col tempo diventerebbe caotica e la cura dedicata ad ogni singolo membro si dimostrerebbe insufficiente per l’ideale crescita in senso ampio dello schermitore.

Non credo che, almeno in Italia, siano tante le Società in queste pericolose condizioni, ma mi è parso opportuno richiamare questo primo principio sistematico.

Il problema poi, e lo sanno bene i tanti colleghi, non è quello di far entrare un bambino o un ragazzino in sala, quanto piuttosto quello di fidelizzarlo; ma di questo tratterò nel prossimo capitolo di questo mio lavoro.

Qui invece la questione si pone di come contattare positivamente i potenziali nuovi schermitori.

Oggi gli aiuti esterni non mancano: uno dei migliori veicoli pubblicitari sembra essere rappresentato dalle affermazioni agonistiche del o dei campioni e, sotto questo aspetto, poche nazioni hanno da invidiare l’Italia. Tuttavia, è bene sottolinearlo, quello che piace non è solo la disciplina in sé, quanto piuttosto l’immagine complessiva del successo e di ciò che esso comporta ai nostri tempi, quindi appunto pubblicità e magari disponibilità economiche, vere o presunte in relazione ad altri sport più diffusi. Quindi televisione, carta stampata e Social aiutano il movimento, ma attenzione alla situazione di specchietto per le allodole poco sopra evocata. L’effetto indesiderato è quello di vedere in sala dei bambini –meteora, che non trovano riscontro immediato di quelle false indirette premesse o promesse. La frustrazione viene poi equamente spalmata tra insegnanti che vedono andare in fumo almeno un anno di intenso lavoro di avvicinamento alla scherma e bambini che, disillusi dalla nostra disciplina, continuano nella ricerca di un altro mondo dove avere un improbabile successo. E dire che lo sport dovrebbero farlo, se mi è consentito, non solog li Hans biondi e con gli occhi azzurri, bensì coloro che risultano al momento deficitari di adeguate capacità motorie o di sicurezza comportamentale.

Per quanto riguarda la propaganda la nostra Federazione indubbiamente ha molto ben operato, gettando sempre più numerosi ponti tra la scherma e la Scuola, pubblica e privata; ma anche in questo caso non agiamo in regime di monopolio, ma, forse anche giustamente, siamo in concorrenza con tante altre discipline, soprattutto di seconda e di terza linea.

A queste opportunità ogni Club aggiunge poi sul territorio tutti i suoi sforzi tramite iniziative personalizzate attraverso contatti istituzionali con le Autorità e organizzazioni locali.

Io sono del parere, spero facilmente condivisibile, che la migliore pubblicità si faccia attraverso il proprio operato, anche se in modo diverso e differenziato in piccoli centri anziché in grandi città.

Indubbiamente anche a questi livelli i successi agonistici possono dare una mano, ma la forza determinante di un’associazione è quella che scaturisce dalla vitalità, dall’umanità e dall’attenzione ai rapporti interpersonali che riesce a far percepire anche al suo esterno. Molti sperano che i propri figli diventino campioni (magari loro sono ancora troppo piccoli per essere allettati oltremodo da questo fine), ma credo che siano più i genitori che cercano per i propri figli un ambiente sereno e familiare in cui vederli crescere nelle loro potenzialità.

La scherma a questo riguardo ha delle straordinarie credenziali: ci si diverte (primo imperativo categorico), si ricerca anche tramite il gioco sportivo l’efficacia del corpo nel rapporto con il mondo reale, si concorre a sviluppare la razionalità che tanta importanza riveste nel nostro ruolo di homo sapiens, si sta con altri individui nel rispetto di norme comportamentali.

Questi sono i contenuti che vanno sbandierati ai quattro venti per trovare nuovi adepti: un bambino, un ragazzo vengono addestrati alla vita tramite l’attività sportiva, ognuno nei propri limiti; e la scherma è un condensato di tutte queste componenti: sia sufficiente il fatto pensare che tutta la preparazione è finalizzata proprio allo scontro sulla pedana, una vera e propria anticipazione di ciò che poi dovrà affrontare nella vita in tutti i suoi numerosi risvolti

I singoli club devono quindi organizzare nel proprio habitat civile, città o paese che sia, una ricorrente attività di propaganda, che serva appunto ad illustrare questa preparazione di base che viene pur indirettamente fornita allo schermitore: non dimentichiamoci che quest’ultimo viene appunto costruito su un individuo fisicamente e mentalmente allenato al meglio.

Per dettagliare questo tipo di contatto con la società civile rimando al mio lavoro La divulgazione della scherma tramite manifestazioni e corsi scolastici, dove potete trovare una multiforme tipologia di intervento in habitat tutti diversi tra loro. Intendiamoci, si tratta solo di un canovaccio per avere una visione strutturale d’insieme: il particolare dovrà ovviamente essere curato secondo tempi e luoghi di applicazione.

Tutto comunque, secondo il mio parere, dovrà convergere nel promuovere quanto prima il contatto reale con la propria sala, dove futuri schermitori e soprattutto genitori possano entrare direttamente in contatto con la realtà della vita di club: conoscenza della struttura, degli operatori, del corpo dirigenziale, in una parola con la realtà sociale.

A questo proposito una doverosa specificazione: da più parti la nostra disciplina viene un po’ criticata per il suo carattere fortemente individualista. Questo è indubbiamente innegabile dal punto di vista della prestazione sportiva, ma spesso si sottace colpevolmente che la squadra dello schermitore, ovviamente nel proseguo della sua frequentazione, è tutto il club: da noi la vita di tutti i giorni, cioè la preparazione e gli allenamenti, viene vissuta assieme all’altro sesso, anche senza differenza sostanziale di età o di valore agonistico. Questo, credo, sia un valore aggiunto non indifferente per la crescita globale dell’individuo.

I tre moschettieri, Zorro e quant’altri sono lì pronti con le loro storie ad aiutarci: il fascino, la curiosità e il desiderio di diverso sono i migliori alleati per chi, come noi, vuole diffondere la pratica e la cultura schermistica nel mondo.

Maestro Stefano Gardenti

A Montemignaio nell’agosto del 2019

 

 

III -La Didattica: L’accoglienza del neofita

Nell’esperienza del nuovo grandissima importanza riveste l’imprinting, cioè la prima impressione che il soggetto ricava dai contatti di esordio esperienziale in una nuova situazione  ambientale.

Due sono gli elementi  che contribuiscono a formare questo giudizio istintivo ed immediato: l’Habitat e i soggetti presenti in esso.

Per quanto riguarda il primo, una certa importanza riveste il vero e proprio ambiente fisico, vale a dire la sala con tutte le sue caratteristiche: ubicazione, ampiezza e relativo numero di pedane, luminosità, attrezzature sia schermistiche che per la preparazione atletica, sino addirittura alla presenza di un comodo posteggio per auto e moto. Come si dice l’occhio vuole la sua parte ed anche certe comodità, pur non essendo ovviamente condizionanti in senso assoluto, tuttavia favoriscono certo una prima buona impressione.

Questo vuol dire che i club che non dispongono di questo tipo di impianto devono chiudere o addirittura non aprire nemmeno i battenti? Ovviamente no; anche perché l’habitat è importante, ma il fattore umano lo è straordinariamente di più. Così, tanto per fare un esempio, la basilica di San Pietro non può non colpire per le sue caratteristiche storiche, architettoniche ed ecclesiali, ma la Porziuncola, la chiesetta originaria di San Francesco contenuta ad Assisi in Santa Maria degli Angeli, sprigiona un altro tipo di fascino del tutto incomparabile.

Così dicendo, ho anticipato il valore delle considerazioni sul secondo elemento dell’imprinting, i soggetti della sala.

In neofita ancora non sa come è strutturato un club di scherma standard, per cui per lui l’importanza dei soggetti è rivestita da tutto lo staff: maestro, eventuale istruttore, eventuale preparatore atletico e, a latere, la dirigenza.

A seconda dell’organizzazione della sala, in tempi non troppo lunghi, oltre che relazionarsi ovviamente con chi segue i suoi primi passi, deve entrare in contatto con tutte le realtà soggettuali: il maestro, se non segue personalmente il neofita, non deve estraniarsi, ma farsi conoscere e percepire come colui che soprassiede al tutto, in una parola come capo; anche eventuali altri istruttori devono fare brevi incursioni, magari con battute scherzose al fine di facilitare i contatti personali; non dico il presidente, probabilmente quasi sempre super impegnato, ma qualche consigliere del Circolo deve farsi vedere e farsi conoscere come tale, cioè come uno senza divisa o tuta, ma comunque come un componente dell’ambiente.

Uno dei contatti umani più importanti è rappresentato comunque dagli altri schermitori, magari quelli più prossimi di età, che sono già attrezzati per il libero assalto: è molto utile facilitare il contatto e il dialogo tra questi tipi di soggetti. In effetti, assistendo a qualche match in sala, l’entusiasmo, la curiosità e la voglia di partecipare non possono altro che crescere a dismisura; domande, curiosità e anticipazioni sorgono spontanee e spesso rappresentano i prodromi di un’amicizia.

Insomma, avete capito, la sala, percepita inizialmente dal neofita solo come luogo dove fare la scherma, deve rivelarsi al più presto per quello che noi ben conosciamo: luogo dove assieme ad altri ci si diverte ad apprendere la teoria schermistica e a perfezionarne l’applicazione, luogo dove, allenando corpo e mente, cerchiamo di essere migliori, luogo dove ci rafforziamo per migliorare le nostre prestazioni nel nostro intento finale, affrontare e cercare di battere il nostro avversario. Sono rare altre fucine di questo tipo: farne parte ci fa sentire componenti di un tutto; proprio noi, che invece impersoniamo quanto più non è possibile l’individualismo.

Essenziale è che tutto il corpo insegnante e dirigenziale, sin dall’inizio, vigilino e, se di caso, intervengano poi attivamente e tempestivamente sulle inevitabili e pericolose distorsioni dei rapporti che sovente insorgono per la imperfetta natura umana, minacciando seriamente questo sopra decantato spirito di corpo. Parlo soprattutto della possibilità dell’insorgere dell’invidia tra gli appartenenti ad uno stesso gruppo: quindi per ogni tipo di affermazione altrui un provvidenziale e proficuo spirito di emulazione personale.

Lasciamo ora i temi psicologico-sociologici relativi all’innesto di un soggetto in una preesistente realtà e incentriamo la nostra attenzione sulle attività in cui il nuovo soggetto è innestato sin dal primo giorno.

In questa prima fase il preparatore atletico o comunque chi ne fa le veci rappresenta il polo catalizzatore: in effetti le razioni di tecnica schermistica devono essere ben ponderate e la maggior parte del tempo deve essere dedicata allo sviluppo delle cosiddette capacità coordinative dell’individuo; le lezioni di scherma sono quindi doverosamente molto diluite in funzione dell’età del neofita. A questo proposito vi invito a leggere il mio lavoro “La scherma a sette anni”, che trovate nella rubrica del sito Libri e audiolibri da scaricare.

Ormai, fortunatamente anche per gli allievi, si è diffusa la metodologia dell’insegnamento soprattutto tramite lo sviluppo del meccanismo del gioco: non a caso i nostri padri latini un paio di migliaia di anni fa lo teorizzavano con la nota frase ludendo educere.

In effetti il gioco innanzitutto diverte, con il gioco si imparano cose nuove, si apprendono nuove norme comportamentali, si allenano corpo e mente, si stimola la competitività, si possono organizzare sia giochi individuali sia a squadre sviluppando quindi anche la socializzazione tra gli individui; compatibilmente con l’oggetto dell’insegnamento ed il rapporto con il discente è il mezzo d’insegnamento più proficuo, veloce e stimolante; nel contempo meno tedioso, meno stancante e meno monotono.

Un altro grandissimo pregio del gioco è quello di essere estremamente flessibile nel senso di poter essere adattato a varie tipologie di individui e per questo stimola non poco la creatività di colui che lo utilizza per trasmettere nuove informazioni e per allenare. Sempre a questo proposito trovate un altro mio lavoro, “Il gioco nell’insegnamento della scherma” nella rubrica del sito Libri e audiolibri da scaricare.

Per concludere, il neofita e i suoi genitori nel caso si tratti di un bambino devono percepire, a prescindere dal nome e dalle dimensioni del Club, di appartenere sostanzialmente ad una società di persone, il cui fine ultimo sia, ovviamente attraverso la pratica schermistica, di collaborare con la famiglia allo sviluppo globale dell’individuo, fisico, mentale, psicologico e sociale. Tale fine non esclude l’agonismo, tutt’altro, ma il Circolo deve garantire di gestire quest’importante molla con intelligenza, sensibilità e responsabilità: esser campione è un facile e diffuso desiderio, ma per molti, sicuramente i più, questo traguardo resterà solo un sogno. Applicarsi al meglio di se stessi in sala è un ovvio dovere di ogni schermitore, ma, secondo il mio parere, mai si dovrebbe scambiare il fine con il mezzo: l’avventura scherma deve essere vissuta con passione positiva, altrimenti è facile scadere in un tipo di passione di tutt’altro segno.

D’altra parte, come abbiamo ricordato poco sopra, la nostra disciplina ha tutte le componenti per essere praticata, amata e vissuta anche a prescindere dalle personali affermazioni agonistiche: divertimento, mantenimento della forma fisica e mentale, spirito di gruppo con gli amici di sala, fascino della tecnica schermistica.

Questo è il messaggio centrale che coloro che animano e conducono una sala devono trasmettere a chi ha la fortuna di varcarne la soglia: in una parola la passione per la scherma.

M° Stefano Gardenti

a Montemignaio nell’agosto del 2019

 

 

IV – La Didattica: Gestione dei  Veteres

Una doverosa precisazione: chi sono questi Veteres?

Cominciamo col dire che questi schermitori fanno agonisticamente parte delle categorie dei Master, ma, rispetto ad essi, presentano una precisa connotazione tecnica: non continuano, appunto da master, l’attività che hanno praticato da giovanissimi o almeno da giovani, ma si sono accostati alla nostra disciplina soltanto da adulti, diciamo, molto convenzionalmente, almeno dopo i vent’anni, tanto per riallacciarci anagraficamente alla fine delle cosiddette categorie giovanili.

L’amore non ha età, si dice spesso: in questo caso la passione è esplosa un po’ tardi, ma non per questo può essere meno intensa e vissuta rispetto a chi ha avuto la fortuna di crescere facendo affondi, parate di quarta o sciabolate alla testa.

Tra l’altro questo accostamento tardivo alla scherma mi risulta un fenomeno in continua crescita e questo, credo, per una serie di motivi di facile intuizione: primo fra tutti il fatto che con scimitarre e spadini di plastica a Zorro abbiamo giocato da piccoli veramente tutti – secondo perché il Pascoli diceva molto bene che in ciascuno di noi, pur nell’andare degli anni, permane lo spirito del fanciullino – terzo in quanto chi entra in sala trova, in genere, un ambiente molto accogliente in cui poter fraternizzare quanto prima con altri appassionati; non bisogna quindi affaccendarsi a trovare un partner per una partita di tennis o quattro almeno per una partita a calcetto, cinque per la pallacanestro e così via; gli sfidanti li incontri direttamente sul posto – quarto perché in quasi in tutte le sale ci si può andare, si fa così per dire,  in che giorno e a che ora si vuole, vieppiù senza orari precisi da rispettare – quinto in quanto lo sforzo fisico, soprattutto in certe specialità, è limitato e ognuno poi può trincerarsi in un proprio stile – sesto, fatemelo dire, perché Scherma è bello: la parte razionale della teoria schermistica è veramente entusiasmante, miscelate poi il tutto con la tattica e la strategia di pedana e il risultato non può che essere avvincente per un elemento di una certa età – settimo perché con la pedana si resta allenati fisicamente e vispi intellettualmente – ottavo    …omissis.

Le sale di scherma, tra l’altro, avendo sufficiente spazio o lavorando attentamente sugli orari, hanno scoperto questa nuova vena ai fini di riempire i loro forzieri, che, per una serie di motivi che conoscete meglio di me, sono sempre vuoti o tendenzialmente tali.

Questa particolarissima categoria di schermitori, torno a dire quella composta da elementi che si accostano alla nostra disciplina dopo i vent’anni,  fa nascere tutta una serie di problematiche: – come poterla raggiungere – come allettarla a frequentare un periodo di prova – come accoglierla in sala – come allenarla tecnicamente e così via. D’altra parte è comprensibile come i metodi utilizzati con le altre categorie più giovani oppure con i veri e propri Master non siano applicabili tel – quel, ma vadano apportate delle modifiche, delle esclusioni o delle nuove inclusioni metodologiche.

Personalmente ho avuto la fortuna di seguire per un discreto numero di anni un foltissimo stuolo di schermitori di questo tipo e, riordinando gli appunti che mano a mano avevo l’abitudine di annotare, ho prodotto “La scherma dei Veteres”, in cui affronto tutta la serie di problematiche appena sopra accennate soprattutto dal punto di vista della didattica dell’insegnamento tecnico; trovate questo mio lavoro nel sito nella rubrica Libri e audiolibri da scaricare.

Inutile dire che questa particolare esperienza di insegnamento mi ha veramente arricchito professionalmente e personalmente: avevo l’opportunità di insegnare la nostra disciplina a chi la amava veramente e, soprattutto, disinteressatamente.

a Montemignaio nell’agosto del 2019                               Maestro Stefano Gardenti

 

 

V – La Didattica:  L’insegnamento della tecnica schermistica

a – Principi generali

Non posso non iniziare dall’esposizione di alcuni principi generali che, a mio avviso, devono influenzare direttamente il modo di organizzare il flusso di informazioni che il docente indirizza verso il discente.

1 – La prima considerazione da fare è che il flusso di cui appena sopra non è a senso unico, ma è da interpretare come un continuo scambio reciproco di dati.

Mi spiego meglio: se immaginiamo l’attività formativa come un ponte, quest’ultimo non deve essere percorso solo dal docente oppure dal discente, ma, a seconda delle situazioni, dovrà avvenire un incontro tra i due soggetti in un qualche variabile punto del ponte, dopo che entrambi si saranno mossi alla volta dell’altro.

In effetti sarebbe un errore credere che il facile logico, di cui è portatore il docente, appartenga già al discepolo, che, invece, è in possesso solo del suo personale facile psicologico.

Di conseguenza l’insegnamento non può mai essere, come si dice, ex cathedra, ovvero un soliloquio di chi porta il messaggio e dall’altra parte un passivo ascolto di chi recepisce; al contrario, il rapporto deve essere informato a reciproci sinergismi di varia natura.

2 – Una seconda considerazione attiene la metodologia dell’offerta dei nuovi dati all’utenza.

Fondamentale è, laddove possibile, fornire la conoscenza non in modo preconfezionato, tanto per intendersi meglio in confezione pronta all’uso, quanto piuttosto cercare di creare gli idonei presupposti logico – situazionali in modo tale che essi portino l’allievo alla scoperta personale del dato in oggetto. Per fare un esempio: il meccanismo della cavazione, quale svincolo da un legamento dell’avversario per poi andare a toccarlo, non deve essere rivelato dal docente, quanto piuttosto ricavato dall’allievo stesso sotto la guida stimolante dell’insegnante. Questo perché quanto più il dato si realizzerà come conquista personale, tanto più sarà direttamente capito e introiettato in profondità; all’insegnante resterà il compito, sicuramente necessario, di perfezionare l’esecuzione meccanica del gesto tecnico. Questo, com’è noto, è il cosiddetto metodo globale.

3 – Un altro aspetto importante nell’insegnamento è quello della razionalizzazione del gesto.

All’allievo non è demandata la mera esecuzione tecnica, senza alcuna contestualità logica ed esperienziale; al contrario, almeno tendenzialmente rispetto all’età del discepolo, ogni postura o atto sulla pedana deve essere non solo ben recepito a livello di esecuzione, ma anche e soprattutto capito nei suoi presupposti, nella possibilità di scelta opzionale e nelle modalità di esecuzione.

Circa la prima area culturale è necessario razionalizzare che un gesto schermistico non è casuale, ma dipende in modo diretto da un preciso tipo di situazione: ad esempio, per una cavazione il proprio ferro deve essere sotto il legamento di quello dell’avversario.

Circa la seconda, cioè la possibilità di scelta opzionale, è importante capire che in certe situazioni si possono scegliere strade tecniche alternative: ad esempio, potendo intervenire sul ferro antagonista si può effettuare sia una battuta e colpo, sia un filo.

Circa la terza, cioè la modalità di esecuzione, altrettanto importante è verificare il perché la modalità esecutiva di un gesto tecnico si porta a termine in un modo piuttosto che in un altro. In questo caso è fondamentale l’utilizzo dell’errore volontario: ad esempio, per capire quanto i due piedi devono distanziarsi l’uno dall’altro nella postura di guardia, è molto utile far verificare cosa accade se i due piedi sono o troppo vicini (poco equilibrio e poca possibilità di spostamento in avanti e all’indietro) o troppo lontani (poca espressione dell’affondo in avanti e poca possibilità di spostamento).

L’allievo, che, pur nei suoi limiti, capisce sin da subito quando e perché si fanno certi gesti tecnici e come vanno fatti al meglio, costruisce in modo ottimale il suo progressivo bagaglio tecnico.

4 – Altro concetto importante è la contestualizzazione di ogni colpo, dal più semplice (come la botta dritta) a quello più complesso (magari una doppia finta).

Della conoscenza del presupposto, quindi del prima di un colpo, si è appena detto; qui si tratta di completare l’excursus, parlando del dopo, cioè di cosa può accadere nel caso che la propria stoccata non vada a segno. In pratica si tratta di far capire all’allievo sin dalle prime battute cosa è il fraseggio schermistico, almeno nel suo più elementare sviluppo: un’azione d’attacco, una reazione difensiva avversaria (ad esempio una parata e risposta) ed  una contro reazione (ad esempio una controparata e risposta). L’allievo in tal modo recepisce quanto prima che i singoli gesti tecnici non valgono in se stessi, ma si inseriscono in un logico divenire tattico.

5 – Altra considerazione, d’altra parte molto ovvia, riguardante il linguaggio, ovvero la natura del mezzo di trasmissione dei dati dal docente al discente.

Ogni individuo, per età e/o per cultura, è in possesso di un proprio personale lessico; ebbene questo dovrà essere il tendenziale campo d’incontro per la trasmissione dei dati. Il docente a questo proposito diventa interprete a seconda di chi si trova sulla pedana e sceglie i termini più opportuni per trasmettere il suo messaggio formativo.

Sin da subito è anche consigliabile, pur con soggetti molto giovani, l’insegnamento degli specifici termini tecnici (cavazione, circolata, parata semplice, parata di contro …): ciò nel tempo porterà sicuramente ad una migliore ed immediata reciproca comprensione.

6 – Un aspetto non secondario viene rivestito anche dall’aspetto relazionale, cioè del rapporto che quasi subito si afferma tra docente e allievo.

Ovviamente troppa severità può alzare qualche pericoloso freno a mano, mentre troppo cameratismo può creare problemi in senso inverso; un equilibrio attento e critico tra questi due estremi rappresenta senza alcun dubbio la situazione mediana, che da più garanzie per la costruzione di un buon reciproco rapporto, direi confidenziale, ma di rispetto. Col tempo, sappiamo poi, che tra maestro ed allievo si creerà quell’intimità che racchiuderà in modo ottimale tutti gli altri  aspetti delle due personalità; e sarà diverso tra discepolo e discepolo.

7 – Parliamo ora di un collante di fondamentale importanza per la vita dello schermitore, il divertimento.

Insegnare, allenare e mantenere in forma è una scienza, ma è anche un’arte; il bambino, il ragazzino, ma anche l’atleta affermato hanno necessità di sdrammatizzare e alleggerire certe situazioni; ed ecco che già i nostri padri latini (e forse non sono stati nemmeno i primi) dicevano: Ludendo educere, cioè giocando, insegnare.

Le dinamiche psicologiche e fisiologiche del gioco sono ormai ben note a tutti i preparatori atletici (non così, ahimè, ai miei tempi!) e nelle sale di scherma fortunatamente si sente spesso ridere o quantomeno si vede sorridere.

L’educatore di scherma in questa ottica ha un importante compito: far capire al neofita, ma non solo a lui, che la fase ludica essenziale e finale della scherma coincide ovviamente con la disputa del libero assalto, magari anche senza il computo delle stoccate come si fa in sala; ma, tanto più ci si vuole divertire sulla pedana, tanto più ci si deve allenare tramite la preparazione atletica, la lezione tecnica del maestro e gli esercizi con i compagni di club. Questo insegnamento va dato sin da subito e la maturazione di uno schermitore si vede appunto da quanto questo input viene recepito. Già i miei vecchi maestri, ma probabilmente lo facevano anche da prima, portavano il classico esempio dell’agricoltore: Raccoglie chi ha seminato.

8 – Nell’elenco di questi fondamentali della didattica che mi sono azzardato a stilare non può poi mancare l’entusiasmo.

Incontenibile spinta ad agire e operare dando tutto sé stesso, recita un buon vocabolario. Indubbiamente questo atteggiamento dello spirito è foriero di buone cose e, tra l’altro, dà anche buoni insegnamenti per la vita di tutti i giorni anche fuori dalle sale di scherma.

Il docente deve cercare in tutti i modi di trasmettere, far nascere, mantenere e accrescere questo stato d’animo; magari non riuscirà umanamente a farlo tutti i giorni, ma suo compito importante è quello di far sprizzare gioia e appunto entusiasmo dai suoi ragazzi.

Non è poi così difficile, basta un pizzico di retorica: un po’ di Zorro un giorno, una dose di re Artù in un altro, qualche moschettiere qua e là, senza naturalmente dimenticare Orlando e Lancillotto. Che ci piaccia o no, che qualcuno ci creda o no, gli schermitori di oggi sono gli eredi di questi personaggi fantastici.

Il docente deve lavorare anche nella sfera emotiva degli allievi, colorando la materia del suo insegnamento: la nostra fascinosa disciplina ha tutte le carte in regola per poter esercitare curiosità, interesse, stupore, amore e, ultima tappa, passione.

9 – Buon ultimo, ma non ultimo, il fatto di far percepire al neofita, ma anche a tutti gli altri, di far parte di una sala di scherma.

Piccola o grande che sia la sala ci fa capire e percepire che la scherma non si può fare da soli: amici e avversari, avversari e amici si mescolano e trovi quello più forte di te che vuoi battere e quello che invece aspetta solo di batterti e quindi ti sfida in continuazione; trovi sempre con chi ridere mentre stai sudando copiosamente sotto la guida del preparatore atletico, trovi sempre con chi fare un po’ di confusione negli spogliatoi e trovi sempre il maestro che ti acchiappa per la lezione.

Ma trovi sempre, e questo è importante farlo capire a tutti, qualche compagno che puoi osservare per ripassare un po’ di tecnica e qualcuno che ti faccia vedere anche come non si deve fare.

La sala di scherma è una cosa viva, composita, accogliente …e tu ne fai parte!

Maestro Stefano Gardenti

a Firenze nel settembre del 2019

 

b – L’approccio tecnico

Premessa: è consigliabile fornire al neofita una giusta e progressiva ambientazione culturale; in effetti spesso si parte dalla B o dalla C senza tener conto dell’A. La storia delle armi e della scherma è ricca di aspetti interessanti e affascinanti: il passaggio da quelle pesanti a quelle leggere dovuto alla scoperta della polvere da sparo, la figura storica e letteraria del cavaliere, i duelli d’onore, la nascita della disciplina schermistica sportiva e così via. Naturalmente chi entra in una sala non si iscrive ad un corso di storia delle armi o di costume, ma qualche notizia flash qua e là non è del tutto disdicevole e, se ben dosata, concorre ad aumentare il pathos intorno alla nostra disciplina. Importante è anche presentare, pur sommariamente, le caratteristiche delle tre specialità, fioretto – sciabola – spada.

 

c – I fondamentali

1 – Rapporto con l’arma

Premessa:  L’ottimale maneggio dell’arma deriva in massima parte dall’utilizzo che ne viene fatto nel tempo, in una parola dall’esperienza; quindi è necessaria pazienza e vigilanza continua. Partire col piede giusto è però fondamentale in quanto errori trascinati nel tempo sono correggibili molto difficilmente.

Presentazione dell’arma: si mostra una qualunque arma, meglio se a ciascuno ne viene consegnata una, ammonendo subito sulla sua potenziale pericolosità ed esortando quindi a maneggiarla con grande attenzione verso gli altri.

Se ne descrivono le singole parti, manico, coccia, lama con riferimento sia alla sua punta sia, se di caso nella sciabola, della sua parte laterale (gli storici taglio e controtaglio); si associano poi a queste singole parti le funzioni che sono chiamate a svolgere: quindi luogo dove la mano alloggia, protezione della mano (sia fisica che come bersaglio avanzato valido), segmento a cui è affidato il dialogo tecnico col pari ferro dell’avversario.

Esercizi didattici: tutto deve essere chiaro e ben recepito: il conduttore può porre una serie di veloci e accattivanti quesiti per verificare lo stato di apprendimento; le risposte devono essere ovviamente esaustive al massimo grado.

Come si impugna

Premessa: Qui le scuole possono differenziarsi in relazione alla conformazione fisica del manico: anatomico (o ortopedico), francese (o liscio), forme miste e, solo per citazione storica in quanto non più utilizzato, italiano; ma le scuole non si differenziano per le funzioni che l’arto mano deve essere in grado di esprimere fisicamente. Per la sciabola invece, come sappiamo, il manico è unico.

Postura: sappiamo che la relazione tra schermitore e attrezzo-arma costituisce la colonna portante per un buon rendimento sulla pedana; di conseguenza è di  fondamentale importanza far incentrare la massima attenzione del neofita su come deve entrare in relazione con il manico.

Un primo concetto è quello dell’applicazione della giusta quantità di forza: si deve far osservare che anche se è l’intera mano che avvolge il manico, sono tre le dita guida: l’indice che sorregge da sotto, il medio che serra verso la mano, il pollice che serra dal sopra; le altre due dita svolgono solo funzioni sussidiarie di sostegno. Cercando di ossequiare queste note l’allievo già capisce che il rapporto con il manico deve essere improntato alla leggerezza e non ad una stretta possente.

Esercizi didattici: utilizzando cerchietti di diametro variabile, invitare l’allievo a infilarci dentro la punta dell’arma, consigliandolo di rilassare braccio e mano per ricercare la massima fluidità e precisione. Intanto si ricorderà che nel gestire il braccio armato non è necessaria una grande quantità di forza da quando nel medioevo hanno buttato le corazze alle ortiche per l’invenzione degli archibugi; da allora una delle doti maggiori per lo schermitore è diventata la velocità e la derivata agilità.

Il secondo concetto per ottimizzare la gestione della propria arma è quello della variazione nel tempo della forza applicata dalla mano, la cosiddetta stretta in tempo: all’allievo va fatto capire che sono le contingenze del rapporto tra i due ferri a condizionare questa forza.

Esercizi didattici: invitando l’allievo ad impugnare l’arma con leggerezza, in seguito si esegue sul suo ferro una serie di battute energiche intervallate nel tempo; poi si invertono le parti e sarà l’allievo ad effettuare le battute. Il più delle volte è lo stesso neofita che intuisce la situazione e stringe maggiormente la mano sul manico; l’importante è oggettivare subito con lui la cosa e rassicurarlo che con l’esercizio e il tempo il meccanismo diverrà spontaneo e automatico.

Per allenare la stretta in tempo sarà proficuo alternare il surricordato esercizio dei cerchietti con le battute.

 

2 – Ambientazione del luogo di gara: la pedana

Premessa: molto importante è calare il neofita sin da subito nella dimensione spaziale in cui si muoverà e tirerà di scherma, parlo della pedana; senza entrare nei dettagli specifici delle varie misure, si presenterà al neofita questo campo di gara, facendo presente che, violandone i confini, si è sottoposti a due tipi di sanzioni, cioè all’arretramento e addirittura all’assegnazione di una stoccata di penalità a favore dell’avversario.

Argomento: per i nostri fini tecnici, cioè per l’acquisizione del concetto di linea direttrice, siamo molto facilitati dalla larghezza ordinaria delle pedane nelle nostre sale, come sappiamo in deroga delle norme internazionali; in effetti le piste in queste condizioni funzionano come binari indotti per gli spostamenti che effettueranno i due schermitori posti uno di fronte all’altro. E’ consigliabile, appunto per questo motivo, far lezione sempre su una pedana e, se la lezione fosse collettiva, è parimenti utile nei limiti del possibile, porre ciascun allievo su una propria pedana, al limite uno dietro l’altro ovviamente ad una certa distanza.

L’occasione sarà propizia per anticipare al neofita che un altro protagonista del match è il tempo: tempo effettivo, che quindi viene contenuto tra l’ordine del via a quello dello stop. In generale: allo scadere del tempo regolamentare chi si trova in vantaggio vince, mentre in caso di parità si afferma chi mette la prima stoccata.

Esercizi didattici: si possono porre delle domande per verificare il grado di recepimento delle informazioni fornite. Ribadire nuovamente questi dati non sarà certo nocivo o noioso: repetita iuvant.

 

3 – Prima posizione

Premessa: la cosiddetta prima posizione, come sappiamo, col passare del tempo finisce per essere alquanto abbozzata e personalizzata da ogni schermitore un po’ evoluto; ma all’inizio deve essere fatta eseguire secondo i prescritti canoni.

Considerazioni: per il neofita invece viene a costituire una specie di parentesi formale per delimitare le attività di pedana, cioè la lezione, in seguito l’assalto e infine il match; egli dimostra tramite la sua corretta esecuzione a sé e agli altri la conoscenza e la padronanza del gesto tecnico; quindi grande ne è la portata psicologica.

Importante è anche l’aspetto tecnico: rispettando la postura dei piedi e il profilarsi del busto, il neofita non fa altro che posizionarsi correttamente ai “blocchi di partenza”, naturalmente apertura delle gambe e braccia  parte. Dalla prima posizione infatti si scende direttamente in guardia ed in seguito si effettua il ritorno.

Postura: piedi ad angolo retto con quello sotto il braccio armato davanti all’altro, peso equamente distribuito sui due arti, pugno armato al fianco opposto rispetto al braccio armato, maschera impugnata con la mano del braccio dietro nei pressi dello stesso fianco, busto profilato con spalle parallele alla linea dei piedi.

Didattica: come sopra accennato il metodo da seguire è quello globale, ovvero quello che si avvale dell’imitazione spontanea, seguita poi dalle eventuali correzioni da apportare a cura dell’insegnante; correzioni che devono sempre essere motivate e recepite nella loro essenza dal neofita.

 

4 – Il saluto

Premessa: al gesto del saluto va data la massima importanza, spiegando sia il suo significato storico, cioè l’accordo convenzionale che dà inizio allo scontro, sia quello sportivo, cioè di reciproca stima. I singoli movimenti del braccio armato vanno debitamente associati al loro diretto significato: l’arma in linea prelude lo scontro e l’arma flessa in una determinata direzione ha il valore di un saluto, ecco perché lo sguardo deve accompagnare la punta della propria lama.

Movimenti: partendo dalla prima posizione, l’arma transita dal sopra nei pressi del volto (per la sciabola dal basso nei pressi del ventre) e viene completamente distesa in avanti; poi il braccio armato viene ripiegato quasi sino al volto e poi parzialmente ridisteso almeno in avanti verso il maestro o l’avversario; nelle altre direzioni, comunque prima a sinistra poi a destra, si esegue lo stesso movimento solo se vi è qualcuno; alla fine si ritorna al sito di partenza.

Didattica: l’aspetto con cui si dovrà sicuramente combattere un po’ sarà quello della rigidità e della meccanicizzazione dei movimenti del braccio armato; per similitudine, come quando alle elementari (oggi definita scuola primaria) le poesie imparate a memoria vengono di solito ripetute con scarso sentimento.

 

 

5 – la guardia

Premessa: la postura di guardia è forse l’aspetto tecnico che lo schermitore col tempo personalizza maggiormente. In effetti gli estremi spaziali che vengono forniti in sede di apprendimento non sono rappresentati da misure assolute, ma all’allievo vengono solo segnalati dei limiti da non violare, come ad esempio la distanza tra i due piedi o il grado di flessione delle gambe.

D’altra parte impostare una guardia, inutile dirlo, è di fondamentale importanza: in essa si staziona per quasi tutto il guerreggiare con l’avversario, da essa si parte in attacco o in essa ci si trincea per la difesa; parimenti, come ben sappiamo, le alterazioni posturali di una guardia non corretta non possono non influenzare negativamente gran parte dell’attività dello schermitore, come ad esempio la deambulazione o l’affondo oppure il ventaglio delle parate.

Postura: l’insegnante si porrà in piedi di fronte all’allievo e lo stimolerà a capire da solo quali sono i fondamenti della posizione che si deve studiare. O perché ha visto una gara di persona o alla TV, o perché ha visto un film di cappa e spada, o perché ha osservato magari degli schermitori in sala, tende a mettersi subito in guardia, naturalmente con tutti i limiti del caso. Ebbene si dovranno evidenziare queste colonne portanti della guardia: – che non si può stare completamente di fronte all’avversario perché in tal modo diventa più difficile avvicinarsi o allontanarsi da lui; quindi ci si deve disporre reciprocamente in una posizione defilata; tra l’altro in questa posizione offriamo meno bersaglio ai colpi dell’antagonista – che le gambe vanno piegate, perché in tal modo, come degli elastici, devono essere sempre pronte a scattare in avanti o anche all’indietro – che tutte le parti del corpo devono essere equilibrate tra loro, altrimenti i movimenti sono sempre più impacciati, imprecisi e meno veloci.

Tutto ciò abbozzato con parole semplici e sempre pronti a rispondere adeguatamente ad eventuali domande e dubbi dell’allievo da dissipare con esemplificazioni di ordine pratico, si passa poi a dettagliare le posture delle singole parti del corpo.

L’allievo, sempre in ossequio al metodo globale di cui al precedente capitolo, viene invitato letteralmente a copiare la guardia dell’insegnante; per cui: piedi ad una oculata distanza e perpendicolari tra loro con l’asse del piede avanti che transita sul tallone di quello dietro – gambe opportunamente piegate con le ginocchia proiettate sui relativi piedi – busto eretto, inclinato nel giusto grado rispetto alla linea direttrice e con le spalle alla stessa altezza – braccio armato flesso convenientemente e indirizzato verso l’antagonista – braccio non armato in posizione arcuata.

Didattica: il neofita, che naturalmente ha preso per oro colato ciò che ha visto e sentito con le opportune correzioni, al fine precipuo di introiettare l’insegnamento deve ora verificare personalmente la ratio di ogni singola postura; si tratterà di esagerare artatamente la posizione consigliata per scoprire cosa progressivamente comporta l’allontanarsi da essa.

Così si inviterà l’allievo prima a tenere i piedi molto vicini tra di loro e successivamente molto distanti; in entrambi i casi gli si chiederà poi di spostarsi in avanti e all’indietro (anche se ancora non è a conoscenza della giusta tecnica dello spostamento sulla pedana) e parimenti si farà con i piedi non in asse tra di loro. In tal modo il neofita si renderà conto che più ci si allontana da certi parametri più si incontrano delle difficoltà deambulatorie, sino proprio a renderle praticamente irrealizzabili.

Così si inviterà l’allievo a piegare esageratamente le proprie gambe in guardia e, di contro, a non piegarle per niente. Anche senza capire ancora nulla di tecnica schermistica, l’allievo percepirà proprio fisicamente di non dover mai assumere queste posture estreme. Parimenti si farà circa la perpendicolarità delle ginocchia rispetto ai piedi sottostanti, il ché gli farà comprendere la necessità di aprire con le gambe la propria guardia.

Così si inviterà l’allievo ad esagerare la posizione del proprio busto, inclinandolo in avanti o all’indietro, differenziandone l’altezza delle spalle o torcendolo oltremodo rispetto alla linea direttrice. Il neofita percepirà immediatamente le difficoltà derivanti da una posizione squilibrata, che addirittura configurerà come ridicola (torno a dire, ancora non intendendosene per nulla di tecnica schermistica).

Così si inviterà l’allievo a tenere il braccio armato sempre allungato oppure, nell’altro limite, a far toccare con il gomito il proprio busto. Nell’un caso rileverà quanto prima la stanchezza muscolare, nell’altro invece riscontrerà l’impiccio che comporta il contatto tra braccio e corpo.

Così si inviterà l’allievo a tenere il braccio non armato come vuole; quasi con certezza lo arcuerà indietro, non sapendo proprio come gestirlo (e ancora non è al corrente delle sue importanti funzioni di slancio in attacco e di riequilibrio nel ritorno in guardia; cose sulle quali ovviamente l’insegnante tornerà quando tratterà in dettaglio questi due movimenti tecnici).

Infine si dovrà spiegare all’allievo tramite dimostrazioni pratiche che lo schermitore in guardia rappresenta un unico sistema, per cui un difetto tende a crearne un altro; ad esempio se la spalla del braccio armato è inclinata verso il basso, di questa postura ne risente anche il braccio armato stesso; oppure se il busto non è adeguatamente profilato ancora il braccio armato tenderà a spostarsi verso l’esterno della guardia.

Esercizi didattici: come sappiamo la postura di guardia non è statica, al contrario essa è sottoposta a perenne movimento; ne deriva che l’allievo evidenzierà quasi certamente delle difficoltà a mantenere nel tempo le singole giuste posizioni delle sue singole parti corporee. Ecco perché, ancor prima di apprendere la deambulazione tecnica sulla pedana e l’affondo, è consigliabile fargli vivere alcune situazioni nelle quali debba riprodurre nel più breve tempo possibile la postura di guardia. Ad esempio, si può far iniziare una corsa blanda o anche una marcia e, al battito delle mani convenzionalmente prestabilito, si deve mettere in guardia e, subito dopo, al solito batter delle mani, riprendere a correre e così via; oppure dalla postura di guardia deve ruotare il proprio corpo di 90° alla propria sinistra o alla propria destra senza variarne mai l’assetto; si proverà anche nel tempo con 180°. In alternativa c’è il classico passaggio dalla prima posizione direttamente alla guardia e viceversa.

La presenza di un grande specchio in sala favorisce l’autocorrezione da parte del neofita: in effetti, come diceva un mio vecchio maestro, lo specchio per ogni schermitore ha la stessa valenza degli occhi severi del maestro, se non peggio di quella degli occhi del tuo avversario.

 

6 – Lo spostamento sulla pedana

Premessa: come abbiamo appena poco sopra ricordato la deambulazione tende ad influire negativamente sull’assetto complessivo del sistema-schermitore, per cui andrà posta la massima attenzione sull’aspetto di interconnessione tra questi due fondamentali.

Movimenti: come sappiamo due sono le tipologie di spostamento, i passi e i balzi, caratterizzati i primi dal fatto che lo schermitore mantiene sempre a terra almeno un piede, i secondi dal fatto che li solleva contemporaneamente.

Passi

Passo avanti: – primo tempo: inizia il piede avanti, sollevandosi e ponendo il proprio calcagno a terra ad una dosata distanza in direzione dell’avversario; – secondo tempo: si richiama il piede dietro ricostituendo la guardia originaria e, in contemporanea, si pone a terra l’intera pianta del piede avanti.

Passo indietro: – primo tempo: inizia il piede dietro, sollevandosi e ponendo, in direzione opposta a quella dell’avversario, la propria punta a terra ad una dosata distanza; – secondo tempo: si richiama il piede avanti ricostituendo la guardia originaria e, in contemporanea si pone a terra l’intera pianta del piede avanti.

Passo avanti incrociato: primo tempo: incrociando le gambe, si sopravanza rispetto al corpo l’intero piede dietro; – secondo tempo: per l’esterno, si sposta in avanti il piede avanti che era rimasto fermo, ricostituendo la guardia originaria.

Passo indietro incrociato: – primo tempo: incrociando le gambe, si sposta all’indietro rispetto al corpo l’intero piede avanti: – secondo tempo: per l’esterno, si sposta all’indietro il piede dietro che era rimasto fermo.

Passo laterale a destra o a sinistra: si tratta di uno spostamento verso l’esterno o l’interno della guardia, abbandonando, come sappiamo, la linea direttrice; in genere si muove per primo l’intero piede avanti per andare verso il proprio esterno oppure l’intero piede dietro per andare verso il proprio interno.

Balzi

Balzo in avanti: la meccanica del colpo esige, per il maggiore effetto, il ricongiungimento dei piedi, seguito dalla spinta in avanti assicurata dalla gamba dietro; i piedi riconquistano il terreno in contemporanea.

Balzo all’indietro: diversamente in questo caso si sbilancia leggermente il peso del corpo sulla gamba avanti, affinché possa più facilmente assicurare una spinta all’indietro; i piedi riconquistano il terreno in contemporanea.

Didattica: nell’insegnamento di questi gesti tecnici si dovrà prestare la massima attenzione anche per il fatto che i passi costituiscono i primi fondamentali di carattere dinamico e quindi si baseranno su una postura preesistente, sull’innesto di una meccanica di spostamento e su un ritorno alla postura di partenza.

Pur ancora in assenza dell’avversario si dovrà istruire il neofita sulla geometria dello spostamento: in pratica si dovrà parlare dell’immaginaria linea direttrice sulla quale giace già la costruzione della sua guardia (se è corretta), guardia ovviamente indirizzata verso l’avversario.

Parimenti, tramite la riproduzione dei difetti sperimentati sulla pedana, si spiegheranno gli errori più comuni in caso di spostamento: – l’interessamento del corpo con il suo innalzamento, abbassamento o inclinazione in occasione dei passi – lo strascicamento dei piedi per terra che rallenta il movimento – l’abbandono della giusta direzione durante lo spostamento rispetto all’avversario.

Sarà anche necessario introdurre e sottolineare, naturalmente sintonizzandosi con il giusto linguaggio in funzione dell’età del soggetto, un principio generale che del resto vale per tutta la dinamica schermistica: la velocità non deve influire negativamente sulla qualità dei gesti tecnici; questo perché al valore velocità maggiore può corrispondere una progressiva degenerazione della precisione della punta/lama e/o della capacità di penetrazione. L’allievo deve subito capire che deve essere veloce sino a quando può essere preciso.

Esercizi didattici: in questo spirito è fruttuoso organizzare, sotto varie forme, gare di passi o balzi in avanti e indietro, gare in cui, torno a dirlo, non è tanto importante arrivare al traguardo per primi, ma per primi spostandosi nel modo corretto; il conduttore, a tal fine, potrà anche introdurre durante il gioco la squalifica.

 

7 – L’affondo

Premessa: all’allievo, che del resto lo avrà visto e capito anche in modo autonomo, si deve far presente che gli schermitori si tengono e tengono l’avversario ad una certa distanza, la misura, per avere il tempo di organizzare una difesa in presenza di un suo attacco. Di conseguenza sorge l’esigenza di capire come fare a raggiungere i suoi bersagli, non essendo sufficienti ed idonei i passi avanti conosciuti dal neofita a questo punto della sua istruzione.

L’affondo (o allungo, nome che meglio esprime il gesto) rappresenta sicuramente la dinamica più impegnativa che lo schermitore è chiamato ad  esprimere motoriamente sulla pedana; questo per tre diversi motivi: – innanzitutto perché la velocità della sua esecuzione deve essere espressa quasi sempre al massimo al fine di sorprendere l’avversario nelle cosiddette azioni di attacco semplice, ma anche in quelle composte per raggiungere il bersaglio dopo l’espletamento della o delle finte – in secondo luogo perché deve traslare l’intero suo corpo, torno a ribadire il più velocemente possibile, da una postura soggetta a determinati equilibri fisici (la guardia) in un’altra postura con altri e diversi bilanciamenti (appunto la postura finale di allungo) – terzo per il fatto che lo schermitore si deve porre il problema del subitaneo ritorno in guardia nel caso in cui il suo colpo non sia andato a segno.

 

Dinamica di andata: l’esordio dell’affondo si ha con l’inizio dell’allungamento del braccio armato, che al suo culmine, senza soluzione di continuità, ha cominciato, sbilanciandolo leggermente in avanti, a trascinare il corpo verso l’avversario; a questo punto la gamba dietro, aiutata dallo slancio verso il basso del braccio dietro, fornisce l’energia esplosiva per traslare in avanti il sistema-schermitore; il corpo si è naturalmente defilato e la gamba avanti ha il solo compito di fornire l’adeguato appoggio nella postura finale di allungo; per motivi di carattere geometrico e di equilibrio si dovrà rispettare la linea direttrice che ci rapporta spazialmente con l’avversario in modo ottimale.

Dinamica di ritorno: come l’andata in allungo è caratterizzata dalla coordinazione temporale di progressivi interventi da parte delle diverse parti del corpo, così, all’opposto, il richiamo in guardia è scandito dal contemporaneo e diverso intervento di ciascun arto superiore e inferiore: tutti questi arti che si erano completamente distesi, devono flettersi e tornare alle rispettive posture di partenza.

A questa meccanica c’è un’alternativa: il ritorno in guardia resta tale e quale con la sola sostanziale differenza che è la gamba dietro a ricomporre la posizione di partenza; la soluzione è consigliata quando l’avversario, non essendoci stato colpo, è solito arretrare e quindi questa dinamica serve a recuperare spazio a proprio vantaggio sulla pedana; non solo, ma è anche utilizzabile per reiterare immediatamente un proprio attacco, configurando quella che i trattati denominano ripresa d’attacco, annoverandola tra le azioni ausiliarie.

Fondamentale comunque è far capire all’allievo che la postura finale dell’allungo è consigliabile che non sia statica, ma dinamica: cioè che l’apparato muscolare deve essere allenato non ad immobilizzare il corpo in allungo, ma sfruttando invece la sua elasticità, deve far rimbalzare il peso del corpo all’indietro, facilitandone il ritorno in guardia.

Didattica: l’affondo ha quindi due aspetti tecnici: quello dinamico, ovvero quello legato alla meccanica dello spostamento del corpo e quello posturale, ovvero quello connesso alla posizione finale in cui si arriva dopo l’allungamento del corpo.

Questi due diversi aspetti, naturalmente in relazione all’età del neofita, vanno fatti ben comprendere sin dal primo istante unitamente al fatto che lo schermitore ha un suo affondo standard in quanto a lunghezza, ma che talvolta, in presenza di specifiche contingenze, può anche produrlo, ovviamente entro un certo range, in plus o in minus.

Per acquisire la capacità di caricare e scaricare subito dopo l’energia potenziale acquisita dalle gambe in seguito alla compressione dell’allungo è consigliabile far eseguire all’allievo esercizi di pliometria: salti da differenti altezze per poi rimbalzare a terra e produrre successivi slanci in economia.

Il metodo globale, ossia quello costruito sull’imitazione di un modello presentato, anche in questo caso si dimostra il meno faticoso intellettualmente per il neofita.

Fondamentale è che venga recepito il concetto che tanto più le singole posture, quella in partenza di guardia e quella di arrivo in allungo, sono corrette, tanto più non solo sarà veloce e preciso di punta/lama l’attacco, ma anche tanto più sarà repentino il ritorno in guardia per fronteggiare, se di caso, la reazione dell’avversario se l’attacco primevo sarà stato infruttifero.

Come nel precedente caso dello spostamento sulla pedana inizialmente si dovrà vigilare molto attentamente sul fatto che la velocità non vada a discapito della precisione. La presenza di uno specchio in sala procurerà al neofita, anche in questo caso, l’opportunità di auto correggere i propri errori, almeno quelli più macroscopici.

Poi, similmente ai precedenti gesti, si inviterà l’allievo ad assumere una guardia errata sia in relazione alla postura dei piedi, sia delle gambe e sia dell’equilibrio generale; ugualmente si procederà ad alterare in senso erroneo la postura di arrivo in allungo. Poi sia in andata che in ritorno si sottolineeranno con lui le progressive difficoltà incontrare rispetto invece alla situazione di pieno rispetto dei canoni tecnici.

Appena gli allievi avranno preso discreta confidenza col gesto tecnico, sarà opportuno eseguire una serie di allenamenti-gioco: – con due allievi, uno a sinistra e l’altro a destra, si deambulerà in avanti e indietro sulla pedana, poi si apriranno le braccia con le mani aperte, bersagli ai quali, in competizione temporale l’uno contro l’altro sino a un certo punteggio, i due allievi dovranno indirizzare i loro colpi (nella sciabola si possono utilizzare due maschere) – dalle spalle di un allievo si fa partire un oggetto, ad esempio una pallina da tennis o un guanto da scherma, oggetto che deve essere afferrato tramite un allungo – si lanciano cerchietti di diverso diametro davanti all’allievo, che tramite un allungo deve infilarli nella propria lama.

Potenziamento dell’allungo

Premessa: all’allievo si deve prospettare una possibile situazione: in caso di lunga misura dall’avversario oppure se quest’ultimo è solito arretrare per difendersi tramite la misura, l’antagonista non può essere raggiunto tramite il normale allungo; di conseguenza, per sviluppare una maggiore spazialità in avanti, si deve ricorrere a due possibili potenziamenti del proprio allungo: il raddoppio o il passo avanti affondo.

Il raddoppio si basa sul fatto che, prima di far esplodere il proprio allungo, il piede dietro si congiunge con quello avanti; l’effetto sarà ovviamente quello di guadagnare nella proiezione in avanti l’ampiezza della propria guardia ovvero la distanza esistente in origine tra i due piedi.

Il passo avanti-affondo si basa invece sulla fusione di un passo avanti seguito senza soluzione di continuità dall’affondo; addirittura, al fine di guadagnare un tempo tecnico, l’allungamento del braccio armato non verrà effettuato dopo il passo come giusto prodromo dell’allungo, bensì in concomitanza del passo stesso.

Esercizi didattici: il conduttore può sollecitare l’esecuzione dell’allungo con una vasta gamma di segnali: vocali, sonori come un battito di mani, visivi come l’alzata di una mano; può far cadere un guanto che deve essere afferrato prima che tocchi il suolo o lanciare una pallina che deve essere presa dopo un rimbalzo per terra; può mettere anche in competizione due allievi armati per sollecitare agonisticamente la velocità del gesto (apertura delle due mani opportunamente protette da guanti), ma mai dovrà privilegiare la velocità a discapito dell’osservanza delle norme canoniche: lo schermitore stesso deve diventare un intransigente controllore della bontà dei suoi gesti.

Nel caso del ritorno in guardia il conduttore, al fine di sollecitare la sua esecuzione da parte dell’allievo, può anche roteare la propria lama o comunque tirare un colpo, che naturalmente l’allievo deve evitare con la velocità del suo rientro in guardia.

 

8 – Siti spaziali davanti al corpo

Premessa: Siamo alla fine dei cosiddetti fondamentali, ovvero di quelle posture e dinamiche che sono avulse dalla presenza dell’avversario davanti a noi sulla pedana; già per l’affondo è stato necessario far riferimento alla sua pur teorica presenza per supportare logicamente alcune spiegazioni e in effetti si è parlato di misura e linea direttrice.

L’antagonista si fa sempre più immanente e dalla sua attività di attacco nasce per lo schermitore l’esigenza di potersi difendere dai suoi attacchi; il braccio armato è chiamato a questa importante funzione difensiva ed è opportuno rinvenire alcuni siti spaziali che possano in un qualche modo costituire i suoi riferimenti cardinali.

Posture: al fine di meglio organizzare la propria difesa col ferro, è fondamentale stabilire un rapporto tra posizione del pugno armato e bersagli sottostanti, sia rispetto a questi ultimi, sia rispetto della distanza da essi; in tal modo viene a costituirsi la trama delle linee difensive. Linea interna alta, quella corrispondente grosso modo al petto – linea interna bassa, quella dell’addome – linea esterna alta, quella della spalla – linea esterna bassa, quella del fianco.

Didattica: fondamentale è che l’allievo percepisca sin dal primo istante la funzionalità di queste posizioni, che gli devono apparire non teoriche, ma assolutamente pragmatiche.

L’insegnante, dopo averlo messo in guardia e avere verificato il giusto defilamento del corpo, deve cominciare a percorrere con la sua punta (e/o lama nella sciabola) una linea d’attacco, invitando l’allievo a cercare di evitare di essere colpito; essendo di facile intuizione, quest’ultimo tenderà a deviare con il proprio ferro quello sopravveniente. Qui si dovrà intervenire sicuramente per registrare al meglio la posizione del pugno nello spazio e magari cominciare a mostrare la sua rotazione per una postura fisicamente più comoda (quello che i trattati denominano appunto pugno di prima, seconda …;  si dimostrerà con esempi pratici come una posizione può essere insufficiente a tutelare il sottostante bersaglio o, al contrario, eccessiva. Si tranquillizzerà anche il neofita, specificandogli che col tempo sarà assolutamente spontanea l’acquisizione di questi posizionamenti, che del resto non sono assolutamente fissi ed immutabili, ma che in un certo range possono e devono adattarsi al colpo dell’avversario.

Importante sarà anche tener conto della situazione spaziale che si viene a creare con un avversario di mano diversa, ciò non solo e tanto per completezza espositiva, ma anche per cercare di evitare l’insorgere del diffuso timore del mancino per i destrimani e del mancino sul mancino.

Alternativa prospettica con l’avversario: l’occasione della specifica dei siti sui propri bersagli è un ottimo spunto per cominciare a parlare al neofita, o meglio per fargli vedere con esempi pratici, di ciò che è l’alternativa prospettica; con questo termine indico la situazione di reciprocità simmetricità concettuale e comportamentale che, come ben sappiamo, informa tutto il dialogo con l’avversario sulla pedana. Ad esempio, tornando allo spostamento sulla pedana precedentemente trattato, è conveniente far osservare che all’avanzare dell’uno, in genere corrisponde l’arretrare dell’altro e, giustamente, il contrario.

Riprendendo poi la questione dei siti spaziali davanti al corpo, si farà debitamente considerare il fatto che le stesse linee difensive, che generano i propri siti spaziali difensivi, rappresentano  al contempo le linee di attacco dell’avversario: la geometria dei colpi è la stessa, solo che è vissuta con intenzioni e prospettive opposte.

L’istante sarà opportuno per cominciare, con prudenza, a parlare al neofita di contraria, cioè di quel concetto che si basa sull’ideazione e sulla successiva realizzazione di un’attività volta a neutralizzare l’iniziativa dell’antagonista, creando anche in contemporanea l’opportunità per ribaltare la dinamica situazionale a proprio favore per poter portare il proprio colpo.

Esercizi didattici: è sempre importante ribadire il concetto che l’esercizio, eseguito in competizione con se stesso o viepiù con l’avversario, non deve mai privilegiare la velocità rispetto alla bontà del gesto tecnico: la cultura che va fatta da subito abbracciare al neofita è che si deve eseguire un movimento il più velocemente possibile, ma comunque in forma corretta, altrimenti si deve pagare pegno a fattori fondamentali come la precisione di punta o capacità penetrativa.

Il conduttore, in questa ottica, deve iniziare a percorrere le linee offensive sui bersagli del neofita a velocità ridotta, incrementandola progressivamente sino a quando vedrà il rispetto dei canoni; potrà anche solo fingere i colpi, invitando l’allievo a seguire la sua lama, passando da un certo sito spaziale ad un altro; come ben sappiamo i progressi in questi campi si ottengono solo nel tempo con pazienza e applicazione.

Poi gli attacchi portati con l’allineamento del braccio potranno essere affidati, alternativamente, in sede di esercizi tra allievi, ma il conduttore dovrà sempre, almeno inizialmente, vigilare con grande attenzione. Invertendo nell’esercizio il ruolo, si favorirà, opportunamente commentato, il recepimento e la verifica del concetto di alternanza prospettica.

 

 

Rapporto con l’avversario

Ecco finalmente l’avversario davanti a noi sulla pedana: acquisiti i Fondamentali, inizia la relazione con un altro sistema-schermitore con il quale ci si deve confrontare.

Premessa: il futuro schermitore deve capire che gli elementi tramite i quali dovrà competere sono lo spazio, il tempo e l’attività del braccio armato; e questo in regime di perfetta reciprocità con l’avversario, ciò che ho già poco sopra definito alternanza prospettica.

Didattica: acquisito un minimo di meccanica circa lo spostamento sulla pedana e l’allungo, è consigliabile sedersi con l’allievo ad assistere ad un assalto tra compagni di sala; le stoccate andranno superficialmente commentate, invece sarà molto importante far conosce al neofita l’ambiente-combattimento e sottolinearne mano a mano gli elementi essenziali: la distanza tra i due schermitori, il suo mantenimento sino a quando uno dei due prende un’iniziativa d’attacco, la realizzazione di una difesa a cura di chi lo subisce, l’interruzione del combattimento in caso che ci siano stoccate oppure la sua prosecuzione in caso contrario, magari le sanzioni circa il mancato rispetto dei limiti della pedana, il conteggio delle stoccate, il conseguimento finale della vittoria di uno dei due contendenti e quant’altro.

Approfittando della contingenza delle azioni svolte dai due assaltanti, il conduttore deve richiamare l’attenzione del neofita ora sull’aspetto spazio, ora sull’aspetto tempo, ora sulle diverse attività del braccio armato e altro.

Calato, pur per interposta persona, nella realtà dello scontro, l’allievo sarà senz’altro facilitato nella comprensione degli elementi fondamentali del combattimento e, aiutato con costanza dall’insegnante, capirà la scansione nel tempo della sua formazione; in altre parole gli argomenti tecnici affrontati progressivamente dall’insegnante nelle varie lezioni formative non saranno percepiti come calati dall’alto per comporre un quadro che poi solo alla fine verrà completato e capito per intero; al contrario, l’apprendimento finale sarà perseguito tramite il cosciente collocamento di sempre nuove tessere tecniche.

Esercizi didattici: all’inizio di una nuova lezione conoscitiva, naturalmente stimolato – aiutato e supportato dall’insegnante in funzione della sua età, sarà talvolta lo stesso allievo a presagirne il contenuto; tra l’altro, operando in tal modo, crescerà la coscienza che la teoria schermistica non è altro che una costruzione logica che interconnette senza soluzione di continuità presupposti a necessarie risposte; in una parola, la cosiddetta contraria. Il vissuto e non il teorico rappresenterà in tal modo il veicolo di formazione del nuovo schermitore; in egual guisa di un buon professore di Scienze che non enuncia una legge e poi la fa verificare dai suoi allievi tramite esperimenti, ma, proprio al contrario, li aiuta ad estrapolare il principio dalla loro osservazione degli accadimenti in laboratorio.

 

1 – La misura

Prima ancora di relazionarci direttamente con l’antagonista è necessario prendere coscienza di un parametro essenziale per dimensionare spazialmente la nostra attività, la misura.

In verità eravamo stati costretti ad accennare questo concetto quando avevamo illustrato al neofita il meccanismo dell’affondo: in effetti dovevamo fargli capire che il corpo doveva proiettarsi in avanti e coprire la distanza che separava la sua punta/lama da un bersaglio dell’antagonista.

Ora si tratta di schematizzare il fatto che la quantità di spazio tra i due contendenti può essere di tre entità: quella alla quale si riesce a portare il colpo tramite la sola distensione del braccio armato (la cosiddetta stretta misura), quella in cui è invece necessario produrre l’allungo (giusta misura) e infine quella in cui, non essendo nemmeno sufficiente l’affondo, quest’ultimo deve essere preceduto da almeno un passo o un balzo avanti (lunga misura). E queste tipologie di distanza possono essere interpretate con diverso spirito ed intento: quello di poter colpire l’avversario in un suo bersaglio oppure, all’opposto, di non essere raggiunto dalle sue stoccate.

Va sottolineato l’ovvio concetto che, salvo particolari situazioni, la distanza statisticamente più utilizzata è quella della giusta misura, in quanto in contemporanea garantisce ai due contendenti uno spazio di sicurezza nell’ottica della difesa, ma al contempo è molto prossima anche a quella utile per giungere a bersaglio utilizzando l’affondo.

Didattica: sapendo effettuare l’allungo, ora il neofita dovrà sperimentare le tre situazioni spaziali di cui sopra; l’insegnante dovrà variarle nel tempo, innestando questi cambiamenti nel continuo spostamento in avanti e all’indietro a cui lo costringerà con il suo movimento sulla pedana; il compito da svolgere sarà quello di mantenere sempre invariata detta misura per poi portare il proprio colpo.

Di fondamentale importanza è che venga subito recepito un concetto: la misura, che in fin dei conti costituisce un valore oggettivo, è soggetta soprattutto anche a valori soggettivi. In effetti, ad esempio, caratteristiche fisiche tipo la lunghezza degli arti fanno sì che alla lunghezza del passo dell’uno non corrisponda spesso quella dell’altro; cosicché ogni schermitore dovrà, se di caso, equalizzare il numero dei passi. Il conduttore, al fine di sviluppare questa sensibilità, dovrà alternare artatamente l’ampiezza dei suoi passi.

Poi è consigliabile, sin da subito, far comprendere al neofita che si può anche giocare sullo spazio rappresentato dall’ampiezza della propria guardia: per guadagnare maggiore proiezione in avanti, come sappiamo, si può sfruttare il cosiddetto raddoppio, ovvero congiungere il piede dietro a quello avanti  prima dello spostamento in avanti; come del resto si può ridurre la misura andando all’indietro facendo un raddoppio al contrario, ovvero lasciando fermo il piede posteriore congiungendogli quello anteriore. Si farà comunque presente che queste particolari meccaniche si dovranno applicare solo in determinate situazioni a venire.

Giochi didattici: una coppia di schermitori, uno di fronte all’altro, si sfidano in velocità di spostamento; alternativamente uno dei due comanda il gioco e vince chi riesce a toccare con la mano l’altro. Ogni altro gioco sulla misura è ben accetto: essa rappresenta il fondamento di ogni colpo, sia in attacco che in difesa.

 

2 – Aspetto tempo

          Se chiedete al neofita che significato può avere il tempo nella scherma, il 99,9999 (periodico)%, qualunque sia la sua età, risponderà la velocità.

            Indubbiamente questa grandezza ha una basilare importanza nella conduzione di un match, ma all’allievo si cercherà di far capire che il tempo nella scherma non è solo velocità.

Sarà sufficiente prendere per la punta una qualsiasi arma, farla oscillare lentamente di lato e invitare l’allievo a cercare di prendere il guanto che intanto teniamo sull’altra mano; e questo senza essere toccato dalla lama che si muove. Magari dopo alcuni tentativi riuscirà in questo giochetto e allora si farà osservare che sì la velocità con cui si va a prendere il guanto è importante, ma che è necessario anche aspettare il momento opportuno per iniziare il movimento della mano.

Poi si inviterà il neofita a far schioccare (sperando che ci riesca già) prima le dita della mano sinistra, poi quelle della destra con l’intervallo di tempo più breve possibile. Dopo si farà notare che il movimento delle dita della seconda mano possono muoversi solo dopo che quelle della mano sinistra hanno portato a termine il primo schiocco.

A questo punto, con parole equalizzate all’età del soggetto, si attirerà l’attenzione sul fatto che il tempo quindi non è solo velocità, ma anche scelta del tempo ed anche scansione di tempi per movimenti successivi separati da un certo intervallo.

Dite poi al neofita che avete tre secondi per avanzare e colpirlo con il guanto, dandogli la possibilità di arretrare; muovetevi abbastanza lentamente, scandendo a voce alta ogni secondo; fatelo poi scappare senza colpirlo. Attirate quindi la sua attenzione sul fatto che anche questa è un’altra applicazione del tempo nella scherma: farlo passare per ottenere uno scopo utile.

Siamo ancora abbastanza lontani dalle nozioni tecniche che comporteranno una valutazione del tempo diversa da quella strettamente connessa alla velocità; tuttavia l’aver proiettato l’allievo in un prossimo futuro non potrà non produrre benefici effetti: probabilmente, soprattutto se molto giovane, non potrà capire appieno questi concetti, tuttavia comincerà ad intuirli e, quantomeno, avrà sempre più fiducia nell’insegnante come guida di un mondo così interessante e complesso.

Il messaggio che deve essere reiterato con costanza è quello che, nella preparazione allo scontro sulla pedana contro l’avversario, l’attività dello schermitore è il coacervo di una moltitudine di elementi: fisici, mentali, tecnici, caratteriali; tutto questo immerso nella dimensione spazio pedana e nella dimensione tempo pedana.

 

3 – Attività del braccio armato

Premessa: quando si affronta questo argomento è molto utile richiamare il concetto dell’alternanza prospettica reciproca, citato anche in precedenza. Lo schermitore deve capire che ciò che si accinge ad apprendere dalla sua ottica vale in modo assolutamente identico anche per l’avversario; in parole povere quello che lui potrà fare con l’arma in pugno lo potrà fare nello stesso identico modo l’avversario (naturalmente la simmetria si altererà nel caso di schermitori di mano diversa, ma questo tema sarà affrontato a suo tempo).

Il neofita  dovrà poi subito percepire, come categoria generale, che tutta la teoria dei colpi di attacco si basa sulla casistica dei possibili rapporti spaziali esistenti tra i due bracci armati.

            Un secondo concetto da esemplificare dovrà essere quello dello sviluppo dell’assalto; al neofita sarà fatta presente da un punto di vista generale la mappatura spaziale esistente tra i due schermitori in guardia sulla pedana uno davanti all’altro: – al centro la zona di sicurezza che già conosce, la misura – proseguendo, rispettivamente a destra e a sinistra, i due bracci armati – infine i due sottostanti bersagli.

            Ebbene la scherma consiste in un primo dialogo tra le lame, esaurito il quale, è poi necessario per chi prende l’iniziativa percorrere in velocità la misura; e questo è l’attacco. La seconda fase, sollecitata dalla prima, è quella dell’accoglienza della lama dell’attaccante che entra nello spazio di azione dell’attaccato; e questa è la difesa. Quindi schematizzando: lavoro del braccio armato di chi propone un’azione – transito nella zona misura – eventuale lavoro del braccio armato di chi vuole annullare questa azione per poi magari passare al contrattacco.

            Le traiettorie dei colpi sono raffigurabili, anche concettualmente, come segmenti dalla natura geometrica diversa e composita, i cui estremi sono la posizione in cui si trova la punta/lama al momento dell’inizio della determinazione d’attacco e, in linea teorica, il punto del bersaglio che nelle intenzioni dell’attaccante dovrebbe essere raggiunto. Parimenti, le traiettorie dei colpi di difesa sono anch’esse descrivibili come segmenti diversi e compositi, i cui estremi sono la posizione in cui si trova la punta/lama al momento della necessità di parare il colpo dell’antagonista e il punto della lama avversaria sul quale appoggiarsi con il fine di deviarla dal proprio bersaglio.

            Quindi quando i due schermitori si scambiano le frasi schermistiche lo spazio di potenziale contatto tra i ferri è rigurgitante di linee e traiettorie; un po’ come mostrano alcune foto in sequenza veloce o qualche video al rallentatore con la tracciante delle lame nello spazio.

            Questo va fatto capire al neofita ancor prima di fargli toccare con il proprio ferro quello dell’avversario; magari si invitano due allievi evoluti in pedana a tirare come alla moviola per cercare di esemplificare il concetto.

            Poi è consigliabile richiamare velocemente le nozioni di spostamento che hanno costituito l’oggetto delle precedenti lezioni; il fine è quello di far capire che lo schermitore non è altro che un sistema in movimento, appunto un sistema-schermitore; il dialogo tra i due ferri prosegue in un continuo spostamento, mantenendo al meglio le varie posture per poterne esprimere al meglio le potenzialità.

            Non con questo che il neofita, ovviamente anche in funzione della sua età, possa apprendere appieno e subito cosa sia un assalto di scherma; per questo ci vorranno, come ben sappiamo, mesi e forse anni di praticantato. Ma, muovendoci come sopra descritto, forniremo all’allievo quantomeno una specie di canovaccio culturale, che sicuramente favorirà la sua progressiva formazione, piuttosto che lasciarla allo spontaneo e magari disordinato assemblamento personale.

           

Posture del braccio armato: in primis dovrà capire come potrà volontariamente posizionare la propria arma: – la potrà mantenere, a braccio flesso, nella classica posizione di guardia – la potrà porre in linea, ovvero, a braccio naturalmente disteso, in direzione di un bersaglio valido dell’antagonista – potrà spostarla dalla postura di guardia con lo scopo di lasciare scoperto un determinato bersaglio, configurando ciò che viene denominato invito – potrà relazionarsi con il ferro antagonista con lo scopo di dominarlo tramite il cosiddetto legamento.

Didattica circa:

  • Braccio flesso in posizione di guardia: il conduttore, producendo una deambulazione con velocità variabile ambo versi sulla pedana sino alla soglia delle capacità dell’allievo, lo costringerà a mantenere la misura; l’attenzione andrà riposta sul grado di scioltezza con cui l’allievo riuscirà a mantenere il ritmo.
  • Braccio in linea: il conduttore, continuando nel tipo di deambulazione descritta al precedente punto, inviterà l’allievo ad effettuare a piacere dei veloci allineamenti del ferro che dovranno impattare il bersaglio in avanzamento; poi il braccio tornerà alla posizione di guardia e ricomincerà la deambulazione. Anche in questo caso il conduttore dovrà vegliare sulla scioltezza del braccio e delle gambe dell’allievo.
  • Invito: il conduttore, sempre deambulando, chiederà all’allievo, magari invitandolo a coordinarsi con il movimento delle gambe, di scoprire, alternandoli, i suoi bersagli, ritornando poi nella posizione di braccio in guardia; dovrà vigilare con attenzione al fatto che i movimenti siano veloci, ma che non facciano sbandare il ferro; altresì controllerà la loro posizione spaziale, che non dovrà essere troppo distante dal bersaglio lasciato incustodito.
  • Legamento: il controllore intratterrà l’allievo sul concetto di legamento, ovvero di quel rapporto tra i ferri che assicura a uno il dominio sull’altro. Chi esegue il legamento dovrà utilizzare il proprio terzo di lama vicino alla coccia e dovrà relazionarsi con l’ultimo terzo di quella antagonista. E’ utile accennare al fatto che il braccio armato costituisce una leva e per utilizzare una leva utile è necessario osservare certe posizioni reciproche tra i due ferri, appunto quelle precedentemente indicate. A comprova della bontà di quanto esposto, il conduttore, il più delle volte in possesso di una maggiore forza fisica del neofita, porrà il debole della propria lama sotto il forte di quella dell’allievo; poi comincerà progressivamente ad esercitare una pressione contro la lama del neofita senza riuscire per questo, appunto per i noti principi di Fisica, a spostare quella del più giovane e meno forte allievo.

Dopo aver esemplificato questi concetti sulla linea di quarta, che appare quella più spontanea e intuitiva, il conduttore accennerà pur in breve alle diverse tipologie di bersagli esistenti sul corpo dell’antagonista e illustrerà ed esemplificherà i legamenti anche sulle altre tre linee. In conseguenza di queste differenziazioni, l’insegnante passerà a specificare le posture del polso che, ruotando attorno all’asse dell’avambraccio, realizzano nei differenti siti la posizione più comoda; parlerà cioè dei cosiddetti pugni.

Sino a questo punto il conduttore avrà lasciato al facile intuito del neofita la scelta del tragitto da compiere per andare a catturare il ferro antagonista, cioè quello diretto, realizzato spostandosi nello spazio linearmente, ciò che in gergo si denomina legamento semplice.

L’esercitazione avverrà prima da fermo e, al momento ritenuto opportuno, deambulando e, a suo tempo, aumentando la velocità. Il conduttore chiederà all’allievo di effettuare un invito a piacere, poi sul suo bersaglio scoperto concederà la sua linea, affinché l’allievo possa effettuare il corrispettivo legamento; massima attenzione andrà riposta sulla qualità del gesto, apportando se di caso le dovute correzioni.

Quando l’allievo avrà dato sicura prova di aver ben recepito il concetto e soprattutto di saperlo applicare in modo soddisfacente, allora il conduttore, armi alla mano,  cercherà di stimolarlo a trovare traiettorie spaziali diverse per realizzare i legamenti. Il fine, come abbiamo già avuto occasione di ribadire anche più volte, è quello di mettere l’allievo nelle condizioni ideali per poter scoprire da solo il successivo passo tecnico.

Ecco che sarà evidenziato il legamento di contro: la lama cattura quella antagonista non andandoci incontro in linea retta, ma avvolgendola con un movimento rotatorio del proprio ferro.

All’allievo andrà sin da subito fatto capire un paio di concetti: il primo è che lo schermitore può decidere su quale linea effettuare il proprio legamento, magari su quello che preferisce; il secondo, di carattere più generale, è che, avendo lui questa duplice opportunità, il suo avversario non è in grado di stabilire a priori il suo movimento.

L’esercitazione sui legamenti, mantenendo le caratteristiche poco sopra espresse, potrà quindi variare e alternarsi, a piacere dello schermitore o a comando dell’insegnante, tra quelli semplici e quelli di contro.

 

5 – Azioni semplici di offesa

Premessa: Eccoci, veramente; inizia l’illustrazione di come colloquiare con il nostro avversario: non utilizziamo parole, ma la nostra lama svolge una funzione pari a quella della nostra lingua e in effetti i trattati parlano di fraseggi schermistici.

            Ancor prima di passare ai fatti tecnici, è necessario far capire al neofita che lo scontro, l’assalto è una successione logica nel tempo di antefatti, fatti e derivati. Come si dice comunemente uno comincia, l’altro, se ci riesce, reagisce di conseguenza e spesso può rispondere non in un sol modo, ma può optare tra varie soluzioni; il dialogo concatenato poi prosegue sino alla realizzazione del colpo oppure, concludendosi con un nulla di fatto, si interrompe per poi riprendere successivamente. Per esemplificare, se possibile, sarà molto utile far assistere il neofita allo scambio di alcune stoccate tra due schermitori di un certo livello, pregando questi ultimi di rallentare i loro movimenti e magari alternare ad uno stesso attacco reazioni difensive diverse.

            Il neofita a questo punto deve ben introiettare le due diverse attività di scontro: l’attacco e la difesa, concetti che, a parte allievi di tenere età, hanno già sicuramente recepito dalle loro diverse esperienze di vita pregresse.

La precisazione che va subito fatta, per fugare qualsiasi dubbio in proposito, è che l’iniziativa d’attacco non consiste solo nell’avanzare verso l’avversario, ma, pur implicando ovviamente l’avvicinamento a questo, nell’eseguire necessariamente un gesto tecnico che ha la finalità di toccarlo.

La difesa, per contro, è una reazione all’attacco e quindi avverrà solo dietro il suo originario stimolo.

Ed ecco che è arrivata l’ora di far capire un altro concetto schermistico fondamentale, quello della contraria.

Come sappiamo nella ricerca di quest’ultima è fondamentale lo studio della situazione, cioè l’osservazione di ciò che fa l’avversario; e, parlando di attacco, ovviamente ci riferiamo in che posizione tiene il proprio braccio armato. In applicazione del concetto di alternanza prospettica, già citato più volte, il conduttore inviterà l’allievo a ricordare quali atteggiamenti poteva assumere con la sua lama nei confronti del suo antagonista; ora dovrà ragionare in senso inverso, ovvero osservandoli eseguiti da quest’ultimo.

Ogni postura del ferro avversario viene a costituire un presupposto geometrico-concettuale diverso, al quale dover applicare in genere una contraria di diversa natura esecutiva.

 

Tipologie di attacco semplice:

  • Presuppostoil ferro dell’avversario è in una posizione di invito, che quindi lascia scoperto un determinato bersaglio: la contraria è la Botta dritta.
  • Presupposto: – il ferro dell’avversario domina il nostro tramite un suo legamento: la contraria è la Cavazione.
  • Presupposto: il braccio dell’avversario è tenuto nella postura di guardia o in quella di linea: la contraria è la Battuta e colpo o, in alternativa, la presa di ferro e filo.

 

Mostrata materialmente in pedana, seppur in modo sommario, questa carrellata di colpi, sottolineando la natura geometrico-spaziale dei presupposti che quindi vengono a determinarli, andrà spiegato all’allievo il filo conduttore tra questi colpi: la velocità di esecuzione in rapporto alla potenziale reazione difensiva dell’avversario. In altre parole questi colpi hanno la loro ragion d’essere nel fatto di sorprendere l’antagonista in modo tale da non consentirgli di riuscire a difendersi, almeno compiutamente.

  

La botta dritta: come sappiamo è il colpo che si realizza andando direttamente a colpire un bersaglio raggiungibile e incustodito dall’avversario.

Meccanica esecutiva: faremo presente all’allievo che il modo statistico più ricorrente per realizzare la botta dritta è l’affondo o allungo che si dica. Richiameremo la meccanica di questo gesto che abbiamo precedentemente illustrato parlando dei Fondamentali: si parte dalla postura di guardia, distendendo il braccio armato in modo naturale, coinvolgendo, senza soluzione di continuità, le gambe.

La botta dritta può anche adattarsi alle due altre teoriche misure: in quella stretta è sufficiente distendere il braccio, in quella lunga è invece necessario ricorrere all’esecuzione del passo avanti – affondo.

Didattica: il concetto da far reperire all’allievo è che questo tipo di colpo, come tutti gli altri denominati appunto attacchi semplici, deve essere prescelto dopo aver sufficientemente valutato il fatto di avere una velocità esecutiva maggiore rispetto a quella dell’antagonista nella sua difesa: il colpo deve letteralmente fulminarlo.

            Ecco che in questa necessità di essere veloci riappaiono dei concetti precedentemente illustrati all’allievo, concetti che vanno doverosamente rinfrescati: la velocità esecutiva non deve andare a detrimento della precisione del gesto tecnico, altrimenti si rischia di non toccare – c’è il raddoppio per cercare di potenziare spazialmente l’allungo – la botta dritta va tirata al momento opportuno, ad esempio quando siamo il più possibile vicini al bersaglio.

Esercizi didattici: il conduttore effettua un invito alternando tutte e quattro le linee, tutte e tre le misure e la velocità esecutiva; intanto pone grande attenzione alla qualità esecutiva dell’allungo.

Giochi didattici: il conduttore tiene nella mano qualche guanto e, in occasione dell’invito, ne lascia cadere uno a terra; la stoccata dell’allievo dovrà arrivare a bersaglio prima che il guanto atterri (inizialmente ritarderà l’apertura della mano, concedendo quindi più tempo all’allievo).

 

 

continua …..