Tasche di Eta Beta


eta beta

 

 

 

Notoriamente le tasche di Eta Beta, il “marziano” di Walt Disney, riservano sempre delle sorprese e ci si trova di tutto.

Ebbene immaginiamolo vestito da scherma …e:

 

 

Calendari di passione scherma

Calendario-2020

 

 

Assalti condizionati

assalti condizionati

 

Formule schermistiche

Formule schermistiche

 

Scout

scout

 

Tipi di gara

Torneo del Saraceno

I due contendenti, entrambi in guardia di fronte al Maestro, devono colpire per primi la mano del conduttore nelle diverse spazialità proposte.

La precedenza delle stoccate è affidata all’apparecchio elettrico:basterà collocare due rulli da una stessa parte e girare l’apparecchio stesso perpendicolarmente alla pedana per essere visto meglio dai contendenti.

Gli incontri possono disputarsi sia con girone all’italiana, sia con eliminazione diretta con o senza ripescaggio.

 

Orazi e Curiazi

I partecipanti vengono divisi in più squadre di tre, quattro o al massimo cinque elementi.

Ognuna di queste squadre fa scendere inizialmente in campo il primo dei suoi “campioni”; al termine del primo assalto a cinque stoccate la squadra, il cui elemento sarà stato sconfitto, dovrà far scendere in campo un altro dei suoi componenti; il vincitore del primo assalto, tuttavia, si trascinerà in questo secondo incontro le stoccate precedentemente ricevute, che vengono a costituire quindi uno svantaggio di partenza.     Gli assalti continuano con questo fardello di eredità, sino a quando una squadra non avrà più sostituti da far scendere in pedana e quindi risulterà perdente.

Le varie squadre, magari in funzione del loro numero, si potranno affrontare in un girone all’italiana o in un’eliminazione diretta.

 

Sfida tra schermitrici e schermitori

Si tratta ovviamente di una sfida a squadre, sia nella formula a staffetta, sia a sommatoria di vittorie.

Data la nota rivalità dei sessi (anche in Sala) lo spettacolo è garantito e, soprattutto, non osate proporre qualche stoccata di vantaggio alle schermitrici!

 

Ecco alcuni suggerimenti per allenarsi …divertendosi:

 

Staffettone del panettone

Consiste in un’accademia dell’intero gruppo, cioè non si tratta di una gara vera e propria, bensì di un’esibizione.

Naturalmente con tutti i limiti del caso, gli schermitori dovranno essere invitati a “dare spettacolo”, avendo cura di tirare non solo stando attenti al punteggio, ma anche allo stile (postura della guardia, qualità di esecuzione dei gesti tecnici, scelta del tipo di azione).

Non so quanta effettiva risposta a questo tipo di appello del Maestro ci possa essere in pedana, l’importante è comunque che i veteres percepiscano di “esibirsi” di fronte ad un pubblico; poco importa se questo in fin dei conti sarà composto per lo più dai propri compagni di Sala, da loro parenti e da qualche raro ospite.

Tale formula ben si adatta a ricorrenze (appunto staffettone del panettone per festeggiare il Natale) od occasioni particolari, come ad esempio quella di fine anno schermistico.

Il contenitore-formula è quello della staffetta tra due maxi-squadre, in cui il Maestro avrà l’accortezza di cercare di accoppiare per i vari assalti atleti di pari valore, affinché non ci sia troppo divario nel punteggio finale.

Gli incontri dovranno essere svolti con una certa forma: presentazione per nome degli schermitori, loro saluto con l’arma all’indirizzo del pubblico, sottolineatura da parte del presidente di giuria-speaker di azioni particolarmente apprezzabili, applausi e …quant’altro.

Questa formula ha lo scopo di far intuire agli allievi, al di là  del pragmatismo della registrazione della stoccata,  quanto valore  estetico possa esserci nella nostra disciplina.

 

Guelfi e Ghibellini

Tramite sorteggio si dividono i partecipanti, senza distinzione di sesso, in due squadre (non importa che il numero dei partecipanti sia pari); senza un precostituito ordine di tabellone ogni componente di una squadra affronta via via quelli dell’altra in assalti alle cinque stoccate, trascrivendo in caso di vittoria su un apposito cartellone il proprio nome di battesimo nella parte denominata Guelfi oppure in quella Ghibellini, a seconda della propria appartenenza alle due squadre.

Solo dopo aver esaurito tutti gli avversari della squadra avversaria si può iniziare una nuova tornata di incontri.

Non è necessario che l’ultima tornata di squadra sia eventualmente portata tutta a termine: infatti tutte le volte che due avversari si incontrano danno alle due squadre pari opportunità di punteggio. In genere si stabilisce di interrompere la gara ad un determinato orario.

Naturalmente al termine vincerà la squadra con un maggior numero di nomi propri trascritti, ovvero di vittorie.

Sempre contando i nomi propri presenti sul cartellone si potrà anche stilare una classifica individuale in base al numero di vittorie che ognuno avrà conseguito. In quest’ottica, pur dovendo osservare il principio di affrontare gli avversari in tornate complete, ognuno ha interesse a disputare quanti più assalti è possibile.

 

 Carnevale: gara in maschera   

        Si tratta di una normale competizione, svolta secondo la formula dell’eliminazione diretta con ripescaggio e finale a quattro con girone all’italiana: due elementi si classificano direttamente secondo il cartellone della diretta, mentre due devono percorrere i ripescaggi.

Sin qui niente di particolare; ma ci sono gli ornamenti obbligatori: infatti per poter partecipare alla gara occorre presentarsi in pedana con degli accessori di carattere carnevalesco.

Se volete sentirne delle belle: penne di fagiano infilate sulla maschera – mantelli neri o blu – segni di guerra tracciati sul viso e/o sulla maschera come i Sioux – due pezzi indossato sulla divisa – baffi sulla maschera – bandane – braccio non armato alla Capitan Uncino – bandiere legate sulla schiena – scudi (naturalmente non isolati e quindi costituenti bersaglio valido!) – foderi – …da morire dalle risate!

Naturalmente dopo la gara foto e bevuta finale.

 

Torneo Nutella 

        Poca importa riveste la formula usata: tutta l’attenzione di partecipanti viene riposta nei premi, che consistono in tre confezioni, naturalmente di diverso formato, della nota leccornia nazionale.

Ovviamente c’è un particolare “gusto” a vincere questa gara!

 

 Torneo a handicap

La formula di gara è quella di un normale girone all’italiana a cinque stoccate, ma la particolarità è che ognuno si assegna un equalizzatore di partenza: ogni partecipante, naturalmente sotto il controllo del Maestro, si assegna un certo numero di stoccate preventive a proprio sfavore in funzione di un’autovalutazione..

In pratica gli assalti partiranno dallo zero a zero solo in caso di due contendenti senza handicap, altrimenti il punteggio d’inizio sarà determinato dai loro equalizzatori.

Come parziale compensazione per gli schermitori che si gravano di molte stoccate di partenza si può decidere di abolire il colpo doppio quale ultima e decisiva stoccata dell’assalto.

Lo scopo di questo tipo di competizione è ovviamente quello di sfavorire i più forti, obbligandoli in tal modo a concentrarsi al massimo e ad applicare le azioni più idonee alla situazione sfavorevole (azioni di filo e soprattutto il controtempo).

 

L’immortale 

        Si tratta della formula più crudele (!) e reale che si possa attuare: assalti ad una sola stoccata con eliminazione diretta senza ripescaggio.

Gli accoppiamenti di partenza sono rigorosamente estratti a sorte e il tempo a disposizione è di tre minuti con eventuale “priorità”.

Riproducendo la situazione di un vero e proprio duello, si assiste per lo più a una spontanea metamorfosi tecnica: rispetto assoluto della misura, grossa attenzione alla copertura del braccio armato e punta indirizzata a quello dell’avversario, pochi attacchi e quasi esclusivamente ai bersagli avanzati ed il tutto ispirato sempre ad una marcata prudenza.

Questa formula di gara si è dimostrata molto spettacolare e spesso ha catalizzato l’attenzione di tutti i presenti in Sala.

La tipologia di competizione esalterà la concentrazione, la prudenza e la determinazione.

 

Lo stoccatore 

        Questa formula si basa sul principio di riuscire a mettere il maggior numero di stoccate, prendendone contemporaneamente il minor numero possibile.

Gli assalti vengono disputati con un girone all’italiana non ad un prestabilito numero di colpi,bensì in un prestabilito lasso di tempo; ovviamente tale tempo sarà effettivo, cioè cronometrato come nelle gare ufficiali (sono utilizzabili i cellulari in quanto hanno tra le loro varie funzioni anche quella di cronometro).

In questo tipo di gara è quindi necessaria la presenza di un compagno che funga da presidente di giuria.

La durata degli incontri è scelta in funzione del numero dei partecipanti, comunque è consigliabile farla oscillare da un minimo di tre minuti ad un massimo di cinque.

Alla fine di ogni assalto il risultato finale sarà rappresentato da un numero relativo (o nel caso limite da zero), che starà ad indicare la differenza tra stoccate date e stoccate ricevute. I colpi doppi non saranno presi in considerazione.

La classifica finale della gara sarà ottenuta procedendo alla sommatoria dei singoli risultati: la graduatoria partirà dai valori positivi più alti sino a giungere a mano a mano a quelli negativi più alti.

Questo tipo di competizione sarà molto utile per imparare a valutare il trascorrere del tempo in situazione di pressione agonistica.

 

La scalata 

        La formula si basa sul trasferimento progressivo da una pedana ad un’altra del vincitore di un assalto.

Ad esempio, potendo fruire dell’uso di tre piste, si partirà dalla prima pedana denominata del “quinto e sesto posto”, dove i primi due concorrenti si affronteranno in un assalto alle tre stoccate; il vincitore si sposterà sulla seconda pedana denominata del “terzo e quarto posto”, in attesa di uno sfidante proveniente sempre dalla prima pedana; chi vincerà si sposterà sulla pedana denominata del “primo e secondo posto”, in attesa del nuovo vincitore sulla seconda pedana.

L’ordine progressivo d’ingresso sulla prima pedana di gara è sorteggiato.

Occupate finalmente tutte le pedane si procederà per tornata: in base all’esito degli assalti chi vincerà si sposterà sulla pedana di classifica superiore, chi invece perderà resterà sulla stessa pedana in attesa di colui che arriverà da una posizione inferiore.

Chi perderà sulla pedana del “primo e secondo posto” ripartirà dall’ultima posizione e tenterà nuovamente la “scalata” al primo posto.

Ovviamente il numero delle pedane su cui svolgere la gara varia in funzione dei partecipanti, per cui, avendo ancora piste a disposizione, si può partire dalla pedana denominata del “settimo e ottavo posto” e così via.

Al contrario, avendo a disposizione poche pedane o essendo presenti molti iscritti, si possono creare delle postazioni di attesa, in cui aspettare il proprio turno secondo il giusto ordine di precedenza.

Arrivati ad un certo orario prestabilito, si interromperà lo spostamento di pedana in pedana e sulle singole piste si disputeranno gli ultimi assalti con in palio la classifica relativa alle singole posizioni.

Tale tipo di gara, una vera e propria “maratona”, ha la funzione di vagliare e controllare la resistenza alla fatica dei veteres.

 

Torneo degli assalti condizionati

Si tratta, come del resto suggerisce la stessa denominazione, di assalti per certi aspetti vincolati a determinate situazioni di pedana: in effetti sono presenti delle precise restrizioni in ambito sia spaziale che temporale (VEDI ARTICOLO LE TASCHE DI ETA BETA)

Nel primo caso i partecipanti devono disputare incontri alle cinque stoccate, partendo, alternativamente, in posizione di vantaggio e/o svantaggio di punteggio: iniziando l’incontro da meno due (o tre stoccate al massimo) uno dei due contendenti ha ancora un minuto di tempo effettivo per sovvertire l’esito dell’assalto.

Finito l’incontro, le parti vengono invertite e chi era in svantaggio ora, invece, parte da due (o tre stoccate) ed è l’altro che deve tentare di recuperare.

Invece nel secondo caso è lo spazio ad essere ”condizionato”: l’assalto, normalmente alle cinque stoccate, è sempre fatto partire non dalla linea di mezzeria, ma, dalla linea degli ultimi due metri.

Finito l’incontro anche in questo caso si provvederà ad invertire le parti, per offrire a ciascuno dei partecipanti pari opportunità.

Quindi un incontro tra due partecipanti si risolverà, in pratica, in quattro assalti condizionati; in caso di tre vittorie parziali si otterrà, ovviamente, la vittoria totale che comporterà tre punti, mentre in caso di pareggio (due a due), si otterrà solo un punto.

Gli incontri, inseriti in un girone all’italiana, permetteranno di stilare una classifica finale. In proposito ho elaborato un apposito segnapunti, di cui fornisco copia all’allegato numero tre.

Com’è evidente tale tipo di competizione andrà ad arricchire il bagaglio esperienziale dei partecipanti: la riproduzione virtuale delle varie situazioni stimolerà negli allievi la ricerca e l’applicazione delle tattiche più opportune.

 

La Sfida

Al di fuori del calendario ufficiale viene anche disputata una gara di carattere permanente: la Sfida.

All’inizio dell’anno, dopo aver trascritto i nomi degli schermitori e delle schermitrici su cartellini mobili, vengono compilate due classifiche degli stessi tramite estrazione a sorte e i cartellini vengono poi disposti in bella vista su un tabellone esposto in Sala.

Tali classifiche saranno a mano a mano modificate in conformità ai risultati di “sfide” incrociate: ognuno (naturalmente tranne il primo) potrà sfidare il compagno che lo precede nella classifica o, al massimo, quello che lo precede di due posizioni; nessun sfidato potrà sottrarsi alla sfida (il limite è comunque di una sfida giornaliera a volta con lo stesso avversario).

Se lo sfidante batte lo sfidato, va ad occupare la posizione della sua classifica, altrimenti resta nella posizione in cui si trova.

Ovviamente le graduatorie saranno via via aggiornate sui relativi prospetti.

Per eventuali innesti di nuovi partecipanti si partirà sempre dal fanalino di coda, cioè dall’ultima posizione in classifica.

Chi si assenta per più di tre settimane “precipita” all’ultimo posto.

Gli incontri, senza arbitraggio esterno, sono effettuati al meglio delle quindici stoccate secondo le regole temporali dell’eliminazione diretta.

Le valenze positive di questo tipo di competizione sono evidenti: innanzi tutto il suo carattere di gara costante tiene sempre vivo l’interesse e, giorno per giorno, si possono verificare “colpi di scena”.

Gli schermitori sono inoltre costretti a ricercarsi e ad aspettarsi come in veri e propri duelli, creando in Sala una corroborante atmosfera. La classifica viene infatti percepita, dopo gli assestamenti apportati dai primi assalti, come una “scala di valori” e lo spirito di emulazione dei partecipanti è sicuramente stimolato al massimo.

Tra l’altro l’utilizzo della classifica della “sfida” rappresenta il metodo oggettivamente più valido e incontestabile per comporre in modo equo le squadre che si disputeranno il relativo Campionato sociale.

 

Parole, parole, parole

Domande da esaurimento nervoso

1)    Perché separato si scrive tutto insieme, mentre tutto insieme si scrive separato?

2)    Perché abbreviazione è una parola così lunga?

3)    Qual è il sinonimo di sinonimo?

4)    Perché non c’è un alimento per gatti a base di topo?

5)    Se niente si incolla al teflon, come hanno fatto ad incollarlo nelle padelle?

6)    Perché le ballerine danzano sempre sulle punte? Non si potrebbero scritturare ballerine più alte?

7)    Voglio comperare un boomerang nuovo. Come faccio a sbarazzarmi di quello vecchio?

8)    Perché i negozi aperti 24 ore su 24 hanno le serrature?

9)    Perché gli aeroplani non vengono costruiti con lo stesso materiale delle scatole nere?

10)    Come si fa a sapere se una parola scritta sul dizionario è sbagliata?

11)    Come può  Paperino avere dei nipoti, se non ha fratelli né sorelle?

12)    Adamo aveva l’ombelico?

13)    Se una navetta spaziale viaggia alla velocità della luce, la sera deve accendere i fari?

14)    Se un gatto cade sempre dritto sulle proprie zampe e una tartina di burro cade sempre dalla parte del burro, cosa succede se si incolla la tartina imburrata sulla schiena del gatto e poi lo si lancia dalla finestra?

 

Non tutti sanno che

1)    Che è impossibile mordersi il gomito

2)    Che è possibile far salire le scale ad una vacca, ma non fargliele scendere

3)    Che il verso di un’anatra (quac, quac) non fa eco e nessuno sa perché

4)    Che un coccodrillo non può tirare fuori la lingua

5)    Che i porci non possono fisicamente guardare il cielo

6)    Che moltiplicando 111.111.111 x 111.111.111 si ottiene 12.345.678.987.654.321

7)    Che in una statua equestre: se il cavallo ha due zampe per aria, la persona sul suo dorso è morta in combattimento; se il cavallo ha una delle zampe anteriori alzate, la persona è morta in seguito ad una ferita inferta in combattimento; se il cavallo ha le quattro zampe a terra, la persona è morta per cause naturali

8)    Che è impossibile starnutire con gli occhi aperti

9)    Che gli elefanti sono gli unici animali che non possono saltare

10)  Che quando i conquistatori inglesi arrivarono in Australia, si spaventarono nel vedere strani animali che facevano salti incredibili. Chiamarono uno del luogo e cercarono di fare domande a gesti. Sentendo che l’indigeno diceva sempre Kan Ghu Ru adottarono il vocabolo kangaroo (canguro). I linguisti determinarono dopo ricerche che il significato di quello che gli indigeni volevano dire era: “non vi capisco”

11)  Il cuore di un gamberetto è nella testa

12)  Più del 50% delle persone del mondo non ha fatto o ricevuto una telefonata

13)  I ratti e i cavalli non possono vomitare

14) Se due cugini si sposano, i loro figli avranno 6 nonni e non 8

 

 

I giochi del nonno

  I giochi del nonno  Anche gli schermitori, magari dopo qualche milione di stoccate, diventano nonni; il tanto pensare e ragionare in pedana a questo punto può dare qualche frutto: in questo caso, costruiti quasi con nulla, tanti giochi da popolare il famoso paese dei balocchi di Pinocchio.

 

Luna – park

luna-park       Cosa c’entra un luna-park con la scherma? A parte che siamo nelle tasche di Eta Beta e nessuno al mondo sa cosa ci sta dentro! Luna- park è un’esperienza che ho vissuto anche in sala di scherma (oltre a scuole e parrocchie), esperienza che regala divertimento a chi gioca, a chi costruisce giochi, a chi conduce i giochi, ai genitori e anche ai nonni che spesso vogliono far vedere ai bambini come si fa a vincere …e all’occasione si possono fare discreti introiti da destinare ovviamente, nel nostro caso, alla nostra sala (in genere povera!).

 

Sperimentalia

sperimentalia       Apparentemente tra la scherma e gli esperimenti di Fisica (magnetismo, forza di coesione dell’acqua e quant’altro) sembra che non ci sia alcun tipo di legame. Invece, a pensar bene, tra il procedimento scientifico utilizzato durante gli esperimenti e la conduzione di un match su una pedana ci sono molte affinità: in effetti in entrambi i casi prima si deve osservare, poi desumere, poi trarre le dovute conclusioni. Con questo non è che debba convincervi ad allenarvi nelle vostre sale di scherma con alambicchi, dinamometri o altro; voglio solo dire che “giocando” con Sperimentalia si acquisisce una forma mentis molto utile per lo schermitore. I più giovani, soprattutto quelli che frequentano la Scuola secondaria di primo grado, tra l’altro verificheranno quanto di “scientifico” (e tanto!) c’è nella nostra disciplina. Buoni esperimenti a tutti.

 

Logicandia

logicandia           Tra le qualità che uno schermitore deve avere e coltivare c’è sicuramente la logica: lo richiede lo studio dell’avversario,  la ricerca della “contraria” più opportuna e l’analisi continua dello sviluppo del match. Logicandia, scritto a quattro mani con mia moglie Elena, è un’occasione per allenare la propria mente alla risoluzione di problemi di varia natura (come varie sono le tipologie di avversari che si possono incontrare sulla pedana); per facilitare il rinvenimento delle soluzioni, per quasi tutti i quesiti abbiamo realizzato (come da fotografia) piccoli manufatti, che consentono ai più giovani di “visualizzare” i problemi. Buon divertimento

 

 

La vita è un quiz

Anche ogni assalto è un quiz: ogni avversario ha caratteristiche diverse! Quindi allenando la tua capacità logica dovresti migliorare la tua prestazione sulla pedana e, se frequenti ancora gli studi, dovresti migliorare i tuoi voti. Almeno questa è la speranza!!!

la-vita-e-un-quiz

 

DO – re – mi – fa – il -quiz

do-re-mi-fa-il-quiz   Cosa c’entra una specie di musichiere con la scherma? I riflessi sono molto importanti nella nostra disciplina: organizza il gioco magari con una corsetta per raggiungere il campanello per prenotarsi per la risposta così farai anche preparazione atletica! Se giochi da solo prendi il gioco come un allenamento della memoria! Le canzoni forse sono un po’ vecchiotte; se sei un appassionato di musica più recente crea pure nuove play-list.

 

Cinemania

Stesso discorso vale per questa raccolta di indizi che portano dritto dritto al titolo di un film

prima-pagina

prefazione

cinemania-testo

 

 

Parvae pulchritudines

parvae-pulchritudines     Se ami il bricolage e vuoi produrre una serie di premi – trofei – regalini adatti ad una sala di scherma, leggi questi suggerimenti

 

Detti e proverbi di buon senno

detti-e-proverbi-di-buon-senno         Fruga pure tra questi detti e proverbi del passato, che sono la saggezza dei popoli; forse ne trovi

qualcuno utile anche in pedana!

 

Giochi di parole (…..o scelleratezze)

Se hai dei dubbi di come funzioni il cervello di uno schermitore (almeno il mio) leggi questo libello; scherzi a parte, guardate un po’ come si possono associare in modo burlesco le parole …..sai in questo modo quante contrarie riesci a trovare all’istante di fronte ad un nuovo avversario!?

prima-serie

seconda-serie

terza-serie

quarta-serie

quinta-serie

 

 

Effemeridi 2017 di Stefano

La mia lunga pratica schermistica mi ha abituato a monitorare sempre e a grandangolo tutto ciò che arriva nei miei pressi; in questo caso sono parole, scritte o sentite, che hanno colpito il mio immaginario e ho voluto fermarle in un archivio per rifletterci sopra con più calma e magari a distanza di tempo; voglio soppesare il loro significato, semplice o complesso che sia, per rendermi conto se devono entrare a far parte delle mie idee. Offro volentieri a tutti voi, per condividerli, questi spunti che ho raccolto dalla mia esperienza.

 

–       Mi hai mentito! Certo, perché non sopporti la verità (dal film L’amore secondo Dan)

 

–       Le mie figlie non mi sopportano! Allora vuol dire che stai facendo qualcosa di giusto (dal film L’amore secondo Dan)

 

–       Sei un buon padre, ma un cattivo papà (dal film L’amore secondo Dan)

 

–      Non capisci di non capire (dal film L’amore secondo Dan)

 

–      L’amore non è un sentimento, ma una capacità (dal film L’amore secondo Dan)

 

–       ..a chi crede che Gesù bambino sia Babbo Natale da giovane (da canzone sentita alla radio)

 

–      …ma se le biblioteche ti sono sempre piaciute! Ti ricordi a scuola,ci facevi sesso dentro (dal film Suburban girl)

 

–      E’ cosi affascinante che per strada lo seguono anche i cani. Lo credo, i cani seguono i cani (dal film Suburban girl)

 

–      Non indossa le mutande…forse era in ritardo e non ha fatto in tempo a mettersele (dal film Suburban girl)

 

–      Noi tutti cerchiamo un anima, anche istintivamente, quando riflettiamo su un personaggio della Storia. Cercare l’anima significa scoprire          le motivazioni dei gesti, non certo negarli. Magari ammetterli, ma dopo aver capito il perché delle cose (dal libro Tiberio, di Antonio Spi            Spinosa)

 

–       I fati troveranno la via: le cose si compiranno per loro intima forza (dal libro Tiberio, di Antonio Spinosa)

 

–      Vi ricordo che i più grandi personaggi della storia sono mortali: immortale è solo lo Stato (Tiberio, imperatore)

 

–      Il biografo, nel tracciare la storia di Tiberio, è inorridito non per le gesta del principe, ma per l’ostinazione dei detrattori (dal libro Tiberio          Tiberio,   di Antonio Spinosa)

 

–      Non c’è nulla di eccezionale o di sorprendente nella possibilità di rivedere e di ripensare problemi che sono già stati analizzati innumerevoli volte in precedenza, perché è questa la forza straordinaria del sapere: potersi porre problemi antichi con interrogativi nuovi, con strumenti di analisi nuovi, che sono dati dall’accumularsi del sapere stesso e da quella esperienza storica che è coestensiva alla vita (dal libro, Gesù di Nazaret Tabù e trasgressione, di Ida Magli)

 

–      Tutto ciò che facciamo, diciamo, pensiamo, va a far parte del nostro tessuto interiore, anche se noi lo rielaboriamo immediatamente a seconda dei nostri bisogni personali e quindi in qualche modo lo trasformiamo. Ma questa unicità del singolo individuo nulla toglie al fatto che costruiamo la nostra personalità con gli stessi “mattoni” culturali e sociali con i quali sono costruite le personalità di tutti coloro che condividono la nostra cultura (dal libro, Gesù di Nazaret tabù e trasgressione, di Ida Magli)

 

–      Tutte le volte che lei aveva un orgasmo, lui andava a farsi un panino … perché non gli faceva il panino prima ?! (dal film, Insonnia d’amore)

 

–      Sai, quel sogno dove tu cammini nuda per la strada e tutti ti guardano … adoro quel sogno! (dal film, Insonnia d’amore)

 

–      Hai tante probabilità di vincere quante una palla di neve all’inferno (dal film, Matrimonio in appello)

 

–      Hai cinquantasei anni …solo qualche parte di me! (dal film, Matrimonio in appello)

 

–      Io penso che tu debba far pensare me (dal film, Matrimonio in appello)

 

–      Oggi non sappiamo più invecchiare (da articolo Nazione, Teo Teocoli)

 

–      Il mare è come il cielo rovesciato solo che al posto degli uccellini ci sono i pesci (dal film, La spiaggia)

 

–      Una linea è una lunghezza senza larghezza (dal film, Il senso di Smilla per la neve)

 

–      I parassiti non uccidono i loro ospiti …non sarebbe educato (dal film, Il senso di Smilla per la neve)

 

–      E (Ulisse) disse al fiume: Signore, chiunque tu sia, a te arrivo fuggendo dal mare; ora m’immergo nella tua corrente e mi proclamo tuo debitore; abbi pietà di me (dall’Odissea di Omero)

 

–      …l’abbraccio del silenzio… (da una canzone sentita alla radio)

 

–      …per me che sono nullità nell’immensità… (dalla canzone, L’immensità)

 

–      Traduzione del verso dei gatti miao in lingua inglese = meow ! (dal film, In the cut)

 

–      A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca (Giulio Andreotti, politico)

 

–      Che ci dicano cosa vuol dire, secondo loro, rinunciare al secolo e come si fa a riconoscere quelli che hanno abbandonato il secolo: forse solo perché non portano armi e non sono legalmente sposati? E che ci spieghino un po’ se ha davvero abbandonato il secolo chi cerca quotidianamente di accrescere le sue ricchezze con tutti i mezzi, allettando con le beatitudini del regno celeste, minacciando l’eterno supplizio dell’inferno, e così col pretesto di Dio e di qualche santo spogliando gli ignoranti e riducendo i loro eredi alla miseria (Carlo Magno, dal libro Carlo Magno un padre dell’Europa, di Alessandro Barbero)

 

–      Il tuo corpo è la somma di tutti i desideri (da canzone sentita alla radio)

 

–      La vita è come leccare miele da un cactus (dal film, Killer Elite)

 

 

–      Lei si comporta come se la stupidità fosse una virtù (dal film, Il volo della Fenice)

 

–      “Non faccio distinzioni tra gli uomini; non sono interessato alla loro discendenza o alle loro origini. Per me ogni straniero virtuoso è un greco e ogni cattivo greco è peggio di un barbaro” (Arriano, Anabasi di Alessandro)

 

–      …il mormorio degli anni… (da canzone sentita sulla spiaggia di Misano Adriatica)

 

–      La cosmologia è la religione degli atei intelligenti (dalla presentazione del film La teoria del tutto)

 

–      I greci credevano nella scienza, non negli dei, per spiegare le cose. O, piuttosto, provavano prima con la scienza e davano credito agli dei solo quando non riuscivano a trovare una risposta da soli (dal libro, “Io, Cleopatra” di Margaret George

 

–      Passeggiavo a piedi nudi nella tua anima (canzone cantata da Fausto Leali)

 

–      Il tuo sorriso annaspa in un cerchio chiuso (canzone sentita alla radio)

 

–       Sono allo zenit (ascoltatrice alla radio)

 

–      Mia madre, dopo avermi fatto, ha buttato via lo stampo (dal film, Pensieri pericolosi)

 

–      Devo aprirti la testa e scrivercelo dentro per fartelo capire! (dal film, Lo sperone insanguinato)

 

–      Un giorno mi sono innamorato della fossetta in mezzo al mento di una ragazza, poi sono stato costretto a sposare tutto il resto (da un Film)

 

–      Da piccolo ero così povero che meno male che ero un maschietto e avevo così qualcosa con cui giocare (da un film)

 

–      Parli troppo spesso e fai poche pause di silenzio, che poi sono le cose più interessanti di te (da un film)

 

–      Attenti al cane e al padrone (cartello di una casa con giardino a Misano Adriatico)

 

–      In certe cose non esistono risposte, ma solo scelte (dal film, Solaris)

 

–      Da un diamante non nasce nulla, dal guano nascono i fiori (da una canzone di Fabrizio de André)

 

–      Non sapresti fare andare nemmeno un citofono (da un film)

 

–      Mio nonno mi ha detto che comincerà a mangiare il pesce solo quando non starà più nell’acqua ma nel lambrusco (da un commensale al restaurant di un albergo a Misano Adriatico)

 

–      Dio esiste e ha la maglia azzurra (da Nazione, giornale di Firenze dopo la vittoria al mondiale)

 

–      Da giovane ero così magra che mi chiamavano gruccia vestita (da Rita, nostra amica)

 

–      …presto nei migliori cinema e anche in quelli così così (da una pubblicità alla radio)

 

–      E’ vietato lasciare liberi i cani e non provvedere alle loro deiezioni (da un cartello in piazza duomo a Firenze)

 

–      Dio c’è e bussa per lavarti i vetri (da canzone di Mia Martini)

 

–      Al di là delle cose più belle, al di là delle stelle ci sei tu (da canzone di Betty Curtis)

 

–      La paura fa bene, acuisce i nostri sensi; ti fa pensare e ragionare lucidamente (dal film, Bianco Natale a Beverly Hills)

 

–      Se la pazienza è una grande virtù, ne servirà tanta e forse di più (da canzone sentita alla radio)

 

–      Dalla vita non voglio tutto, ma solo una grande porzione (dal film, The women)

 

–      …per i Cristiani che egli ( Ibn Giobair, scrittore arabo) era ben contento di poter definire “porci di bassa qualità” (dal libro, Saladino di Albert Champdor)

 

–      Cogli nel tuo cuore la conoscenza del Profeta, senza intermediari di libri, né di maestri (dal libro, Saladino di Albert Champdor)

 

–      Saladino adolescente completò a Damasco la sua educazione, dove i suoi nuovi maestri, a differenza di quelli precedenti, s’adoperarono ad ispirargli un attaccamento superstizioso ai riti della religione islamica e l’odio per i Cristiani (dal libro Saladino, di Albert Champdor)

 

–      Siano invincibili le armi vostre. Possano i pericoli, le sofferenze e le fatiche della guerra essere la penitenza che Dio vi impone. Gli infedeli stanno conquistando in Terra Santa le nostre città e i nostri territori. Essi rapiscono le nostre spose e le figlie nostre e profanano i nostri santuari. Cosa aspettate voi per riparare questi terribili mali? Impugnate le armi. Accingetevi a combattere in preda ad un furore sacro. Possano risuonare in ogni dove, nel mondo cristiano, le seguenti parole del Profeta: “Guai a colui che non bagna la propria spada nel sangue (parole di San Bernardo di Chiaravalle nel XII secolo; dal libro Saladino, di Albert Champdor)

 

–      Non mi piacciono i prepotenti che cercano di sottomettere la gente, né mi piace la gente che si lascia sottomettere dai prepotenti (dal film, Lo strano amore di Marta Ivers)

 

–      …prima che il sole riscaldi due volte il deserto…(dal film, Nefertiti la regina del Nilo)

 

–      Non disperare un nuovo giorno ha sempre un nuovo volto (dal film, Nefertiti la regina del Nilo)

 

–      Dalla quantità di panni che mi ritrovo da lavare ogni settimana sono giunta alla conclusione che in casa mia vivono persone che non ho ancora incontrato (da messaggio ribaltato da mia figlia Carlotta sul cellulare)

 

–      Ha una faccia che spaventerebbe una strega (dal film, Mary Poppins)

 

–      Gli elettrodomestici di questa casa hanno l’età di mia nonna (dal film, One fot the money)

 

–      Cosa aspettavi a dirmelo, la fine del mondo! (dal film, One for the money)

 

–      Non te lo direi nemmeno se venisse il Papa e mi picchiasse con un bastone (dal film, One for the money)

 

–      Noi siamo storia vecchia come le piramidi (dal film, One for the money)

 

–      E’ più grassa di una vacca (dal film, One for the money)

 

–      C’è sempre una prima volta; ma sono più importanti le ultime volte. Secondo me la vita è solo una meravigliosa collezione di ultime volte: l’ultima volta che ti cantano una ninna nanna, l’ultima volta che vai in bicicletta con le rotelle, l’ultima volta che esci dal cancello della scuola.

Purtroppo nessuno ti avverte che quella che stai vivendo è l’ultima volta; di solito non te ne accorgi nemmeno (dal film, Pazze di me).

 

–      Lei a lui: che dici, chiediamo il conto? Lui: c’ho pensato io naturalmente. Lei: naturalmente; e cosa mi significa questo naturalmente?! Lo so io cosa significa: un secolo d’impegno, di lotta e di sacrifici, affinché le donne potessero ottenere un minimo sindacale di emancipazione; e tu me lo distruggi con il tuo naturalmente del cazzo, dando per scontato che io non sia in grado di provvedere a me stessa come femmina e quindi essere inferiore; giusto?! Lui: allora dividiamo. Lei: E’ certo essendo femmina assecondi qualsiasi cosa che io ti dica. Lui: allora paga tu. Lei: ah, ah! Comodo, la mammina che fa tutto ora ti paga anche il conto. Lo sai dove te lo puoi ficcare il tuo naturalmente?! Lui: naturalmente! Lei si alza e andandosene dice: paga tu, va! (dal film, Pazze di me)

 

–      Controllai alcune date di nascita di famiglia e mi accorsi che mio nonno probabilmente il famoso telegramma “Obbedisco”, l’aveva letto sul giornale. E che suo padre, da bambino, forse aveva visto Napoleone per le strade di Parma. E che il bisnonno del bisnonno di suo nonno poteva aver commentato con gli amici: “Secondo me, Cristoforo Colombo è un pazzo”.

La storia perdeva così la sua astratta solennità e diventava quasi una vicenda di famiglia se, incolonnando su un foglio di quaderno una ventina di trisavoli, risalivo a un ragazzo con l’elmo e la corazza che stava sul Rubicone, mentre Cesare pronunciava quella frase sui dadi.

Troppo tardi, dicevo, avevo intuito questa dimensione familiare della storia. E così le vicende che studiai alle elementari e alle superiori mi apparvero estranee, imbalsamate. Scritte da qualcuno unicamente perché noi ragazzi venissimo promossi o bocciati (dal libro, Messalina di Luca Goldoni)

 

–      Il sogno di chiunque scriva una biografia è quello di ribaltare l’immagine del personaggio. Dimostrare, per esempio, che Caino era un buon diavolo, Noè soffriva il mal di mare e Maria Goretti aveva una doppia vita (dal libro, Messalina di Luca Goldoni)

 

–       E ’il periodo in cui le donne romane hanno strappato la parità, sottraendosi alla manus, cioè alla podestà del marito: se viene meno l’affectio maritalis, il consenso al vincolo nuziale, possono ottenere il divorzio. E’ incredibile, ci vorranno duemila anni per tornare a queste conquiste (dal libro, Messalina di Luca Goldoni)

 

–      I romani avevano creato gli Dei a immagine e somiglianza degli uomini, mentre la nostra religione sostiene il contrario, ma non è un complimento al Creatore; oppure c’è da pensare che gli siamo venuti male (dal libro, Messalina di Luca Goldoni)

 

–      La religione nasce dal peccato (da una canzone sentita alla radio)

 

–      Quando non sai cosa fare, fai quello che devi (da Bersani, uomo politico in TV)

 

–      Potea non volle; or che vorria non puote (dalla poesia I due susini di Luigi Flachi, ricordato spesso dal nonno Giovanni)

 

–      La Bellezza è l’unica cosa contro cui la forza del tempo sia vana. Le filosofie si disgregano come la sabbia, le credenze si succedono l’una all’altra, ma ciò che è bello è una gioia per tutte le stagioni ed un possesso per tutta l’eternità.

Un uomo che non ha pensieri individuali è un uomo che non pensa.

Le peggiori cose son sempre fatte con le migliori intenzioni.

La disobbedienza, per chiunque conosca la storia, è la virtù originale dell’uomo. Con la disobbedienza il progresso è stato realizzato; con la disobbedienza e con la rivolta.

Esperienza è il nome che tutti danno ai propri errori.

L’anima nasce vecchia e diventa giovane. Ecco la commedia della vita. Il corpo nasce giovane e diventa vecchio. Ecco la tragedia dell’anima.

(dal libro Aforismi, di Oscar Wilde)

 

 

–       E’ immorale servirsi della proprietà privata per alleviare i mali spaventosi dovuti all’istituzione della proprietà privata.

Colui per il quale il presente è la sola cosa che è presente, non conosce niente del tempo nel quale vive. Per capire i XIX secolo è necessario capire ogni secolo che l’ha preceduto e che ha contribuito a farlo tale e quale è stato.

Oggi si conosce il prezzo di tutte le cose e il valore di nessuna.

(dal libro Aforismi, di Oscar Wilde)

 

–      Pietro Leopoldo volle essere certo che gli amministratori che lavoravano per il suo governo, si sentissero al servizio del suo popolo, rinunciando ad ogni ambizione di formare come una classe a sé (dal libro i Lorena. Granduchi di Toscana, di Marcello Vannucci)

 

 

–      Gli strumenti di tortura che erano nelle stanze del palazzo del Bargello

furono posti su un rogo ed arsi, significando che nello Stato di Pietro Leopoldo la giustizia era ormai amministrata nel rispetto dei diritti che appartengono ad ogni uomo (dal libro i Lorena. Granduchi di Toscana, di Marcello Vannucci)

 

–      Si scontrarono, ma in  modo soffice, senza vincitori e vinti, le idee di coloro che si pensarono giacobini e rivoluzionari, opposti alla parte che si schierava nel nome della tradizione. A metà strada fra queste idee, si sistemarono quelli che pensarono potesse esserci il modo di restare fedeli alla tradizione, pur senza respingere le istanze di un presente, che non poteva essere ignorato (dal libro i Lorena. Granduchi di Toscana, di Marcello Vannucci)

 

 

–      Forse un libro scriverai, come libero autore (dalla canzone Gli uomini Celesti di Mogol-Battisti

 

–       La Terra non l’abbiamo ereditata dai nostri padri, ma l’abbiamo presa in prestito dai nostri figli (dal libro Il Piccolo principe, di Saint-Exupéry)

 

–       La brutta notizia è che il tempo vola; quella bella che il pilota sei tu (da Internet)

 

–      La superbia è tenuta per gran peccato e si punisce un atto di superbia in quel modo che l’ha commesso. Onde nullo reputa viltà lo servire in mensa, in cucina o altrove, ma lo chiamano imparare; e dicono che così è onore al piede camminare, come l’orecchio guardare; onde chi è deputato a qualche offizio, lo fa come cosa onoratissima e non tengono schiavi, perché essi bastano a se stessi, anzi soverchiano (dal libro, La città del Sole di Tommaso Campanella)

 

–      Conosce più donne quell’uomo che una manicure (da film alla TV)

 

–      Non vado d’accordo con lui, ma ammiro il suo modo di pensare, perché porta la discussione ad alto livello (dal libro, Italia fragile di Giuseppe Prezzolini)

 

–      E’ un libro informativo, critico, direttivo: sempre ad un livello di intelligenza superiore ai partiti ed agli eventi. Lo specchio di un’intelligenza che vive sopra le passioni (dal libro, Italia fragile di Giuseppe Prezzolini)

 

–      La violenza è la levatrice della Storia (Carlo Marx)

 

–      La responsabilità di chi lancia un’idea è simile a quella di chi getta un sasso nell’acqua e non sa dove arriveranno le onde che solleva. Le parole la forza e la violenza sono simili e l’una può essere talvolta presa per l’altra. Per conto mio ho osservato che molti chiamano forza un’energia quando è da la loro parte e violenza quando l’energia è contro di loro. Ma io passo per una malalingua (dal libro Italia fragile di Giuseppe Prezzolini)

 

–      E’ un’antica disputa se la Storia possa insegnare. Per insegnare, dovrebbe ripetersi. Ma soltanto gli atomi son supposti ripetere le loro scissioni e fusioni con gli stessi risultati. Gli atti umani producono sempre novità (dal libro Italia fragile di Giuseppe Prezzolini)

 

–      I veri pericoli per l’indipendenza dei giornalisti e della libertà di stampa sono la RAI e la TV; ossia lo Stato. E’ lo Stato che dando a questi organi d’informazione il monopolio accontenta tutto quel pubblico pecorile, desideroso soltanto di evadere dalla realtà e di divertirsi, che non si cura affatto di avere notizie esatte e discussioni serie con indipendenza di giudizio e si contenta dei pastoni e delle pillole ammannite dai farmacisti politici dei partiti dominanti e si ferma a bocca aperta unanime alle scene sportive e a Canzonissima  (dal libro Italia fragile di Giuseppe Prezzolini)

 

–      Sono portato a credere che l’immaginazione conti nella politica più del ragionamento, delle prove, delle testimonianze, delle statistiche. E quindi che per persuadere gli uomini occorre la fantasia e non la ragione (dal libro Italia fragile di Giuseppe Prezzolini)

–      Quando nel 1965 arrivarono a Firenze i burocrati e gli impiegati dello Stato piemontese parlavano ancora in dialetto; i fiorentini li chiamavano “i buzzurri” (dal libro Roma o morte, di Arrigo Petacco)

 

–      Confronto a te Cenerentola sembrerebbe scalza (dal film, Angeli con la pistola)

 

–      Il cuore ha delle ragioni che la ragione non comprende (Blaise Pascal)

 

–      A che ora arrivano gli ospiti? Non arriva mai nessuno per primo, arrivano tutti per ultimi (dal film, Angeli con la pistola)

 

–      Ha tentato di mettermi in tasca le mani, dove non ci sono tasche (dal film, Angeli con la pistola)

 

–      Una persona semplice prende in mano dalla scacchiera un cavallo: ma guarda un po’! I ricchi mettono un cavallo su una pedina! (dal film, Angeli con la pistola)

 

–      Sono l’uomo più fortunato del mondo; morissi adesso sarei felice (da un trailer al computer)

 

–      Una volta guardavo il mondo assai distrattamente: non lo guardavo, lo sorvolavo. Avevo del tempo avanti a me. Ora vorrei vedere bene tutto ed essere informato di ogni cosa, come uno che non ha più tempo da perdere (dal racconto, La Lombardia, di Vincenzo Cardarelli)

 

–      O io ho girato troppo poco o tu sei la donna più bella del mondo (dal film, Sei mai stat sulla Luna?)

 

–      …i cittadini fossero non soltanto liberi, ma degni di esserlo (dal libro Origine della disuguaglianza di Jean-Jacques Rousseau)

 

–      Nessuno di voi è così poco illuminato da ignorare che dove manca il vigore delle leggi e l’autorità dei loro difensori non può esservi né sicurezza né libertà per nessuno (dal libro, Origine della disuguaglianza di Jean-Jacques Rousseau)

–      Mi sembra che la più utile e la meno progredita di tutte le conoscenze umane sia la conoscenza dell’uomo e oso dire che la sola epigrafe del tempio di Apollo in Delfo contenesse un precetto più importante e più difficile di tutti i grossi libri dei moralisti (dal libro Origine della disuguaglianza di Jean-Jacques Rousseau)

 

–      Scontento del tuo stato attuale per ragioni che promettono ai disgraziati posteri una scontentezza anche maggiore, forse vorresti poter tornare indietro; e questo sentimento deve costituire un elogio per i tuoi primi avi, una critica per i tuoi contemporanei e uno spavento per quelli che avranno la disgrazia di vivere dopo di te (dal libro Origine della disuguaglianza di Jean-Jacques Rousseau)

 

–      Lasciate all’uomo civile il tempo di radunare intorno a sé tante macchine e senza dubbio supererà facilmente il selvaggio; ma se volete vedere una gara in condizioni ancora più diseguali, metteteli l’uno davanti all’altro nudi e disarmati e riconoscerete subito quale sia il vantaggio d’aver sempre a disposizione tutte le proprie forze, d’essere sempre pronto a ogni evento e di portare sempre se stesso, per così dire, tutto intero con sé (dal libro Origine della disuguaglianza di Jean-Jacques Rousseau)

 

–       Io non scorgo in ogni animale che una macchina complicata cui la natura ha dato i sensi perché potesse ricaricarsi da sola e difendersi, fino a un certo punto, da tutto ciò che tende a guastarla: E nella macchina umana scorgo esattamente le stesse cose, con questa differenza: che la natura da sola compie tutte le operazioni della bestia, mentre l’uomo partecipa alle sue in qualità di agente libero (dal libro Origine della disuguaglianza di Jean-Jacques Rousseau)

 

–      In questo nuovo stato, con una vita semplice e solitaria, bisogni limitatissimi e gli strumenti che avevano inventato per provvedervi, gli uomini, che godevano di molto tempo libero, lo impiegarono a procurarsi parecchie specie di comodità sconosciute ai loro padri; e fu questo il primo giogo che si imposero senza pensarci e la prima fonte dei mali che prepararono ai loro discendenti. Infatti, oltre a continuare ad ammollirsi il corpo e lo spirito, con l’abitudine queste comodità perdettero quasi tutto il loro piacere e nello stesso tempo degenerarono in veri e propri bisogni, sì che la privazione ne divenne assai più crudele di quanto ne fosse dolce il possesso e si era infelici perdendoli senza essere felici possedendoli (dal libro Origine della disuguaglianza di Jean-Jacques Rousseau)

 

–      A forza di vedersi non si può fare a meno di vedersi di nuovo. Si insinua nell’anima un sentimento tenero e dolce che per la minima opposizione diviene furore impetuoso: con l’amore si desta la gelosia, trionfa la discordia, e la più dolce delle passioni riceve sacrifici di sangue umano (dal libro Origine della disuguaglianza di Jean-Jacques Rousseau)

 

–      I corpi politici risentirono ben presto degli inconvenienti che avevano costretto gli individui ad uscirne: e quello stato fu ancora più funesto nei rapporti di quei grandi corpi di quanto lo fosse prima per gli individui di cui essi erano composti. Ne nacquero le guerre nazionali, le battaglie, le uccisioni, le rappresaglie che fanno fremere la natura e urtano la ragione, e tutti quegli orribili pregiudizi che collocano nel novero delle virtù l’onore di spargere sangue umano. Le persone oneste impararono a contare fra i loro doveri quello di trucidare i propri simili; alla fine si videro gli uomini a massacrarsi a migliaia senza sapere il perché, i si facevano più uccisioni in una giornata di battaglia, e più orrori nella presa di una città, di quanti se ne fossero commessi nello stato di natura per secoli e secoli su tutta quanta la faccia della terra (dal libro Origine della disuguaglianza di Jean-Jacques Rousseau)

 

–      Dal primo libro di Zoroastro egli aveva imparato che l’amor proprio è un pallone pieno di vento, se appena lo buchi sfiata tempesta (dal libro, Zadig di Voltaire)

 

–      Era d’animo generoso, non temeva di fare del bene gli ingrati; in ciò seguendo quel grande precetto di Zoroastro: “Quando mangi, da’ pure qualcosa ai cani, anche se poi mordono” (dal libro, Zadig di Voltaire)

 

–      Tutte le nazioni devono a lui (Zoroastro) il seguente dettame: è meglio correre il rischio di salvare un colpevole piuttosto di condannare un innocente” (dal libro, Zadig di Voltaire)

 

–      Una donna, indecisa sulla paternità tra due uomini, disse di essere pronta a riconoscere come padre del bambino chi avesse saputo dargli la migliore educazione. La disputa fu portata di fronte a Zadig che chiese al primo “cosa insegnerai al tuo pupillo?”; egli rispose: “Gli insegnerò le otto parti del discorso: dialettica, astrologia, demonomania, l’essenza della sostanza e dell’accidente,dell’astratto e il concreto, le monadi e l’armonia prestabilita”. L’altro disse:” io cercherò di farlo crescere giusto e degno di avere amici”. Zadig sentenziò: “Padre o non padre del piccolo, tu secondo sposerai sua madre” (dal libro, Zadig di Voltaire)

 

–      In Babilonia da bel millecinquecento anni durava una grande disputa che divideva in due accanite sette l’impero. Una setta asseriva che non si doveva mai entrare nel tempio di Mitra fuorché con il piede sinistro; i partigiani dell’altra, aborrendo da tale usanza, non entravano se non con il piede destro innanzi. Tutta la gente fissava Zadig per vedere come si sarebbe comportato; Zadig passò la soglia del tempio  con un salto a piedi giunti; e dimostrò poi come il Dio del cielo e della terra, imparziale con tutti, non sta a badare più a una gamba che all’altra (dal libro, Zadig di Voltaire)

 

 

–      Zadig concluse anche bellamente la grande controversia tra i magi bianchi e i magi neri. I bianchi consideravano empietà il volgersi verso l’oriente invernale, nelle preghiere a Dio. I neri asserivano che Dio aveva in abominazione le preghiere di coloro che si volgevano verso l’occidente estivo. Zadig diede l’ordine di volgersi di libera scelta (dal libro, Zadig di Voltaire)

 

–      Si venne a parlare delle passioni. – h! Quanto sono fatali, – diceva Zadig. E l’eremita: – Sono i venti che gonfiano le vele del vascello, qualche volta lo portano a fondo ma senza di loro il vascello non navigherebbe. La bile può dare collera e infermità, ma senza la bile l’uomo non vivrebbe. Quaggiù tutto è rischio, ma tutto è necessità (dal libro, Zadig di Voltaire)

 

–      Buoni a nulla, ma capaci di tutto (alla TV, lo scrittore Mauro Corona)

 

–       I soldi non bastano: risparmieremo sul bucato e non metteremo i calzini il giovedì (dal film, Quella strana coppia)

 

–      I pescecani devono sempre muoversi: non avendo la vescica natatoria, se si fermano vanno a fondo (da documentario alla TV)

 

–      In quell’ufficio tutti mi guardano come se fossi un figlio illegittimo alla lettura di un testamento (dal film, dalle otto alle cinque orario continuato)

 

–      La forza di una catena è quella del suo anello più debole (dal film, dalle otto alle cinque orario continuato)

 

–      Io la caccia non la capisco: c’è gente che spara ad animali come Bambi e Tamburino (dal film, dalle otto alle cinque orario continuato)

 

–      Ciurma felice, la nave vola (dal film, dalle otto alle cinque orario continuato)

 

–      Io non ti conosco, io non so chi sei; so che hai cancellato con un gesto i sogni miei (dalla canzone, Insieme, cantata da Mina)

 

–      Portami una bistecca al sangue, ma al sangue: deve far paura a un vampiro (dal film, Un paradiso per due)

 

–      Più le cose che raccontava sembravano sorprendenti, più trovavano credito presso quegli spiriti ignoranti e leggeri (dal libro,Teodora imperatrice di Bisanzio, di Charles Diehl)

 

–      Vola come una farfalla, pungi come un’ape (dal film, Un marito di troppo)

 

–      Ricordati, la volontà vale più del talento e dell’intelligenza (dal film, Un marito di troppo)

 

–      La caratteristica che tiene insieme tutto è l’elitismo sprezzante del sistema di comando delle democrazie di oggi (da articolo su L’espresso di Tommaso Cerno)

–      L’età è solo un numero (dal film, Professore per amore)

 

–      E’ il momento in cui non c’è domani (dalla telecronaca di una partita di pallacanestro alla TV)

 

–      Siccità in attacco (dalla telecronaca di una partita di pallacanestro alla TV)

 

 

–      Perché vi siete innamorati di tutte le cose della vita che distruggono l’uomo?! (dal discorso tenuto da Alessandro Magno su fiume Ifasi)

 

–      Scusi che tenuta di strada ha questa macchina? Una merda, si ribalta in parcheggio (dal film Eccezzziunale veramente)

 

–      Sei come un interruttore, ti spengi e te ne vai (da una canzone sentita alla radio)

 

–      Le madri degli stupidi sono sempre gravide (da conferenza di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Il nostro amore è come andare in contromano (da canzone sentita alla radio)

 

–      Tutte le donne diventano come le loro madri. Questa è la loro tragedia. Gli uomini no. E questa è la loro tragedia (dal libro, Aforismi di Oscar Wilde)

 

–      Gli uomini bramano sempre essere il primo amore di una donna e questo è un effetto della loro stupida vanità. Noi donne abbiamo un istinto più sottile. Ciò che ci piace essere …è l’ultima storia d’amore di un uomo (dal libro, Aforismi di Oscar Wilde)

 

–      Non credo nell’aldilà, ma comunque mi porto dietro sempre un cambio di biancheria (citazione di Woody Allen, dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Con argomenti tipici della lucidità dei pazzi… (dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Spesso si pensa stupidamente che amare gli animali significhi coccolare  cani e gatti e inorridire per le corride o i massacri delle foche. Raramente si pensa invece che il vero problema risiede invece nelle sofferenze e violazioni dei diritti degli animali causate dal loro uso nell’alimentazione e nelle sperimentazione (dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      La gente pretende di avere in casa d’estate le temperature che ci sono fuori d’inverno e d’inverno quelle che ci sono fuori d’estate. Il che costringe a indossare in casa maglioni invernali in estate e magliette estive d’inverno (dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      La stupidità degli altri mi affascina, ma preferisco la mia (citazione di Ennio Flaiano, dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Oggi i cretini sono pieni d’idee (citazione di Ennio Flaiano, dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      E’ stupido pretendere di muovere tonnellate di metallo per spostare qualche chilo di carne, soprattutto sottraendo petrolio prezioso dal sottosuolo e immettendo gas tossici nell’atmosfera (citazione da Hermann Hesse del 1927, dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Sfogliare i giornali non sarebbe di per sé stupido, se essi si limitassero a riportare fatti e a dare informazioni. Ma lo diventa quando invece si allargano a fornire opinioni e a fare disinformazione, a vantaggio degli investitori e dei proprietari (dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Una cosa che mi umilia profondamente è vedere che il genio umano ha dei limiti, ma la stupidità umana no (dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

–      La diffusa presenza degli oroscopi è la prova del fatto che la nostra epoca non è scientifica, nonostante tutta la sua tecnologia (dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Mi disse: – non ti scordare mai di me (canzone sentita alla radio)

 

–      Lo torturano per farlo parlare; invece mia moglie la dovrebbero torturare per farla stare zitta (dal film, Il pirata saraceno)

 

–      …l’universo ce l’ha con me (da film visto alla TV)

 

–      Anche i più intelligenti possono dire stupidaggini (dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Chi vuole nascondere la verità al popolo non deve preoccuparsi di questo libro: il popolo non legge, lavora sei giorni e il settimo va all’osteria. Ma, religiosi e filosofi, tremate che non abbia ad arrivare il giorno della ragione (Voltaire)

 

–      Il verosimile è più convincente del vero, per potersi imporre il vero deve diventare verosimile. Il verosimile è il regno della stupidità, cioè delle superstizioni diffuse e del politicamente corretto imposto. Che la Terra abbia miliardi di anni e giri attorno al Sole, i continenti vadano alla deriva, i monti e le valli si siano lentamente formati nel tempo, le specie animali e vegetali si evolvano, le cose siano formate da atomi invisibili e la materia sia quasi completamente “piena di vuoto”: tutte queste idee inverosimili vennero avversate, a una a una, dagli stupidi di turno, a uno a uno, nell’eterna lotta dell’oscurantismo contro l’illuminismo (dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Che il velo sia una tradizione islamica è solo uno stupido luogo comune. Nella Prima lettera ai Corinzi San Paolo dice: Una donna che prega senza velo manca di riguardo al proprio capo. Nella Sura 24 del Corano Maometto dice: Dì alle credenti di abbassare lo sguardo, di essere caste e di coprirsi il seno con un velo. Quindi le donne occidentali, che non portano più il velo ma continuano a coprirsi il seno, seguono dunque paradossalmente i precetti islamici ma non quelli cristiani (dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Marx non era uno stupido, ma molti marxisti sì e molti non marxisti anche: non è vero che il comunismo voglia rendere tutti uguali. Infatti nella Critica al programma di Gotha dice: Da ciascuno secondo le proprie possibilità, a ciascuno secondo i propri bisogni. Esattamente come la massima evangelica degli Atti degli Apostoli (4,35) (dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Nei tribunali troneggia il motto spudoratamente falso “La legge è uguale per tutti”, che viene ripetuto ed esibito solo per cercare di convincere gli ingenui a crederci (dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Per molti tweetter vale la frase di Fellini nel film 8 ½: Non ho nulla da dire, ma voglio dirlo lo stesso (dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      E’ stupido pensare che con la sconfitta dei totalitarismi del novecento la libertà regni ormai sovrana nel mondo. Hitler nel Mein Kampf del 1925 ammirava gli Stati Uniti per la “soluzione finale” adottata per risolvere il problema indiano e il Vaticano per l’efficacia dei metodi inquisitori alla Bellarmino (dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Una risoluzione del Congresso degli Stati Uniti, datata 19 ottobre 1984, stabilisce: E’ da considerarsi atto di terrorismo qualsiasi attività che: a) implichi un’azione violenta o pericolosa per la vita umana; b) sia rivolta ad intimidire la popolazione civile con l’uso della forza o a influenzare in modo coercitivo la politica di un governo. Secondo questa definizione i più efferati atti di terrorismo della storia dell’umanità sono stati perpetrati dagli Stati Uniti stessi il 6 e il 9 agosto 1945 in Giappone, con le più potenti armi di distruzione di massa fino ad oggi usate (dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Leone XIII minacciò nel 1889 di andare in esilio se fosse stata eretta la statua a Giordano Bruno in Campo de’ Fiori a Roma. Pio XI in occasione del concordato del 1929 chiese che la statua fosse abbattuta. Un dittatore fascista dimostrò di essere meno stupido di due papi (dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      I logici nel novecento sono arrivati a capire due profonde verità a proposito del senso delle cose. La prima è che non tutte le domande sono sensate: in particolare non lo sono appunto quelle a proposito del senso. E la seconda è che non tutte le domande sensate ammettono  risposta: anzi, la maggior parte non l’ammette, benché gli stupidi non riescano a farsene una ragione (dal libro Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Il legame di ogni rapporto, sia nel matrimonio sia nell’amicizia, sta nella conversazione (dal libro Aforismi di Oscar Wilde)

 

–      Mi piace parlare di fronte a un muro di mattoni: è l’unico interlocutore al mondo che non mi contraddice mai (dal libro Aforismi di Oscar Wilde)

 

–      Esperienza è il nome che tutti danno ai propri errori (dal libro Aforismi di Oscar Wilde)

 

–      …volendo imbandirci non si sa che quintessenza delle idee che non avevano, riuscirono egregiamente a felicitarci di una noia intollerabile (prefazione al libro Chitra, di Rabindranath Tagore)

 

–      …dove il sole mattutino stampa la sua orma di fuoco fino all’estremo lembo di occidente (dal libro, Chitra di Rabindranath Tagore)

 

–      Ma voi disperdeste il mio voto come la luna disperde il voto di oscurità della notte (dal libro, Chitra di Rabindranath Tagore)

 

–      …chiudendo così la breve storia di un momento felice che non ha passato né futuro (dal libro, Chitra di Rabindranath Tagore)

 

–      Il silenzio della notte parlava nello strido dei grilli (dal libro, Chitra di Rabindranath Tagore)

 

–      …a quel modo stesso che al soffio del vento cadono i petali di un fiore (dal libro, Chitra di Rabindranath Tagore)

 

–      Scolta un mio consiglio. Quando col venir dell’autunno muore la stagione dei fiori, allora è che s’inizia il trionfo delle frutta. Verrà il tempo che l’ardente rigoglio del corpo sarà disfiorito, ed Argiuna accetterà lieto la verità feconda e duratura che in te si racchiude (dal libro, Chitra di Rabindranath Tagore)

 

–      Lascia il fiorellino selvaggio dov’esso spuntò; lascialo soavemente morire al cader del giorno fra i compagni languenti e le foglie appassite. Non portarlo nelle sale del palazzo per scagliarlo sulle pietre del pavimento, incapaci di pietà per le cose che sfioriscono e cadono in oblio (dal libro, Chitra di Rabindranath Tagore)

 

–      Non volere che la sazietà della tua sera esiga più che non possa ottenere il desiderio del tuo mattino (dal libro, Chitra di Rabindranath Tagore)

 

–      Guarda come il vento è cacciato dalla pioggia furibonda che gli scaglia dietro migliaia di strali. Eppure esso va sempre, libero ed invitto (dal libro, Chitra di Rabindranath Tagore)

 

–      Ella somiglia allo spirito di un malinconico mattino, seduto sul picco roccioso di un monte, ed avvolto da nuvole oscure che ne velano tutta la luce (dal libro, Chitra di Rabindranath Tagore)

 

–      Un vero viaggio non è cercare nuove terre, ma avere nuovi occhi (da scritta su Facebook)

 

–      Le parole sono al femminile, i fatti al maschile (dalla commedia Vacanze forzate)

 

–      …mentre nel cattolicesimo si tratta di credere in ciò che ti viene detto, nell’induismo si vive invece un’esperienza diretta (dal libro Il giro del mondo in 80 pensieri di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Senza uscir fuori dalla tua porta, puoi conoscere ogni cosa in terra. Senza guardar fuori dalla tua finestra, puoi conoscere le via del cielo (versetti del Tao Te Ching, dal libro Il giro del mondo in 80 pensieri di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Dalla condotta di ognuno di voi dipende il destino di tutti (dal discorso di Alessandro Magno ai Macedoni prima della battaglia di Isso del 333 a.c.)

 

–      L’esperienza è una maestra brutale, ma da essa s’impara (dal film, Viaggio in Inghilterra)

 

 

 

–      Il dolore di oggi fa parte della felicità di ieri (dal film, Viaggio in Inghilterra)

 

 

–      O monte, che regni tra il fumo

del nembo e tra il lume degli astri… (Giovanni Pascoli)

 

–      E poiché di opinioni forti c’è veramente bisogno, in questo mondo che i media hanno ormai ridotto a sgangherata rappresentazione virtuale ed espropriato del principio di realtà e del senso delle proporzioni, ben venga chi ha il coraggio di dire apertamente le sue opinioni: ad esempio che la democrazia è totalitarismo, perché si impone ai cittadini senza concedere alternative ad essa. La rappresentatività è un’illusione, perché le elezioni consacrano i candidati attraverso deleghe in bianco. Lo Stato è immorale, perché disposto a infrangere tutti i suoi principi nell’interesse della propria autoconservazione. Il terrorismo è una burla, in confronto alla minaccia nucleare con la quale abbiamo convissuto senza tante isterie nei decenni della Guerra Fredda. I kamikaze sono eroi nemici, costretti a combattere un avversario tecnicamente incommensurabile. E Guantanamo è espressione del peggio di cui sono capaci gli esseri umani, così come la creazione musicale è espressione del meglio (da libro, Il giro del mondo in 80 pensieri di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      Le circostanze fanno il caso (da una canzone sentita alla radio)

 

 

–      Se non si vede alla televisione o comunque in un video …allora non esiste (dal film, Come tu mi vuoi)

 

 

–      Ripiegando 63 volte su se stesso un foglio di carta, spesso circa un decimo di millimetro, si otterrebbe una pila alta circa 12.500 volte la distanza dalla Terra al Sole, che è di 150 milioni di chilometri (dal libro, Il museo dei numeri di Piergiorgio Odifreddi)

 

–      I numeri non servono solo ai mercanti per comprare e vendere, ma anche all’anima per arricchirsi (citazione in Il museo dei numeri dal libro, Repubblica di Platone)

 

–      Di certo gli atomi non decidono da soli se e come aggregarsi, mettendosi sagacemente ciascuno al suo posto,né sono liberi di scegliere come muoversi. Al contrario, vengono sospinti e indirizzati, fin dall’eternità, nei modi e con gli urti più vari, sperimentando ogni tipo di unione e di moto. E in tal modo pervengono a quelle disposizioni delle quali consiste l’insieme delle cosa (citazione in Il museo dei numeri dal libro, La natura delle cose di Lucrezio)

 

–      Ecco qua in azione le famose tattiche diversive e i vecchi trucchi degli Accademici: ogni volta che discutono, attaccano le teorie altrui per evitare di dover difendere le proprie! (citazione in Dalla Terra alle Lune, Il volto della Luna di Plutarco)

 

–      Non ha SENSO DIRE CHE LA Terra sta centro dello spazio, perché quest’ultimo è infinito: dunque, non ha né inizio, né centro, né fine. E non può nemmeno stare al centro del cosmo, perché altrimenti starebbe anche al centro dello spazio che lo contiene (citazione in Dalla Terra alle Lune, Il volto della Luna di Plutarco)

 

 

–      Bisognerebbe mettersi degli occhiali rosa per vedere tutto positivo (dal film, La scoperta)

 

–      La realtà e la fantasia si escludono a vicenda e non possono esistere nello stesso spazio (dal film, La scoperta)

 

–      Penso che il nostro istinto cerchi sempre un significato e, quando non c’è, tenda a crearne uno mentendo (dal film, La scoperta)

 

–      Il mondo non si è fermato mai un momento, la notte insegue sempre il giorno….. (dalla canzone, Il Mondo)

 

 

Effemeridi  2018 di Stefano

 

–          Quando il vento avrà spogliato gli alberi…..(da canzone sentita alla radio)

 

–          Non è brutto, ma i belli sono diversi (dal film, Un po’ tanto ciecamente)

 

–          Si lo so, quando parla sembra che gli abbiano asportato il cervello (dal film, Un po’ tanto ciecamente)

 

–          Questo non è un telefonino, ma un cervello di ricambio (dal film, Un po’ tanto ciecamente)

 

–          Sei uscito stasera? Sì e non sai quanti imbecilli ho incontrato in una sola ora(dal film, Un po’ tanto ciecamente)

 

–          Le mie congetture sulla Luna sono probabili, ma non ancora completamente dimostrate: ci credo fino a quando qualcuno non andrà a verificare di persona (dal libro Il Sogno di Keplero, citazione su Dalla Terra alle Lune di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Le persone sensate non credono a queste cose, ma chi ama rischiare le trova belle da credere. I miti sono incantesimi che facciamo a noi stessi e da tempo io li pratico raccontando il mio (frase di Socrate, citazione su Dalla Terra alle Lune di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          (parlando della Terra) Nostra nutrice e custode, artefice del giorno e della notte (Dal Timeo di Platone, citazione su Dalla Terra alle Lune di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          E la vacanza a Miami? Vacci da solo: in tua compagnia starai benissimo (dal film, Un’eredità per Natale)

 

–          Basta nascondersi talvolta dietro parole inutili (da una canzone sentita alla radio)

 

–          Un giorno non lontano una nuova era giungerà finalmente sulla Terra. La morte non esiste. La miseria, il dolore e le sue tante tragedie sono il frutto della paura e dell’ignoranza di ciò che è la vera realtà. Ma quanto tempo sarà ancora necessario? Il tempo dipende da noi, Sagredo. Il tempo è l’intervallo di tempo tra il concepimento di un’idea e la sua manifestazione. In questo secolo si sono sviluppate le arti e le scienze per porre i semi della nuova cultura che fiorirà inattesa, improvvisa proprio quando il potere si illuderà di aver vinto. Guarda dentro di te, Sagredo, ascolta la tua voce interiore e ricorda che l’unico vero maestro è l’Essere che sussurra al tuo interno. Ascoltala: è la verità che è dentro di te. (Discorso fatto da Giordano Bruno al giovane amico Sagredo, fatto in cella prima di subire il martirio)

 

 

–          La Luna è una variopinta discarica delle mercanzie più disparate: le lacrime e i sospiri degli amanti, le bellezze sfiorite delle donne, l’ozio e il tempo perduto al gioco, i progetti incompiuti, i vani desideri, le adulazioni e altro ( Ariosto, Canto XXXIV dell’Orlando Furioso, citazione su Dalla Terra alle Lune di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Sei come una fuga di gas: nessuno ti sente, nessuno ti vede, ma uccidi tutti (dal film, Joy)

 

–          Le cicale riempiono l’aria di suoni e mi fanno sentire meno sola (dal film, Joy)

 

–          Forse i tuoi sogni sono in lista di attesa (dal film, Joy)

 

–          Potevi sposare un medico, un avvocato e invece sposi …..non so nemmeno come definirlo (dal film, Joy)

 

–          Sono stato sposato diciotto insulsi anni del cazzo (dal film, Joy)

 

–          La cosa buffa del nascondersi è che ci si nasconde anche da se stessi (dal film, Joy)

 

–          Se ti guardi nel cuore, capirai che ho ragione (dal film, Joy)

 

–          Non è una vergogna fard un lavoro duro (dal film, Joy)

 

–          …..il vizio dell’amore….. (da canzone sentita alla radio)

 

–          Tu sei la donna con cui voglio vivere (da canzone sentita alla radio)

 

–          Conto su di te (da canzone di Celentano sentita alla radio)

 

–          Perché chiudi gli occhi? …..Per vedere meglio (frase di Lorenzo de’ Medici, riportata in Atlantide alla TV)

 

–          L’architettura è la musica congelata (frase di Lorenzo de’ Medici, riportata in Atlantide alla TV)

 

–          Bisogna dotarsi di una base culturale per affrontare un qualsiasi argomento (da trasmissione alla TV)

 

–          E’ tardi per capire (da una canzone sentita alla radio)

 

–          Le menti malate dei visionari, sensitivi, medium e ciarlatani che alimentano la spazzatura filosofica, religiosa e letteraria di tutti i tempi (dal libro, Dalla Terra alle Lune di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Dimmi che era un sogno e ci stiamo svegliando (da una canzone sentita alla radio

 

 

–          L’anima dirige e informa il corpo, ma è diretta e informata dalla mente e conserva a lungo l’impronta dell’uno e dell’altra. Perché la nostra essenza non sta negli organi del nostro corpo o nelle sensazioni della nostra anima, ma nei pensieri della nostra mente (dal libro, Il sogno di Johannes Keplero)

 

–          Gli antichi greci non scrivevano necrologi. Alla morte di un uomo si ponevano solo una domanda: era capace di passione? (dal film, Serendipity)

 

–          Purtroppo, anche oggi, in piena tecnologia, rimane diffuso l’atteggiamento di criticare la scienza con reali fraintendimenti pseudoscientifici, da un lato, e supposte pseudo confutazioni mitologiche, dall’altro (dal libro, Dalla Terra alle Lune di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          …..mettendomi in guardia dai molti pericolosi ignoranti che criticano ciò che non capiscono e pretendono di imporre agli altri i propri pregiudizi ((dal libro, Il sogno di Johannes Keplero)

 

–          Non so come fai! Basta guardare negli occhi il caos e mandarlo a fare in culo (dal film, La dura verità)

 

–          La mia famiglia mi portava in biblioteca e i miei genitori mi dicevano: è qui che veniamo a celebrare ciò che è più sacro, le idee (dal film, Beautiful Creatures)

 

–          I guai seguono questa famiglia come le mosche seguono il culo di una vacca (dal film, Beautiful Creatures)

 

–          …..perché….. (?!)

 

–          C’è un perché nascosto in tutte le cose che conduce ad un altro perché, il quale suggerisce un piccolissimo imprevisto perché, da cui probabilmente un altro e appena nato perché (dalla risposta del sistema vocale Siri del mio ipad)

 

–          …..sento il peso dell’ultimo sorriso…..(da canzone sentita alla radio)

 

–          …..il presente scivola già…..(da canzone sentita alla radio)

 

–          …..ti volti, ma non mi vedi…..(da canzone sentita alla radio)

 

–          …..tutti quei viaggi serviti solo a tornare…..(da canzone sentita alla radio)

 

–          La sincerità è tutto. Una volta che hai imparato a fingerla, sei a posto (dal film, Perfect stranger)

 

–          Ho visto nei tuoi occhi il cielo luccicare…..(da canzone sentita alla radio)

 

–          I poeti non guardano, i poeti vedono (da trasmissione a Radio Fiesole)

 

–          Perché mi fai sempre ridere? Perché i tuoi standard sono molto bassi (dal film, The Mist)

 

–          Amare è breve, dimenticare è lungo (frase di Pablo Neruda dal film, Scusa ma ti chiamo amore)

 

–          Il tempo mi scivola addosso (da canzone di Renato Zero)

 

–          Gli uomini hanno quel produci bambini (da film)

 

–          Lo guarda come avesse il pisello di platino (dal film, Un amore di testimone)

 

–          Quando ritorna le dico se stiamo insieme, ma niente matrimonio …..romantico! (dal film Un amore di testimone)

 

–          Se la vita ti volta le spalle, toccale il culo (da frase su Facebook)

 

–          O non pretendo di essere migliore di questi grand’uomini, ma ho il vantaggio di vivere dopo di loro (frase di Huygens, dal libro dalla Terra alle Lune di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Che cosa rispondere loro, se non che la penserebbero diversamente, se fossero un po’ meno ignoranti? Ovviamente a studiare sono pochi, perché ai più mancano il cervello, i mezzi o il tempo: non li biasimiamo, dunque, ma se insisteranno a criticarci a vanvera non ci preoccuperemo del loro giudizio disinformato (frase di Huygens, dal libro dalla Terra alle Lune di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Ci saranno poi quelli che salteranno su a dire che quei discorsi sono contrari alle Sacre Scritture. Perché la Bibbia non parla della creazione o dell’esistenza di altri esseri intelligenti, ma semmai lascia intendere il contrario: parla infatti soltanto dell’uomo e di come tutto sia stato posto al suo servizio. A questi bigotti rispondo che il Creatore non ha certo voluto che la Bibbia ci dicesse tutto ciò che dobbiamo sapere sulla creazione. E infatti (il primo capitolo del Genesi) parla degli astri, in generale, ma non nomina ad esempio Giove o Saturno, in particolare: perché mai dovremmo dunque escludere l’esistenza di altri esseri in altri mondi, solo perché la Bibbia si limita a parlare di quelli sulla Terra? (frase di Huygens, dal libro dalla Terra alle Lune di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Comunque, se i nostri antenati avessero seguito i consigli di questa gente, oggi non conosceremmo la forma della Terra o l’esistenza dell’America. Non sapremmo che la Luna brilla di luce riflessa o come avvengono le eclissi. Tutte queste cose ora sono chiare come il Sole, ma prima di essere svelate erano perfettamente oscure. E poiché è proprio per studiare la Natura che l’uomo ha ricevuto la volontà e l’intelligenza, non c’è nessun motivo di porre un limite alle sue ricerche(frase di Huygens, dal libro dalla Terra alle Lune di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Un attimo che diventa eterno …..come la gloria (da sito sulla scherma)

 

–          Quando vai via non rimane più niente (da canzone sentita alla radio)

 

–          Quando mi parli con i tuoi silenzi (da canzone sentita alla radio)

 

–          Io cercavo una ragazza con un fiore tra i capelli, tu sorridi a brutti e belli e un giardino in testa hai (dalla canzone Una , di Mogol – Battisti)

 

–          Per quanto gli uomini, ammucchiati in uno stretto spazio a centinaia di migliaia, cercassero di isterilire quella terra sulla quale si stringevano; per quanto coprissero quella terra di pietre affinché nulla più ci crescesse; per quanto estirpassero ogni stelo di erba che vi germogliava; per quanto appestassero l’aria col carbon fossile e il petrolio; per quanto tagliassero le piante e cacciassero tutti gli animali e tutti gli uccelli; – pur tuttavia la primavera era la primavera, anche in città (dal libro Risurrezione di Lev Tolstoj)

 

–          Ti imploro di implorarmi (dal film, Il mio ragazzo è un bastardo)

 

–          Ritenere che la Terra sia l’unico mondo abitato in uno spazio infinito è tanto assurdo quanto ritenere che in un intero campo seminato a miglio germogli un unico chicco (Metrodoro di Chio – 500 a.c., citazione dal libro dalla Terra alle Lune di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Un modo per apprezzare enormi distanze consiste nel valutare il tempo necessario a percorrerlo velocemente. Per stimare l’altezza del cielo e la profondità del Tartaro si immagina che un incudine di ferro sia lasciata cadere (Esiodo nella sua Teogonia – 720 a.c., citazione dal libro dalla Terra alle Lune di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          I suoi argomenti non mi convincono, ma non sono nemmeno sicuro che si sbagliasse (Huygens, citazione dal libro dalla Terra alle Lune di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Cartesio ha costruito un tale castello in aria sull’origine delle comete, dei pianeti e del mondo intero, che mi sono spesso domandato perché si sia dato tanta pena per scrivere simili fantasie. La mia opinione è invece che dovremmo accontentarci di riuscire a capire come stanno le cose, anche se per ora ne siamo ancora ben lontani; è inutile inventarsi risposte a casaccio ((Huygens, citazione dal libro dalla Terra alle Lune di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Se le fa tutte …basta che respirino (dal film Turbolenze d’amore)

 

–          E tu continui a scopare tutto ciò che si muove ((dal film Turbolenze d’amore)

 

–          Non ho mai passato un’ora con un idiota …lei ha un’ora? (dal film Turbolenze d’amore)

 

–          Tu come le conosci le donne? …ti ho osservato per 15 anni (dal film Turbolenze d’amore)

 

–          All’osservazione e alla conoscenza della Natura è affidato il compito di dissipare le tenebre e le paure dell’uomo (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Se vogliamo fondare su sensate esperienze e necessarie dimostrazioni le cose supreme, il moto del Sole e della Luna e gli avvenimenti della Terra, a maggior ragione dovremo indagare anche la vera essenza dell’anima e la vera natura dell’uomo. E capire cos’è che ci terrorizza, venendoci incontro, quando vegliamo ammalati o sogniamo addormentati, tanto da credere di vedere e udire gli spiriti dei morti, ormai sotterrati e in scheletriti. Non sono i raggi del Sole o la luce del giorno a dover dissipare il terrore e le tenebre dell’animo, ma la visione e la ragione scientifiche. (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Quando le cose create si dissolvono, la Natura le riduce agli elementi di cui sono costituite, ma non le distrugge. Se il tempo causasse l’invecchiamento e la dissoluzione delle cose consumando la materia di cui esse sono costituite, da dove trarrebbe la Natura nuova materia per generare quelle nuove? Dunque nulla si distrugge, ma tutto si trasforma. Le piogge mandate dal cielo svaniscono nel grembo della terra, ma da questa spuntano le messi. Gli alberi mettono le foglie e danno frutti, di cui poi si nutrono animali e uomini. Le pecore prima pascolano nell’erba, poi si adagiano sazie per offrire le loro mammelle grondanti latte agli agnellini. Le cose non periscono affatto come sembrerebbe a prima vista. Invece la Natura ricava una cosa dall’altra e non permette che qualcosa si generi, se non grazie a qualcun’altra che dà la sua vita per essa (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Se non ci fosse il vuoto le cose non potrebbero muoversi perché i corpi oppongono ostacolo e resistenza; e invece osserviamo che molte cose si muovono in cielo, in Terra e nell’acqua. Le cose stesse , benché ci appaiano compatte e piene, sono porose e contengono il vuoto. La voce di di parla in una stanza chiusa si sente attraverso i muri e il freddo invernale penetra fino alle ossa. Perché tutto ciò possa accadere devono esserci dovunque spazi vuoti in cui penetrare. E poi, perché alcuni corpi pesano più di altri, benché abbiano lo stesso volume? Se un gomitolo di lana contenesse tanta materia quanto una palla di piombo, l’uno e l’Altra peserebbero ugualmente. E due cose con lo stesso volume pesano diversamente, è perché una contiene più vuoto , che non pesa, e l’tra più materia, che pesa (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Se ancora non ti avessi convinto, potrei darti molte altre ragioni. Ma poiché so che tu sei sveglio, e io non voglio essere pedante, lascerò che ci pensi da solo. Come a un segugio basta qualche labile traccia per fiutare una preda in fuga tra i monti, nascosta fra i cespugli, così anche tu potrai seguire gli indizi che ti dato, per procedere nel buio e arrivare all’illuminazione (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Tutta la Natura consiste di due aspetti: la materia , di cui sono costituiti i corpi, e lo spazio vuoto, in cui essi sono contenuti e si muovono. Altro non c’è. Qualunque cosa, infatti, grande o piccola che sia, o è percepibile dai sensi, e allora è un corpo materiale, oppure è impercettibile, e allora è una porzione di spazio vuoto. E qualunque cosa, grande o piccola che sia, o è interagente coi corpi, e allora è uno di essi, oppure è inerte, e allora è puro spazio immateriale. Oltre alla materia e allo spazio, dunque, niente può essere percepito dai sensi o concepito dalla ragione (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Le proprietà essenziali delle cose sono quelle che non possono essere impunemente disgiunte da esse: non si può staccare il peso dal masso, il calore dal fuoco, la fluidità dall’acqua, la tangibilità dalla materia e l’intangibilità dal vuoto. Le proprietà accidentali invece sono quelle che, con la loro presenza o la loro assenza, non intaccano la natura delle cose: libertà o schiavitù, povertà o ricchezza, guerra e pace, possono esserci o non esserci, ma con o senza di loto l’essenza delle cose rimane qual è (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Il tempo non esiste di per sé: sono i corpi e la loro posizione nello spazio a dar senso a quanto è successo in passato, succede nel presente e  succederà nel futuro. Non si può percepire il tempo di per sé, indipendentemente dalla quiete o dal moto dei corpi (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Eraclito si guadagnò una chiara fama per il pensiero oscuro e fu popolare più fra i Greci dalla testa vuota che tra quelli che la riempiono di verità. Perché gli stupidi ammirano e amano tutto ciò che si nasconde dietro parole enigmatiche, e prendono per vero tutto ciò che accarezza le orecchie e suona bene (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Nrlle frasi che stai leggendo puoi notare molte lettere che ricompaiono in  molte parole e ciò nonostante le varie frasi e le varie parole significano cose diverse e risuonano in maniera diversa. Quanto potere deriva alle lettere, solamente grazie alle loro combinazioni. Pensa dunque quanto potere deriverà agli atomi, che sono molti di più delle lettere, quando si combinano a formare le cose più varie (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          I pensieri sono immagini di cose e le parole sono simboli di pensiero( citazione di Aristotele – L’interpretazione- dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Io compongo canti lucidi su cose opache, con un tocco artistico. E questo non è insensato. D’altronde anche i medici quando prescrivono l’amaro assenzio ai bambini, toccano col dolce miele l’orlo della tazza, per approfittarsi a fin di bene della loro ingenuità e far loro trangugiare la sgradevole medicina che li curerà. Io faccio lo stesso con te, perché certi argomenti sembrano amari a chi è intellettualmente infantile e ingenuo e vanno addolciti col miele della letteratura. Come un medico dell’animo io ti propino dunque le mie parole alate, per conquistare la tua attenzione a proposito della natura delle cose (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          L’avido mare (dal libro, De rerum natura di Tito Lucrezio Caro)

 

–          Questa guida ti mostrerà, con poco sforzo, come capire. Le cose si chiariranno una con l’altra. La cieca notte non ti impedirà il cammino, impedendoti di vedere i confini della Natura. Le cose illumineranno le cose e tutto si illuminerà a vicenda (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          O misera mente umana, o animo cieco. In quali tenebrose esistenze, fra quanti gravi opericoli trascorri la tua breve vita. Non vedi che la Natura ti implora solo di risparmiare al corpo il dolore fisico e di sgombrare gioiosamente l’animo da affanni e timori mentali? Al corpo e all’animo basta veramente poco: qualche analgesico che lenisca un po’ il dolore dell’uno e dia un po’ di sollievo all’altro (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          La vita è un travaglio avvolto da tenebre interiori. Mentre i bambini hanno paura delbuio fisico, noi l’abbiamo anche alla luce del sole e temiamo cose che non sono affatto più temibili di quelle temute dai bambini. A dissipare le paure e le tenebre dell’animo non  possono dunque essere l’arrivo del giorno e i raggi solari, ma solo la natura delle cose e la ragione (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Supponi per assurdo che lo spazio sia finito. Se arrivassi al confine e scoccassi una freccia, essa lo trapasserebbe o ne verrebbe respinta? Queste sono le uniche due possibilità, ma entrambe non ti lasciano scampo e ti costringono a pensare che lo spazio sia infinito. Per ché sia che la freccia voli al di là, sia che qualcosa dal di là la rimbalzi, in entrambi i casi quello non è il confine. E in qualunque altro posto tu volessi stabilirlo, io ti chiederei sempre cosa succede alla freccia (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Come vedi, stiamo procedendo passo passo, analizzando gli argomenti uno a uno, per capire come ogni cosa si compia secondo ragione. Ma alcuni ignoranti si oppongono a questo modo di procedere e credono che senza un provvidenziale intervento divino la Natura non potrebbe adeguarsi così bene agli interessi umani. Ma coloro che si inventano che sono stati gli dei a stabilire ogni cosa, sono ben lontani dal vero. Quanto a me, anche se ignorassi i principi delle cose potrei comunque affermare, già solo guardandomi intorno, che il mondo ha così tanti difetti, che non può certo essere stato pianificato dagli dei per gli uomini (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Spesso dinanzi agli splendidi simulacri degli Iddii cade immolato a piè delle are ardenti incenso il vitello perdendo dal petto un fumante fiume di sangue. Ma l’orbata madre aggirandosi per le verdi campagne lascia sul suolo le orme del bipartito piede, tutti quanti ricercando con gli occhi i luoghi, se mai possa vedere il figlio perduto e soffermandosi empie i boschi frondiferi di lamento; e frequentemente rivisita la stalla, trafitta dal desiderio del caro giovenco. Né i teneri salci, né le erbe belle di rugiada, né i fonti cascanti dagli alti clivi possono dilettarle il cuore e distorre la subita doglia. Né possono le bellezze degli  altri vitelli lieti nei grassi paschi, distrarla altrove, ed alleviarle l’affanno. Tanto ella cerca un certo che di proprio e noto solo al suo cuore (traduzione di Ugo Foscolo di un passo di Tito Lucrezio Caro, citazione dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          E ora, o lettore, ti svelerò una vera dottrina. Le tue orecchie  stanno per udire qualcosa di inaudito e un nuovo aspetto della natura delle cose ti si manifesterà. Ma tu fa’ molta attenzione, perché anche le banalità più facili e ovvie, agli inizi risultano difficili e sorprendenti. O forse sono le cose difficili e sorprendenti che col passar del tempo diventano delle banalità? Prova a pensare come apparirebbe il cielo dal colore chiaro e limpido, con tutto ciò che esso contiene, a qualcuno che lo vedesse improvvisamente per la prima volta. Non c’è nessuno spettacolo più mirabile, eppure nessuno si degna più di alzare gli occhi al cielo per osservarlo, tanto ci siamo assuefatti ad esso. Tu dunque non respingere una dottrina soltanto perché ti spaventa la sua novità. Piuttosto, giudicala con tutto il tuo acume. Se ti dovesse apparire vera, arrenditi all’evidenza. E se invece ti sembrasse falsa , preparati a confutarla (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Quando ci sono infinita materia, infinito spazio e infinito tempo a disposizione, e niente che si opponga, è obbligatorio che prima o poi si formino dagli atomi cose inanimate ed esseri animati. Quindi ci devono essere infiniti mondi, ciascuno con le proprie estensioni spaziali, le proprie durate temporali e le proprie specie di esseri. E ciascuno di questi mondi è stato creato nella stessa maniera casuale in cui è stato creato il nostro; la Natura non è sottomessa a padroni superbi: fa tutto da sé (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Tutto, piano piano, si corrompe; ogni cosa muore disfatta dall’eterno sgocciolio del tempo e viene seppellita dalla terra (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          A dispensare ogni cosa è la Natura e niente può mai turbare la pace dell’animo. E non c’è da aver terrore di finire sottoterra, più di quanto si debba  aver paura di viverci sopra. La morte non è nulla per noi, perché fin quando ci siamo noi non c’è la morte e, quando c’è la morte, non ci siamo più noi (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Un portico a colonnati perfettamente paralleli, se guardato nella direzione della lunghezza, dà l’impressione che le sue pareti, il suo pavimento e il suo tetto siano come la facce di una piramide. . Cioè che convergano verso un vertice lontano quanto un punto all’infinito , nel quale s’incontrano le colonne di destra e di sinistra, e i basamenti con i capitelli (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          La felicità non sta nel non cadere mai, ma nel rialzarsi dopo ogni caduta (Confucio)

 

–          Lei è stronzo di suo o ha fatto un master (dal film, Poli opposti)

 

–          Sei un centrifugato di nulla (dal film, Poli opposti)

 

–          Si raccontano storie di tutti i colori, condite di prodigi e meraviglie, pur di non ammettere che ci sono luoghi deserti e dimenticati dagli dei. Si raccontano in buona o cattiva fede, per ignoranza o interesse, miracoli di ogni tipo. Anche perché il degenere genere umano è avido di orecchie che ascoltino, da un lato, e di bocche che ingannino, dall’altro (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Il movimento, infatti, è solo un’illusione causata dal rapido scorrere di immagini statiche, prodotte in sequenza una dopo l’altra, ciascuna in posa leggermente diversa dalla precedente (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Evita attentamente di compiere l’errore di pensare che gli occhi siano stati creati perché noi possiamo vedere, i piedi e le gambe per camminare, le mani e le braccia per afferrare. Chi dice così sragiona e scambia gli effetti per le cause, perché non sono le funzioni ad aver creato gli organi, ma gli organi le funzioni. Per questo, ripeto, non devi sbagliare a credere che essi siano stati creati per un uso specifico (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          E tu ascoltami con orecchie dritte e mente attenta, per non venire poi a negare ottusamente le mie verità senza averle sentite, o a confutare testardamente le mie ragioni senza averle capite (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi

 

–          La fertilità dei genitori non dipende dal capriccio degli dei, come crede il marito che si reca nei templi a fare offerte sugli altari, per ottenere la grazia di ingravidare la moglie e di poter essere chiamato padre da un tenero figlio. E’ inutile pregare o consultare gli astri per ottenere queste cose .Tutto dipende dalla qualità del seme dei genitori (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Se non purifichiamo la nostra mente , quante battaglie dovremo combattere e quanti pericoli dovremo correre , anche controvoglia? E quanti desideri irrealizzati, quanti affanni irrisolti, lacerano il cuore dll’uomo turbato? Per non parlare dei danni provocati dalla superbia, l’avarizia e l’arroganza, così come dal lusso e dalla pigrizia. Epicuro li ha scacciati dal nostro animo non con la forza delle armi, ma con la persuasione delle parole: egli ci ha svelato la natura delle cose (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Il mondo ha così tanti difetti che non può essere certo stato pianificato dagli dei per gli uomini (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          O Dio vuole impedire il male e non può; o può e non vuole; o non può e non vuole; o vuole o può. Se vuole e non può, è impotente; se può e non vuole, è perverso; se non può e non vuole, è sia impotente che perverso; se vuole e può, perché mai non lo fa? (Anatole France, citazione dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Circa il moto delle stelle, la prima possibilità è che sia l’intera sfera celeste a ruotare; la seconda è che le stelle si muovano autonomamente. E’ difficile dire quale delle due possibilità sia quella vera. Ma io ti espongo non soltanto come le cose sono, quando so come sono, ma anche come possono essere, quando non lo so. Naturalmente la causa è una sola, ma in mancanza di prove a favore non possiamo fingere che le nostre ipotesi siano delle tesi (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Si decise di non fare male agli altri, perché non fosse fatto male a sé (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Suddivisero campi e bestiami, assegnandoli a ciascuno secondo le proprie necessità, e imponendo a ciascuno di coltivare e allevare secondo le proprie possibilità (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Dopo le pelli , a monopolizzare gli interessi degli uomini e delle donne sono ora i gioielli e i vestiti: essi costituiscono i maggiori interessi e le massime preoccupazioni della nostra vita, benché non soddisfino alcun bisogno naturale. Mentre senza coprirsi di pelli i nostri antenati avrebbero infatti sofferto il freddo, non c’è nessun motivo per noi di coprirci d’oro e di porpora, quando un vestito ordinario sarebbe più che sufficiente. Il genere umano si affanna dunque senza motivo e senza scopo, e spreca la sua vita nella vana ricerca del possesso illimitato e del piacere sfrenato. Questo ci ha fatto andare alla deriva sul mare della vita, e ha rimestato dal fondo la melma della guerra (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Poco a poco il tempo concepisce idee nuove e la ragione le partorisce. Così gli uomini vedevano chiarirsi nella mante le cose, una dopo l’altra, fino a raggiungere le massime vette delle scienze e delle arti (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Epicuro comprese che il male stava nel contenitore e non nel contenuto: era il vaso a procurare dei problemi e non ciò che gli veniva messo dentro (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Chi ignora cosa esiste e cosa no, chi non sa perché e come le cose accadono, chi non conosce le proprietà e i fondamenti delle cose, vive infelicemente in balia dell’errore e viene travolto dalla propria ignoranza (citazione di Tito Lucrezio Caro, dal libro Come stanno le cose di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Faccio la fotografa ai matrimoni: il mio mestiere è immortalare tristezze e rimpianti (dal film, Se ci incontrassimo oggi)

 

–          Hai qualcosa sulle labbra …te lo tolgo con le mie? (dal film, Se ci incontrassimo oggi)

 

–          Il tuo nickname è @ va fan culo?! (dal film, Se ci incontrassimo oggi)

–          Non sei altro che un gigantesco stronzo a forma di essere umano (dal film, Se ci incontrassimo oggi)

 

–           Avevi ragione: le relazioni si basano su alchimie che sono veramente inspiegabili e sono fatte di momenti e di attimi cruciali con le persone con cui si condividono (dal film, Se ci incontrassimo oggi)

 

–          Sei un’opera d’arte che cammina (dal film, 40 carati)

 

–          E’ così buono che è come se un arcobaleno ti scoppiasse in bocca (dal film,Ricomincio da nudo)

 

–          Come pioggia tu piangerai (dalla canzone, Arriverà)

 

–          I tuoi corti capelli come sono cambiati, non mi dire chi li ha accarezzati (dalla canzone, Più ci penso di Gianni Bella)

 

–          Più ci penso e più mi viene voglia di lei, anche se nella mia mente diversa tu sei (dalla canzone, Più ci penso di Gianni Bella)

 

–          Stasera dovrei uscire con un’altra te (dalla canzone, No di Gianni Bella)

 

–          Con il sale in bocca di dico no (dalla canzone, No di Gianni Bella)

 

–          Ma cosa hai il cervello in restauro?! (dal film, 100 ragazze)

 

–          Quella ragazza ha una bellezza porca (dal film, 100 ragazze)

 

–          Tu per me sei tutto quanto, tutto quanto voglio avere (dalla canzone, Senza Fine)

 

–          Nel più bel sogno ci sei solo tu (dalla canzone, Canzone)

 

–          Ce ne sono troppi di dei perché siano veri (dal film, Ercole contro Sansone)

 

–          L’illusione di competere col tempo ( dalla canzone, L’amore non esiste)

 

–          Spente le stelle (titolo dell’omonima canzone)

 

–          Non Oso baciare una signora così bella: ho un solo cuore da perdere (dal film, Il primo cavaliere)

 

–          Un abbraccio per potersi proteggere dal vento (dalla canzone, L’amore non esiste)

 

–          Apri gli occhi, intanto non puoi sognare (Dalla canzone, No)

 

–          Acquista l’aspirapolvere marca ….ha la tecnologia superturbolenza (da pubblicità sentita alla radio)

 

–          Gli dei non vogliono lusso, ma sincerità di intenti (dal film, Oedipus Rex)

 

–          Il povero…lavora – il ricco…sfrutta il primo – il soldato…li difende tutti e due – il contribuente…paga per tutti e tre – il vagabondo…si riposa per tutti e quattro – l’ubriaco…beve per tutti e cinque – il banchiere…li imbroglia tutti e sei – l’avvocato…li inganna tutti e sette – il medico…li accoppa tutti e otto – il becchino…li sotterra tutti e nove – il politico…campa alle spalle di tutti e dieci (Elogio alla follia di Cicerone)

 

–           Come sempre bellezza e ricchezza si cercano (dal libro, Fiorentinacci di Pier Francesco Listri)

 

–          Guardate e riguardate ancora. Ciò che avete in vista è unico al mondo. Il Dio che fece le colline di Firenze era un artista (dal libro, Fiorentinacci di Pier Francesco Listri)

 

–          La reciprocità è un comportamento evoluzionisticamente vincente anche in Natura e questo giustifica la sua ubiquità nelle massime morali, nei precetti etici e nelle disposizioni giuridiche (dal libro, La democrazia non esiste di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Noi riteniamo che sono per se stesse evidenze le seguenti verità. Che tutti gli uomini sono creati uguali. Che essi sono stati dotati dal Creatore di certi inalienabili diritti. Che tra questi diritti ci sono la vita, la libertà e il perseguimento della felicità. Che i governi vengono istituiti dagli uomini per garantire questi diritti e derivano i loro giusti poteri dal consenso dei governati. Che ogni qualvolta una qualsiasi forma di governo tende a negare questi fini, il popolo ha diritto di mutarla o di abolirla, di istituire un nuovo governo fondato su tali principi e di organizzare i poteri nella forma che al popolo sembri meglio atta a procurare la propria sicurezza e la propria felicità (citazione della Dichiarazione d’indipendenza degli Stati Uniti del 1776 dal libro, La democrazia non esiste di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Quando nessuno comanda c’è anarchia, “senza governo”. Il termine oggi viene solitamente usato in senso denigratorio, come sinonimo di disordine e caos, ma non era questa la visione dei teorici dell’anarchismo nell’ottocento, da Pierre-Joseph Proudhon a Michail Bakunin. Al contrario, essi ne facevano semplicemente una questione di libertà universale e incondizionata, senza le costrizioni che lo Stato impone ai molti per preservare i privilegi dei pochi che comandano (dal libro, La democrazia non esiste di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Benché la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo dichiarasse appunto di essere universale, sarebbe ingenuo pensare che lo fosse allora o che lo sia diventata ora. Anzitutto, nel 1948 le Nazioni Unite consistevano soltanto di 58 stati e rappresentavano soltanto una parte del mondo. Paradossalmente, fra i 48 paesi che votarono a a favore della Dichiarazione ce n’erano alcuni contro i quali essa sembrava espressamente rivolta. La Cina nazionalista di Chiang Kai-chek, ad esempio, che era una dittatura militare. O l’Inghilterra e la Francia, che mantenevano sotto il gioco coloniale quasi tutti i paesi dell’Africa. O gli Stati uniti, che perpetuavano la discriminazione e la segregazione razziale a casa loro. Si astenne invece in Sud Africa, che si trovava n una simile condizione di apartheid. Si astennero anche 6 paesi comunisti per motivi ideologici. Infatti la Dichiarazione si ispirava ai valori borghesi, per i quali si fecero la Rivoluzione Americana e la Rivoluzione francese, ma non teneva conto di quelli proletari, per i quali si era fatta la Rivoluzione russa e si stava facendo la Rivoluzione cinese (dal libro, La democrazia non esiste di Piergiorgio Odifreddi)

 

–           Il Dharma (il dovere) è buono, ma che cosa costituisce il Dharma? (Esso comprende) poco male, molto bene, gentilezza, generosità, sincerità e purezza.  E le nobili azioni del Dharma e la pratica del Dharma consistono nel far crescere la gentilezza, la generosità, la sincerità, la purezza, la dolcezza e la bontà tra le persone. Tutte le religioni dovrebbero risiedere ovunque, perché tutte desiderano l’autocontrollo e la purezza di cuore. Tutte le confessioni religiose vanno rispettate per una ragione o per l’altra. Chi disprezza l’altrui credo, abbassa il proprio credendo d’esaltarlo. I galli non devono essere trasformati in capponi, le stoppie che nascondono esseri viventi non devono essere bruciate e neanche le foreste devono essere bruciate senza ragione o per uccidere delle creature. Un animale non deve essere nutrito con un altro (Editti di Asoka, citazione dal libro La democrazia non esiste di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Io non posso stare fermo con le mani, tante cose devo fare prima che venga domani (dalla canzone Margherita di Riccardo Cocciante)

 

–          E’ povero non chi non ha nulla, ma chi non ha un lavoro (sentito alla radio, Charles-Louis de Secondat, barone di Montesquieu)

 

–          E’ solo un trucco linguistico parlare di “maggioranza semplice” quando si intende non la metà, ma un quarto degli aventi diritto al voto. Il numero legale in parlamento è infatti la metà dei componenti e la maggioranza della metà è appunto un quarto: certo non una percentuale democraticamente adeguata per la fiducia al governo o l’approvazione delle leggi (dal libro, La democrazia non esiste di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Il popolo crede di essere libero, ma sbaglia di grosso: lo è soltanto durante l’elezione dei parlamentari. Appena questi sono eletti, lui diventa schiavo e non vale più niente. Ma nei brevi momenti della sua libertà, l’uso che ne fa giustifica il fatto che la perda (citazione dal Contratto sociale di Jean-Jacques Rousseau del 1762 dal libro La democrazia non esiste di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Tutte e organizzazioni funzionano male perché tendono ad autoalimentarsi e irrigidirsi, a perdere gradualmente di vista i loro obiettivi primari, a non fare ciò che dovrebbero e ad assegnare un valore sproporzionato alle stupidaggini, finendo per diventare autoreferenziali e fini a se stesse (dal libro, La democrazia non esiste di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Meglio meno, ma meglio (motto di Lenin, dal libro, La democrazia non esiste di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Benché il fantasma della democrazia venga evocato in continuazione, la sua natura appare sfuggente come quella dell’Araba Fenice o della fedeltà degli amanti (dal libro, La democrazia non esiste di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Non c’è democrazia, cioè “governo del popolo”, quando il volere di quest’ultimo viene successivamente filtrato, annacquato e incanalato dai partiti, dal parlamento, dal governo e dal presidente della Repubblica. In particolare: non c’è democrazia nel mestatorio linguaggio usato dai politici – non c’è democrazia nella cooptazione dei candidati da parte dei segretari dei partiti – non c’è democrazia nell’avallo obbligato da parte degli elettori di candidati incompetenti e disonesti – non c’è democrazia nella rimozione degli astenuti e nelle schede bianche dal gioco politico – non c’è democrazia nella dittatura di una minoranza eletta con leggi truffa maggioritarie – non c’è democrazia quando è l’esecutivo a legiferare e il legislativo ad eseguire, soprattutto sotto il ricatto del voto di fiducia – non c’è democrazia quando i due poteri dello Stato sono sottomessi al quinto, cioè all’industria e alla finanza. In una parola non c’è democrazia quando in pratica ci sono invece demagogia, populismo, oligarchia, partitocrazia, plutocrazia e cleptocrazia (dal libro, La democrazia non esiste di Piergiorgio Odifreddi)

 

–          Dopo aver condotto per settantadue anni un’esistenza piena di vicissitudini, egli aveva imparato finalmente e troppo tardi ormai, ad apprezzare i dolci, ineffabili conforti del vivere tranquillo e ritirato. Troppo tardi, ma sempre in tempo tuttavia per terminare in pace i suoi giorni (dal libro, Le avventure di Robinson Crusoè di D.De Foe)

 

–          Son molto contento di averti incontrato …E’ quello che di solito dicono gli stalker (dal film, L’amore ingarbugliato)

 

–          Tua sorella sembra un parallelepipedo che cammina (e male)! Risposta: eppure da piccola era carina (sentita di viva voce)

 

–          E’ un gran ladro: ruberebbe la coda a un’anguilla (dal film, Lo schiavo di Cartagine)

 

–          La principessa è bellissima: averla è come vivere mille sogni (dal film, Lo schiavo di Cartagine)

 

–          Che donne: gli occhi non si sa dove posarli (dal film, Il ribelle d’Irlanda)

 

–          Viviamo in un mondo di marionette: la maggior parte della gente giudica una persona dall’abito (dal film, Il ribelle d’Irlanda)

 

–          Non vi fa paura la morte, signore? Mi fa così tanta paura che farei qualunque cosa per restare vivo (dal film, La maschera di porpora)

 

–          L’amore non è la paura della tua gelosia (da canzone sentita alla radio)

 

–          E così dicendo, accostata la tazza alla bocca, con molta speditezza e serenità, trangugiò fino in fondo. E i più di noi che fino a quel punto eravamo stati capaci, in qualche modo, a trattenerci dal piangere, come lo vedemmo bere e dopo aver bevuto, non lo fummo più: ed anche a me le lacrime, a violenza di me stesso, cadevano a fiotti, tanto che ricopertomi il volto piangevo me stesso, non lui, ma la mia sorte poiché venivo privato di un tale amico (dal libro, Fedone di Platone)

 

–          Quando mi scaldava il sole della tua dolcezza (da canzone sentita alla radio)

 

–          Non puoi chiedermi di rinunciare al pranzo del giorno del Ringraziamento …è l’unico giorno in cui mia madre cucina (dal film, Natale con Holly)

 

–          Longanesi diceva di Montanelli: “Riesce a spiegare ai lettori quello che anche lui non capisce” (sentito alla TV)

 

–          Quella è come un rottweiler con il lucidalabbra (dal film, Ice)

 

–          Tante cose devo fare, prima che venga domani (dalla canzone Margherita di Riccardo Cocciante)

 

–          Giro il lazo, tiro il calcio del mulo, mi fo lo sciampo e ti mando a fan culo (dal film, Il professore Cenerentolo)

 

–          Il concento è povero e i frati sono ricchi (sentito alla TV)

 

–          Siete su canale 54, tanta musica e molte meno chiacchiere (dal film, SOS love)

 

–          Lui a lei: ehi! Hai un sacco di roba lì davanti (dal film, SOS love)

 

–          Non esiste una donna che non vuole concedersi, ma solo un uomo che non c’è ancora riuscito (dal film, SOS love)

 

–          L’amore è come la Luna: se non cresce, cala (dal film, Il ciclone)

 

–          Quando ad una donna parli di sesso, lei abbassa gli occhi per vedere se è vero (dal film, Il ciclone)

 

–          Se votare servisse a qualcosa, non ce lo farebbero fare (sentito alla TV, frase di Mark Twain)

 

–          Io ti amo, non sai quanto (dal film, After Love)

 

–          E se poi la questione non sta in questi termini sono pronto ad imparare e ad ascoltare non solo da Cratilo, ma anche da qualunque altro (dal Cratilo di Platone)

 

–          O buon Cratilo, mi sorprendo anch’io, da tempo, della mia sapienza e ne ho diffidenza. Mi pare dunque che io torni ad esaminare di nuovo quel che vado dicendo. Infatti il lasciarsi trarre in inganno da solo a solo è la cosa peggiore fra tutte. Poiché quando colui che sta per ingannarti non se ne sta lontano neanche un pochino, ma ti sta sempre al fianco, come potrebbe non essere una sciagura.?Occorre perciò , come pare, tornare ancora sulle cose già dette in precedenza e tentare, secondo il detto del famoso poeta, di vedere “avanti e indietro contemporaneamente” (dal Cratilo, di Platone)

 

–          Bisogna dunque fare ricerca con coraggio e bene e non accettare facilmente (dal Cratilo, di Platone)

 

–          Abbiamo separato in due parti tutta la numerazione: ogni numero che può essere moltiplicato per se stesso altrettante volte, assomigliandolo quanto a figura a un quadrato, noi lo chiamammo quadrato ed equilatero (dal Teeteto, di Platone)

 

–          Da buon saggio non penserai di sapere quello che non sai (dal Teeteto, di Platone)

 

–          Il giovedì è molto comodo: evita che il mercoledì e il venerdì collidano tra di loro (dal film, Dean Spanley)

 

–          Abbiamo vinto la guerra contro i Boeri? Credo si sia persa più lentamente degli avversari (dal film, Dean Spanley)

 

–          La presenza di quel prete a una discussione sulla reincarnazione è un’encomiabile apertura mentale (dal film, Dean Spanley)

 

–          Soltanto la mente ottusa ha certezze ((dal film, Dean Spanley)

 

–          E’ un vero abitudinario: sa quello che vuole senza nemmeno pensarci ((dal film, Dean Spanley)

 

–          Non la chiamerei una vera bugia, ma una prematura verità (dal film, Dean Spanley)

 

–          Non c’è motivo di rimpiangere cose che si son prese la briga di accadere con tale inevitabilità ((dal film, Dean Spanley)

 

–          Se la tua parola non è più bella de silenzio, allora taci (sentito alla TV)

 

–          Può essere la ragazza più bella del mondo, ma è come un palazzo pieno di luci dove dentro non c’è nessuno (dal film, L’ammiratore segreto)

 

–          L’uomo va al di là di ciò che può afferrare (dal Film Prestige)

 

–          Qualche volta mi sono pentito di avere parlato, di stare zitto mai (sentito alla TV, frase di S.Agostino)

 

–          Ti mettevi un sorriso quando venivi da me (da canzone sentita alla radio)

 

–          Ha l’aspettativa di vita di un gatto sull’autostrada (sentito alla TV, frase del giornalista Mentana)

 

–          La conservazione della Società sembra opera piuttosto del caso che d’altra cagione e riesce veramente meraviglioso che ella possa aver luogo tra individui che continuamente si odiano s’insidiano e cercano in tutti i modi di nuocersi gli uni agli altri. Il vincolo e il freno delle leggi e della forza pubblica, che ora sembra essere l’unico che rimanga alla Società, è cosa da gran tempo riconosciuta insufficientissima a ritenere dal male e molto più a stimolare al bene. Tutti sanno con Orazio che le leggi senza i costumi non bastano e, d’altra parte, che i costumi dipendono e sono determinati e fondati principalmente e garantiti dalle opinioni (dal Discorso sopra lo stato presente dei costumi degli italiani, di Giacomo Leopardi)

 

–          Si addice particolarmente al filosofo questa tua sensazione: il meravigliarti. Non vi è altro inizio della filosofia, se non questo (dal Teeteto, di Platone)

 

–          Occorrerà l’un l’altro ben guardarci quanto alle trappole delle parole (dal Teeteto, di Platone)

 

–          Sarebbe grande la contraddizione se uno che va predicando di avere in gran conto la virtù, null’altro facesse, nelle discussioni, se non commettere ingiustizie. Compiere ingiustizia avviene in questo modo, quando uno fa le discussioni se non scevera nettamente, se ha in animo di combattere o di discutere, perché nella prima ipotesi scherza e tenta, per quanto può, di incastrare l’avversario, nella seconda, invece, si impegna a dialogare e raddrizza chi dialoga con lui e gli mostra quegli errori soltanto nei quali si è lasciato invischiare, o per colpa sua o di quelli con i quali si confrontava in precedenza. Se agirai in questo modo, quelli che discutono con te chiameranno in causa se stessi per i loro turbamenti e i loro dubbi e ti verranno dietro e ti vorranno bene e avranno in odio proprio se stessi e non te e da se stessi rifuggiranno verso la filosofia per allontanarsi, una volta divenuti altri, da quello che erano in precedenza. Ma se farai il contrario di ciò, come fanno i più, ti accadrà il contrario e quelli che son con te a dialogare , anziché filosofi, li farai diventare spregiatori della filosofia (dal Teeteto, di Platone)

 

–          Scommetto solo se sono sicuro di vincere (frase sentita alla TV)

 

–          Il suo problema non è quando beve, ma quando smette (frase sentita alla TV)

 

–          Il futuro era ieri con te (da canzone sentita alla radio)

 

–          L’Illuminismo è l’esercizio sistematico del dubbio (frase di Massimo Fini, sentita su You Tube)

 

–          Non so come fare…potresti cominciare facendo del tuo meglio (dal film, L’uomo che vide l’infinito)

 

–          Non ti lasciare intimorire: il più grande sapere deriva spesso dalle origini più umili (dal film, L’uomo che vide l’infinito)

 

–          Qualunque cosa sia nel tuo destino …accadrà (dal film, L’uomo che vide l’infinito)

 

–          Questa donna è impagabile …perché, lavora gratis? (dal film, Sconnessi)

 

–          Talvolta è meglio che i sogni restino tali (dal film, Sconnessi)

 

–          Quando insegni insegni anche a dubitare di ciò che insegni (sentito alla TV da Fusaro)

 

–          Una vita senza ricerca non è degna di essere vissuta (Socrate, frase riferita da Fusaro)

 

–          La Filosofia non serve a nulla propriamente e in questo sta la sua grandezza in quanto è libera da un circolo di servitù concettuale (sentito su you-tube da Fusaro)

 

–          Serve a scolpire la propria statua interiore (Plotino, frase riferita da Fusaro)

 

–          Un uomo quando vince non impara nulla; quando perde può apprendere qualcosa (dal film, Un’ottima annata)

 

–          La saggezza risiede nei posti più impensati (dal film, Un’ottima annata)

 

–          Chi sono i sodomiti? …te lo spiego stanotte a letto (dal film, Un’ottima annata)

 

–          Non posso venire, sto leggendo l’ultimo capitolo de’ La morte a Venezia: Visto il titolo, non credo che il finale ti sorprenderà (dal film, Un’ottima annata)

 

–          Imparai ad apprezzare le cose effimere (dal film, 2046)

 

–          Un buon espresso è un desiderio realizzato (da pubblicità alla radio)

 

–          Dunque, ospite, ti è più cara l’abitudine di esporre da te con un lungo discorso parlando di quello che vuoi dimostrare , oppure per mezzo di domanda? Con uno, Socrate, che dialoga senza fatica e con pazienza è più facile così ; il discorso con un altro. In caso contrario è meglio dialogare da solo! (dal libro Sofista di Platone)

 

–          Le vocali sono come un legame che si intromette tra le lettere, tanto che senza una di esse è impossibile alle altre armonizzarsi tra di loro l’una alla’altra (dal libro Sofista di Platone)

 

–          Su ogni questione bisogna concordare sul fatto stesso, mediante ragionamenti, più che sul solo nome senza il ragionamento (dal libro Sofista di Platone)

 

–          Quanto è stato detto come può non apparire chiaro anche a cieco? (dal libro Sofista di Platone)

 

–          Il non essere è un genere, tra gli altri, sparso accanto a tutti gli esseri. Bisogna considerare se si mescola con l’opinione e con il ragionamento. Perché se questo non si mescola con essi è necessario che tutto sia vero; se si mescola invece opinione e ragionamento diventano falsi. Perché opinare e dire quel che non è fa nascere il falso nel pensiero e nel ragionamento. E quando c’è il falso c’è anche l’inganno. E se c’è l’inganno ne consegue che tutto sia pieno di parvenze, di immagini, di apparenze (dal libro Sofista di Platone)

 

–          La pittura che è un sogno umano per chi è desto (dal libro Sofista di Platone)

 

–          Il pensiero è uguale al dialogo dell’anima con se stessa al proprio interno senza parole (nota nel libro Sofista di Platone)

 

–          La moda ci rende tutti uguali (da canzone sentita alla radio)

 

–          La forma più avanzata di intelligenza è il dubbio (sentito alla radio)

 

–          Lei: quando sei arrabbiato sei bello; lui:ma io non sono arrabbiato; lei:non sei nemmeno bello! (dal film Loving in you)

 

–          Vorrei avere un fratello gemello, così potrei dare a lui la colpa di tutto ((dal film Loving in you)

 

–          Prendi una matita tutta colorata e disegna un lago azzurro; buttaci i pensieri, tutti i dispiaceri e sorridi al mondo intero( dalla canzone Prendi una matita cantata da Mina)

 

–          Vedrai che tutto passerà e un giorno tornerai alla felicità (dal film Sotto il cielo della Toscana)

 

–          Lui: lei che mestiere fa? Lei: la scrittrice. Lui: allora potrebbe aiutare a scrivere le lettere di chi vuol suicidarsi. Lei: Lei scherza. Lui: non proprio (dal film Sotto il cielo della Toscana)

 

–          Stai facendo l’antipatica o hai una tempesta ormonale? (dal film Sotto il cielo della Toscana)

 

–          Le pessime idee a te piacciono tanto, vero? (dal film Sotto il cielo della Toscana)

 

–          Le persone sembrano zombie fermi ad un incrocio (dal film Sotto il cielo della Toscana)

 

–          Devi vivere come una sfera e andare in tutte le direzioni (dal film Sotto il cielo della Toscana)

 

–          Ho comprato una casa senza una vita da viverci (dal film Sotto il cielo della Toscana)

 

–          I rimpianti sono deleteri: il passato che inibisce il presente (dal film Sotto il cielo della Toscana)

 

–          La terra è come l’economia: se non ci metti la merda non viene su nulla (dal film, Aspirante vedovo)

 

–          Una bambina partecipa ad un matrimonio e, vedendo un’altra bambina vestita uguale a lei, dice: che bello! Siamo state gemelle per un giorno (frase di mia nipote Anna)

 

–          Agli Dei Mani di Marco Aurelio Donato Iunior, che visse due anni, due mesi, sedici giorni. I genitori Marco Aurelio Donato e Giulia Felicita per il loro figlio carissimo fecero. Tu che leggerai , possa tu vivere, star bene, amare ed essere amato, fono a che verrà la tua ora. Bene ai buoni. ( epigrafe romana)

 

–          Sai, ho pensato ai momenti belli che abbiamo passato insieme negli ultimi dieci anni …e non me n’è venuto in mente neanche uno (dal film, Se Dio vuole)

 

–          E’ evaso dagli arresti domiciliari (sentito alla TV)

 

–          La minaccia del tempo non mio troverà impreparato (sentito alla TV)

 

–          Comandare a se stessi è il comando più arduo (Seneca)

 

–          Le tue parole sono alle mie orecchie ronzio di mosca (dal film, Sinuhe l’Egiziano)

 

–          La Giustizia è l’utile del più forte (dal primo libro De Repubblica di Platone)

 

–          L’ideologia è un falso universale (Karl Marx)

 

–          Non sono le cose che non sai a metterti nei guai; è quello che dai per certo che invece non lo è (Mark Twain)

 

–          Jobs act che fa ridere da subito con il suo servilismo anglofono di maniera (Diego Fusaro, su You tube)

 

–          E’ già forte lei, non combattere anche contro te stessa (Suggerimento di un allenatore ad una tennista, sentito alla TV)

 

–          Il matrimonio tra luce ed ombra crea dei figli meravigliosi che si chiamano colori (Frase di Leonardo da Vinci, sentito alla TV)

 

–          Siamo fatti da atomi in continuo movimento Non parlo del flusso sanguigno o di ogni altro sistema di trasporto su larga scala, ma semplicemente delle oscillazioni degli atomi intorno alla loro posizioni nelle molecole delle nostre cellule (dal libro La fisica nelle cose di ogni giorno di James Kakalios)

 

–          La meraviglia è la sorgente del nostro desiderio di conoscere (dal libro, L’ordine del tempo di Carlo Rovelli – citazione da la Metafisica, di Aristotele)

 

–          Fin dove arriva il nostro attuale sapere, fino al grande oceano notturno e stellato di quello che ancora non sappiamo (dal libro L’ordine del tempo di Carlo Rovelli)

 

–          La capacità di comprendere prima di vedere è il cuore del pensiero scientifico (dal libro L’ordine del tempo di Carlo Rovelli)

 

–          Tutti i figli di Adamo formano un solo corpo, sono della stessa essenza. Quando il tempo affligge con il dolore una parte del corpo le altre parti soffrono. Se tu non senti la pena degli altri non meriti di essere chiamato uomo (dal libro L’ordine del tempo di Carlo Rovelli – citazione del poeta persiano Sa ‘di di Shiraz)

 

–          Gli orologi per Newton sono apparecchi che cercano di seguire lo scorrere eguale e uniforme del tempo. Newton scrive che questo tempo “assoluto, vero e matematico” non è percepibile: lo si deve dedurre con calcolo e attenzione dalla regolarità dei fenomeni. Quindi il tempo per Newton non è un’evidenza dei nostri sensi, ma solo un’elegante costruzione intellettuale. Se per noi il tempo newtoniano ci sembra semplice e naturale è perché lo abbiamo incontrato a scuola e un po’ alla volta è diventato il modo di pensare di noi tutti.; è filtrato dai libri delle scuole di tutto il mondo per divenire il modo comune di pensare il tempo; ne abbiamo fatto la nostra intuizione, ma l’esistenza di un tempo uniforme, indipendente dalle cose e dal loro moto, che oggi ci può sembrare naturale, non è un’intuizione antica e naturale per l’umanità: è solo un’idea di Newton (dal libro L’ordine del tempo di Carlo Rovelli)

 

–          La pittura è una poesia muta e la poesia è una pittura cieca (dalla mostra “Da Vinci Experience” )

 

–          Tristo è quel discepolo che non avanza il maestro (dalla mostra “Da Vinci Experience” )

 

–          La sapienza è figliola della sperienza (dalla mostra “Da Vinci Experience” )

 

–          Nessuna cosa è che più c’inganni che ‘l nostro giudizio (dalla mostra “Da Vinci Experience” )

 

 

–          La percezione del mondo dipende più dalle strutture percettive del nostro corpo, più che dall’oggetto della percezione (dal libro L’ordine del tempo di Carlo Rovelli)

 

–          Per molto tempo l’uomo ha cercato di comprendere il mondo in termini di una qualche sostanza primaria; ma più abbiamo lo abbiamo studiato, meno il mondo sembra comprensibile in termini di un qualcosa che è. Sembra invece essere meglio comprensibile in termini di relazioni tra accadimenti; capiamo il mondo studiando il cambiamento, non studiando le cose (dal libro L’ordine del tempo di Carlo Rovelli)

 

–          E’ meglio essere un uomo senza danari che aver danari senza essere uomo (dal libro Italia – Pensieri di Ugo Foscolo)

–          I poeti non cominciano a vivere se non quando muoiono (dal libro Italia – Pensieri di Ugo Foscolo)

 

–          Questo è il tempo per noi: il ricordo e la nostalgia, il dolore e l’assenza. Ma non è l’assenza che provoca il dolore, bensì l’affetto e l’amore: se non ci fosse affetto, se non ci fosse amore, non ci sarebbe il dolore dell’assenza. Per questo anche il dolore dell’assenza, in fondo, è buono e bello, perché si nutre di quello che dà senso alla vita (dal libro L’ordine del tempo di Carlo Rovelli)

 

–          Posso diventare il tuo sogno che vive (dal film Chloe)

 

–          Se sei in dubbio giraci intorno (dal film The Core)

 

–          Noi essere umani viviamo di emozioni e pensieri: ce li scambiamo quando siamo nello stesso luogo e nello stesso tempo, parlandoci e guardandoci negli occhi. Ma in realtà non abbiamo bisogno di essere nello steso luogo e nello stesso tempo per questi scambi. Pensieri ed emozioni che ci legano gli uni agli altri non hanno difficoltà ad attraversare mari e decenni, talvolta persino secoli. Legati ad esili fogli di carta oppure danzanti fra i microchip di un computer. Siamo parte di una rete che va molto al di là dei pochi giorni della nostra vita, dei pochi metri quadrati dove muoviamo i nostri passi (dal libro L’ordine del tempo di Carlo Rovelli)

 

–          E la stagione nuova, dietro il vetro che appannava, fiorì (dalla canzone Vento nel vento di Mogol – Battisti)

 

–          Vediamo il cielo ruotare intorno a noi ogni giorno, ma siamo noi a girare. Lo spettacolo quotidiano dell’universo che gira è quindi illusorio? No, è reale, ma non riguarda il solo cosmo; riguarda la nostra relazione con sole e stelle; lo capiamo chiedendoci come ci muoviamo noi: il moto cosmico emerge dalla relazione tra noi e il cosmo (dal libro L’ordine del tempo di Carlo Rovelli)

 

–          Non posso ridurmi allo stato d’indifferente cosmopolita (dal libro Italia – Pensieri di Ugo Foscolo)

 

–          Se la mia voce non ha più eco, se nel mio cuore non c’è più fuoco, se sui miei occhi è sceso un velo, se nel mio mondo non c’è più cielo, allora tu… (dalla canzone La folle corsa di Mogol – Battisti)

–          Gli scritti non vivono se non quando portano seco certa equità di giudizio e vigor di passione, prodotti dalla verità (dal libro Italia – Pensieri di Ugo Foscolo)

 

–          Il fluire del tempo non è una caratteristica dell’universo; come il roteare della volta stellata è la prospettiva particolare dall’angolo di mondo a cui apparteniamo (dal libro L’ordine del tempo di Carlo Rovelli)

 

–          Le mele crescono proprio nel Nord dell’Europa dove la gente beve il sidro, mentre l’uva cresce proprio al Sud dove la gente beve vino. In questi casi la strana coincidenza viene dal confondere il verso delle relazioni causali: non è che le mele crescano dove la gente beve il sidro, è la gente che beve sidro dove crescono le mele (dal libro L’ordine del tempo di Carlo Rovelli)

 

–          Siamo più complessi di quanto le nostre facoltà mentali siano in grado di afferrare (dal libro L’ordine del tempo di Carlo Rovelli)

 

–          Lascia che la paura ti sproni a lavorare duro e a prepararti quando arriverà il momento (da Lorenzo de’ Medici alla TV)

 

–          E invece restare prigionieri di un mondo che ti lascia solo sognare, solo sognare (dalla canzone Prigioniero del mondo di Mogol – Battisti)

 

–          Mio padre mi diceva che non dobbiamo mai pentirci delle cose che abbiamo fatto, ma solo di quelle che non abbiamo fatto (dal film Love & Secret)

 

–          Il tempo è il padrone inesorabile delle nostre vite (intervista a Massimo Fini)

 

–          Il futuro non è davanti a noi, ma dietro di noi (intervista a Massimo Fini)

 

–          E di notte, per non sentirti solo, ricorderai i tuoi giorni felici (dalla canzone Un anno d’amore)

 

–          C’è un detto: nessuno è un insegnante finché non diventa insegnante (dal film An invisible sign)

 

–          Penso quel che dico e dico quel che penso (dal film An invisible sign)

 

–          La verità è che sei tu a creare il tuo destino, non aspettare che il tuo destino ti venga incontro (dal film Amore a prima vista)

 

–          Diversi studi suggeriscono che popolazioni grandi e diversificate dal punto di vista sociale sono quelle in cui più facilmente si sviluppano le innovazioni. E’ logico: i pregiudizi sono meno resistenti e la ricerca di nuove soluzioni è più facile dove si confrontano più modi di vedere le cose (dal libro Il giro del mondo in sei milioni di anni di Guido Barbujani e Andrea Brunelli)

 

–          Mentre nel Nuovo Mondo continuano ad affluire europei in cerca di fortuna si apre un’altra pagina, francamente ignobile, della storia delle migrazioni. Per coltivare gli immensi territori americani serve mano d’opera. Le popolazioni locali sono state praticamente sterminate; la soluzione più economica è importare schiavi dall’Africa. Lo schiavismo non nasce nel Cinquecento; nell’Atene classica erano più gli schiavi che gli uomini liberi e non potevano prescindere dagli schiavi le economie dei grandi imperi, romano e ottomano, cinese e giapponese. E’ però alla fine del Cinquecento, con la tratta atlantica, che il fenomeno raggiunge dimensioni planetarie ((dal libro Il giro del mondo in sei milioni di anni di Guido Barbujani e Andrea Brunelli)

 

–          E’ meglio avere una cane amico che un amico cane (sentita alla radio)

 

–          Chi, sia pure sommariamente (come noi: tanto per mettere le mani avanti), conosce la storia dell’atomica, della bomba atomica, è in grado di fare questa semplice e penosa constatazione: che si comportarono liberamente, cioè da uomini liberi, gli scienziati che per condizioni oggettive non lo erano; e si comportarono da schiavi, e furono schiavi, coloro che invece godevano di una oggettiva condizione di libertà. Furono liberi che non la fecero. Schiavi coloro che la fecero. E non per il fatto che rispettivamente non la fecero o la fecero – il che vorrebbe a limitare la questione alle possibilità pratiche di farla che quelli non avevano e questi invece avevano – ma precipuamente perché gli schiavi ne ebbero preoccupazione, paura , angoscia; mentre i liberi senza alcuna remora, e persino con punte di allegria, la proposero, vi lavorarono, la misero a punto e, senza porre condizioni o chiedere impegni (la cui più che possibile inosservanza avrebbe almeno attenuato la loro responsabilità), la consegnarono ai politici e ai militari. E che gli schiavi l’avrebbero consegnata ad Hitler, a un dittatore di fredda e atroce follia, mentre i liberi la consegnarono a Truman, uomo di “senso comune” che rappresentava il “senso comune” della democrazia americana, non fa differenza: dal momento che Hitler avrebbe deciso esattamente come Truman decise, e cioè di fare esplodere le bombe disponibili su città accuratamente, “scientificamente” scelte fra quelle raggiungibili di un paese nemico; città della cui totale distruzione si era potuto far calcolo (tra le “raccomandazioni” degli scienziati: che l’obiettivo fosse una zona del raggio di un miglio e di dense costruzioni; che ci fosse una percentuale alta di edifici in legno; che non avesse fino a quel momento subito bombardamenti, in modo da poter accertare con la massima precisione gli effetti di quello che sarebbe stato l’unico e definitivo…) (dal libro La scomparsa di Majorana di Leonardo Sciascia)

 

–          La verità è figlia del tempo e non dell’autorità. La nostra ignoranza è infinita: diminuiamola almeno di un millimetro cubo! (citazione di Bertold Brecht, dal libro La scomparsa di Majorana di Leonardo Sciascia)

 

–           Il cielo piangerà, gli mancherà una stella (dalla canzone T’innamorerai di Marco Masini)

 

–          L’antiscientismo è nutrito dallo sconforto per la perdita dell’illusione che la scienza possa offrire l’immagine del mondo definitiva, dalla paura di accettare l’ignoranza. Meglio false certezze che incertezze… Ma la mancanza di certezze, lungi dall’essere una debolezza, costituisce, e ha sempre costituito, il segreto stesso della forza del pensiero razionale, inteso come pensiero della curiosità, della ribellione e del mutamento (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Il conflitto tra due forme di sapere profondamente diverse: da un lato, un nuovo sapere sul mondo, fondato sulla curiosità, sulla ribellione alle certezze, e quindi sul cambiamento. Dall’altro, il pensiero allora dominante, che è principalmente mitico – religioso, ed è fondato in larga misura sull’esistenza di certezze che per loro stessa natura non possono essere messe in discussione (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Il pensiero scientifico è innanzitutto un’appassionata esplorazione di modi sempre nuovi per pensare il mondo. La sua forza non consiste nelle certezze aggiunte, bensì in una radicale consapevolezza dell’estensione della nostra ignoranza; questa consapevolezza ci permette di rimettere in dubbio in continuazione ciò che crediamo di sapere, e quindi di continuare ad apprendere. La ricerca della conoscenza non si nutre di una radicale mancanza di certezza: si nutre (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Platone e Aristotele sanno distinguere con perfetta chiarezza la differenza fra ritenere una cosa e avere argomenti convincenti al riguardo (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          L’idea che la Terra galleggi nello spazio contraddice l’immagine stessa che abbiamo del mondo. E’ un’idea palesemente assurda, naudita e incredibile. La difficoltà è accettare che il mondo possa non essere come abbiamo sempre creduto che sia, che le cose possan essere diverse da come appaiono. La vera difficoltà è abbandonare un’immagine del mondo che ci è familiare (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Alcuni, per esempio Anassimandro, dicono che la Terra mantiene la sua posizione per indifferenza. Perché una cosa che si trovi nel centro, per la quale tutte le direzioni siano equivalenti, non ha ragione per muoversi verso l’alto o il basso o lateralmente; e siccome non può muoversi in tutte le direzioni insieme, deve necessariamente restare ferma. Questa idea è ingegnosa (dal De Caelo di Aristotele, citato dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Per coloro che sono in piedi di sotto (agli antipodi), le cose in alto sono in basso, mentre le cose in basso sono in alto ed è così intorno all’intera Terra (dal Corpus di Ippocrate- 200 a.c., citato dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Il mondo non è come ci appare, il mondo è diverso da come ci appare. Il nostro punto di vista sul mondo è limitato dalla piccolezza della nostra esperienza. La ragione, ben usata, appoggiandosi sull’osservazione, ci libera da un’illusione: ci libera da un punto di vista parziale e limitato e ristruttura la nostra comprensione del mondo in forma nuova (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Prima di Copernico, la parola rivoluzione indicava solo il moto circolare, in particolare dei pianeti nel cielo. Il libro di Copernico De Revolutionibus Orbium Caelestium ha creato un tale sovvertimento dell’immagine del mondo che il suo titolo rivoluzione è divenuto sinonimo di sovvertimento (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          L’idea di investigazione sulla natura si basa sul riconoscimento che essa non si svela interamente a uno sguardo diretto. Al contrario, è necessario sondarne le origini e la struttura: la verità è accessibile, è parte integrante della natura stessa, ma è nascosta. Gli strumenti per raggiungerla sono l’osservazione e il pensiero. Per fare questo, il pensiero è pronto a immaginare l’esistenza di entità naturali, cioè assumere che queste esistano, anche se esse non sono immediatamente percepibili (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Secondo la tradizione, Platone fece incidere sulla porta dell’Accademia, la sua scuola, la frase: Che nessuno entri qui, se non conosce la geometria (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Educa i bambini e non sarà necessario punire gli adulti (citazione di Pitagora, trovata su Facebook da mia moglie Elena)

 

–          Il mondo antico è pieno di maestri del pensiero e loro grandi discepoli. Basti pensare a Confucio e Mencio, Mosè e  i profeti, Gesù Cristo e Paolo di Tarso, Budda e Kaun-dinya. I discepoli arricchiscono e approfondiscono il pensiero dei loro maestri, ma si guardano bene dal mettere in dubbio alcune loro osservazioni. Anassimandro invece fruisce delle conquiste intellettuali e dello stesso modo di pensare del suo maestro Talete, ma, all’occasione, critica frontalmente alcune sue affermazioni. L’intera scienza moderna è il risultato della scoperta dell’efficacia di questa terza via: la verità è accessibile, ma in maniera graduale e per raffinamenti successivi, attraverso una pratica lunga e quasi devota di osservazioni, discussione e ragione. Bisogna studiare i maestri, comprenderne le conquiste intellettuali, farle proprie, e sulla base di questa conoscenza acquisita, trovare gli errori nel pensiero di questi maestri, correggerli e in questo modo capire meglio il mondo (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Il vecchio potere dei sovrani e delle case sacerdotali crolla e apre uno spazio nuovo dove nasce una cultura nuova; gli uomini imparano a diffidare del potere assoluto del sovrano e del sapere tradizionale dei sacerdoti. Si afferma la considerazione che le leggi, come le idee, degli antichi non siano necessariamente le migliori, che le decisioni più valide possano emergere da una discussione fra tanti, invece che dall’autorità sovrana di un singolo, o dalla riverenza alla tradizione, che la critica pubblica di una proposta sia utile per discernere le proposte migliori, che si possa argomentare e convergere a una conclusione (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          La scoperta è che lasciare libera la critica permette la messa in discussione, dare diritto di parola a chiunque e prendere sul serio qualunque proposta non porta a una cacofonia inconcludente. Al contrario, permette di scartare le ipotesi che non funzionano e di fare emergere le idee migliori (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          E’ l’incontro con le diversità che può aprire la nostra mente, ridicolizzando i nostri pregiudizi. Ogni volta che come nazione, come gruppo, come continente, o come religione, ripieghiamo in noi stesi nella celebrazione della nostra specifica identità, non stiamo facendo altro che celebrare i nostri limiti e cantare la nostra stupidità. Ogni volta che ci apriamo alla diversità e ascoltiamo ciò che è diverso da noi, stiamo contribuendo all’arricchimento della razza umana (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Tu sei una galassia di cui mi mancano molte stelle (dal film La corrispondenza)

 

–          La scienza non vanaza per ricostruzioni da zero. Avanza per pasi parziali. I cambiamenti possono riguardare questioni fondamentali: può essere modificato l’albero maestro della nave o la chiglia. Ma non si costruisce mai la nave nuova. Si continua a rattoppare all’infinito la sola nave che abbiamo e le sue varianti. La nave del nostro pensare il mondo è il nostro unico strumento per navigare nell’infinita sorpresa del reale (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          La bocca uccide più della spada e la libertà è il più grande dono della natura. Non appena nasce la virtù, l’invidia viene al mondo per attaccarla; e ricordatevi quello che vi sto dicendo, amici miei, è più facile trovare un corpo senz’anima che la virtù senza invidia (dal libro Leonardo da Vinci deve morire di Christian Gàlvez)

 

–          Le cose difficili si fanno, quelle impossibili si tentano (dal libro Leonardo da Vinci deve morire di Christian Gàlvez)

 

–          La scienza non è credibile perché offe la risposta definitiva, ma perché offre la migliore risposta di cui disponiamo al presente. E offre la migliore risposta di cui disponiamo proprio perché non considera le proprie risposte come certamente vere e rimane aperta all’imparare e al cambiare idea (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Il paradosso vitale del nostro vivere e del nostro pensare è che noi agiamo e vediamo solo all’interno di un contesto; eppure smettiamo di vivere e di comprendere se smettiamo di combattere contro le limitazioni che questo contesto ci impone (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Essere consapevoli che posiamo avere torto è cosa completamente diversa dal ritenere che non abbia senso di parlare di torto e ragione. Considerare sul serio idee diverse dalle nostre è cosa completamente diversa dal ritenere che tutte le idee valgano eguale. Rendersi conto che un giudizio nasce all’interno di un quadro culturale complesso ed è legato a molti altri non implica assolutamente che non possiamo renderci conto che sia sbagliato. Il punto è che siamo sempre e comunque immersi in una cultura e da ciò non è possibile uscire. Non esiste nozione di verità fuori dal nostro universo di discorso, ma proprio per questo non possiamo fare a meno della nozione di verità (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Perché non è una promessa , ma è quel che sarà; domani e sempre, sempre vivrà ( dalla canzone Un’avventura di Mogol – Battisti)

 

 

–          Accettare il dialogo per essere pronti a imparare come ad insegnare (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Quando sono con lei il sole brilla di più (dal film Il posto delle fragole)

 

–          Un uomo senza una donna è come un pesce senza bicicletta (dal film Il posto delle fragole)

 

–          L’accettazione acritica è un piolo cui siamo legati, il cardine della nostra ignoranza, che ci impedisce di andare a vedere altrove, di cercare qualcosa di più vero (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          L’intelligenza non ci salva necessariamente dai disastri, ma è l’arma migliore che abbiamo per difenderci (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Non ci serve più adorare il faraone per dare legittimità alle strutture politiche con cui ci governiamo; non ci serve più pensare a Giove per renderci ragione della pioggia e del tuono. Andare verso l’incertezza ha permesso all’umanità di costruire il mondo nel quale stiamo vivendo. Il mondo in cui viviamo è la realizzazione dei sogni liberi di uomini e donne prima di noi. Il futuro può solo nascere dai nostri sogni liberi, ma per costruire il futuro è spesso necessario liberarsi del presente (dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Da dove è nata e da dove viene questa creazione? Nessuno può sapere da dove è venuta la creazione e se Egli l’ha creata oppure non l’ha creata. Egli che la sorveglia dal più alto dei cieli, Egli solo lo sa, o forse non lo sa (da Rig Veda, testo indiano del 1500 a.c., citazione dal libro Che cos’è la scienza – La rivoluzione di Anassimandro di Carlo Rovelli)

 

–          Esistono tre tipi di persone: quelle che vedono, quelle che vedono solo ciò che mostri loro e quelle che non vedono proprio (dal libro Leonardo da Vinci deve morire di Christian Gàlvez)

 

–          Benvenuta, Madonna. Dio si deve essersi distratto se ha lasciato che un angelo come voi finisse tra noi comuni mortali (dal libro Leonardo da Vinci deve morire di Christian Gàlvez)

 

–          Le cose belle e mortali non sono durature: faceva parte del piano della vita; andata e ritorno, luce e ombra, vita e morte (dal libro Leonardo da Vinci deve morire di Christian Gàlvez)

 

–          Zio Francesco mi ha insegnato l’importanza di osservare attentamente tutto ciò che ci circonda, di assaporare ogni tramonto, di correre per i campi intorno alla nostra casa; mi ha insegnato ad amare la natura (dal libro Leonardo da Vinci deve morire di Christian Gàlvez)

 

–          Era la passione a parlare attraverso la bocca di Leonardo, non il cervello. Cos’ facendo, poteva ottenere qualsiasi cosa e, nel caso in cui non ci fosse riuscito, il fatto di averci messo passione gli avrebbe comunque permesso di non dover giustificare l’insuccesso (dal libro Leonardo da Vinci deve morire di Christian Gàlvez)

 

–          Leonardo si dedicò anima e corpo al suo dovere di uomo scientifico senza badare a cosa pensasse la gente. L’unica cosa davvero importante era la conoscenza nuda e cruda. La verità (dal libro Leonardo da Vinci deve morire di Christian Gàlvez)

 

–          Amico mio, con i tempi che corrono, vi consiglio di mettere da parte la tristezza. Alla fin fine, non è che un’eccedenza del passato. Non lasciatevi neanche sopraffare dall’ansia, che non è altro che un’eccedenza del futuro. Vivete nel presente e godetevi la vita (dal libro Leonardo da Vinci deve morire di Christian Gàlvez)

 

–          La cosa importante era amare ed essere amati. L’attrazione per la ricchezza si chiama interesse. L’attrazione fisica si chiama desiderio. L’attrazione mentale si chiama ammirazione. L’attrazione senza un motivo ben preciso si chiama amore (dal libro Leonardo da Vinci deve morire di Christian Gàlvez)

 

–          Non contavano gli anni, ma le esperienze che faceva e che la rendevano più saggia (dal libro Leonardo da Vinci deve morire di Christian Gàlvez)

 

–          A volte, sono più enigmatici i sentimenti dei mortali che i messaggi cifrati (dal libro Leonardo da Vinci deve morire di Christian Gàlvez)

 

–          Il sorriso di un triste trionfo; o il sorriso di una tristezza trionfale (dal libro Leonardo da Vinci deve morire di Christian Gàlvez)

 

–          La vita è in continuo movimento, devi afferrarla (dal film La foresta dei misteri)

 

–          E tu ti inginocchiasti ai piedi del santo di gesso. Che non diceva niente. E che fece ancor meno (dal libro Maledizione Caravaggio di Alex Connor)

 

–          La storia si San Martino che aveva donato metà del suo mantello gli era stata raccontata dalla madre. “Anche lui era nudo?”. Sua madre l’aveva guardato con aria assente. “No San Martino era vestito”. “Allora perché non ha dato l’intero mantello al mendicante invece di regalargliene soltanto metà?” (dal libro Maledizione Caravaggio di Alex Connor)

 

–          Esistono due possibilità: o siamo soli nello Spazio o non lo siamo; una è più terrificante dell’altra (letto su you tube, frase di Arthur C.Clark)

 

–          Mi stai dicendo che mi lasci sino a quando non ritorno a basso contenuto di problemi? (dal film Come lo sai)

 

–          Il coraggio è dominare la paura, non assenza di paura (dal film Come lo sai)

 

–          Una brutta giornata rende quelle belle ancora più belle (dal film Come lo sai)

 

–          Capisci quel che vuoi e impara a chiedertelo apertamente (dal film Come lo sai)

 

–          Penso di essere innamorato quando mi metto il preservativo con le altre (dal film Come lo sai)

 

–          Non fare niente a metà, se non vuoi essere felice a metà (dal film Come lo sai)

 

–          L’ottimismo è sanità mentale (dal film Come lo sai)

 

–          Non guardarmi con quella faccia da Bambi (dal film Come lo sai)

 

–          Quando sei dentro una cosa devi dare tutto quello che hai; sennò cosa stai facendo?! (dal film Come lo sai)

 

–          Il tempo consuma ogni uomo (dal libro Maledizione Caravaggio di Alex Connor)

 

–          Ancora una volta proteso verso la luce; ero riuscito ad afferrarla, ma mai a tenerla stretta (dal libro Maledizione Caravaggio di Alex Connor)

 

–          E’ il punto principale della felicità che un uomo voglia essere ciò che è (dal libro Maledizione Caravaggio di Alex Connor)

 

–          Non si vince uno scontro ignorando quel che ci dice l’istinto (dal libro Maledizione Caravaggio di Alex Connor)

 

–          Dio ha dato il meglio di Sé con gli animali (dal libro Maledizione Caravaggio di Alex Connor)

 

–          Il coraggio di pensare (da canzone sentita alla radio)

 

–          Io, come quando il sole illumina una tempesta, ho seppellito questo sospiro nella grinza di un sorriso, ma il dolore che è celato in un’apparente letizia è come quella gioia che il fato cangia in subitanea tristezza.

 

Lì le mie speranze giacciono annegate.

 

La mano di lei, in paragone della quale tutti i bianchi sono inchiostro che scrivono il lor  proprio biasimo.

 

Le mie pene sono state la ricompensa delle mie fatiche.

 

Sicuro come una nuvola d’autunno

(dal Troilo e Cressida di William Shakespeare)

 

–          Luna che intaglia ombre misteriose (da canzone sentita alla radio)

 

–           Chi non ha affrontato le avversità non conosce la propria forza (da un post di un mio “amico” di face book)

 

–          I cinquanta anni sono i nuovi quaranta (dal film Alfie)

 

–          Uno schifoso così basso da guardare il culo ai serpenti (dal film Alfie)

–          dal Troilo e Cressida di William Shakespeare)

 

Uno sciagurato la cui bile conia calunnie come una zecca (dal Troilo e Cressida di William Shakespeare)

 

–            Una piccola verità è meglio di una grossa bugia (frase di Leonardo da Vinci proiettata sul  Ponte Vecchio a Firenze)

 

 

Effemeridi di Stefano del 2019

 

  • Ma noi ci amiamo e tutto l’altro è rumore di sottofondo (dal film Gone Girl)

 

  • Hai una faccia che sembra una merda calpestata (dal film Gone Girl)

 

  • Ora corri insieme al tempo (da canzone sentita alla radio)

 

  • Hai mai sentito la frase: “La risposta semplice è quella giusta?”. Sì, ma non mi ha mai convinto (dal film Gone Girl)

 

  • Mi Manchi in carne ed ossa (da canzone sentita alla radio)

 

  • Quando desideri tanto una cosa rischi di vedere solo quella; trascuri le altre cose, magari la verità (dal film La profezia)

 

  • Ho le scarpe piene di passi (da canzone sentita alla radio)

 

  • Ho il tuo sangue nelle vene e ti tengo nel mio cuore (dalla canzone Sangue nelle vene)

 

  • Lascia che entri il sole (dal film The sunshine)

 

  • Ricordati che la vita è adesso (dal film Due cuori e una provetta)

 

  • Non sono pessimista, sono solo un po’ realista (dal film Due cuori e una provetta)

 

  • Io ho avuto orgasmi più lunghi delle sue relazioni (dal film Due cuori e una provetta)

 

  • Il matrimonio è un gioco di squadra (dal film a vita segreta)

 

  • Come ho fatto a non capire che il problema ero io; sei una stella speronata (da canzone sentita alla radio)

 

  • Sono salito sulla cattedra per ricordare a me stesso che le cose possono essere osservate da angolazioni diverse; e il mondo appare diverso da quassù. Non vi ho convinto? Venite a vedere voi stessi. E’ proprio quando pensate di sapere qualcosa che dovete guardarla da un’altra prospettiva (dal film, L’attimo fuggente)

 

  • Dovete combattere per trovare la vostra voce; più tardi cominciate a farlo, più grosso è il rischio di non trovarla affatto. Molti uomini hanno vite di quieta disperazione; voi non rassegnatevi a questo: non affogate nella pigrizia e guardatevi intorno. Osate cambiare, cercate nuove strade (dal film, L’attimo fuggente)

 

  • La morte è certa per chi nasce e la nascita è certa per chi muore (dal film, Questione di Karma)

 

  • Perché, se non si conosce, non si può nemmeno sapere (dal film, Questione di Karma)

 

  • Dio è nei dettagli ((dal film, Questione di Karma)

 

  • Mi piacciono le tue labbra; anche tu piaci a loro (dal film, Hitch,lui sì che capisce le donne)

 

  • Nessuna ragazza si alza la mattina e pensa “oggi spero di non essere rapita da un principe azzurro (dal film, Hitch,lui sì che capisce le donne)

 

  • Non importa chi, non importa come, non importa quando; ogni uomo ha l’occasione di rapire la sua bella. Gli serve solo il cavallo giusto (dal film, Hitch,lui sì che capisce le donne)

 

  • Tutti i respiri che fate nella vita non contano; sono invece importanti quelli che perdete pensando ad una donna (dal film, Hitch,lui sì che capisce le donne)

 

  • La perseveranza è solo una scusa per essere noiosi (dal film, Hitch,lui sì che capisce le donne)
  • Comincia la giornata come se avesse uno scopo (dal film, Hitch,lui sì che capisce le donne)

 

  • Solo a sentire la tua voce, sorrido (dal film, Hitch,lui sì che capisce le donne)

 

  • Neanche il cane muove la coda per nulla (da intervista alla TV)

 

  • Perché non fai come la patata …vai a farti friggere (dal film Quello strano sentimento)

 

  • Per vedere come sei sono riuscita a portare il cervello all’altezza del culo (dal film Ghost of Girlfriends past)

 

  • Solo così si può sperare di raggiungere la perfezione. Ma poi, in verità, più studiavo e più mi accorgevo che potevo scoprire molto di più. Lo so, tante domande e così poco tempo per trovare le risposte. Ma non ci si può fermare e la conoscenza dell’uomo non può che passare per questa via (dal libro, Leonardo il romanzo di un genio ribelle di Massimo Polidoro)

 

  • Il fatto è che per me ogni discorso che non passa dall’esperienza è vano e forse pure dannoso. Perché non nasce da una conoscenza diretta delle cose e la natura si vendica di chi vuole fare miracoli; come i più stolti di tutti i maghi e gli incantatori, che fanno previsioni sul futuro senza sapere nulla (dal libro, Leonardo il romanzo di un genio ribelle di Massimo Polidoro)

 

  • La pazienza fa contro le ingiurie quello che i panni fanno contro il freddo. Se aumenti i panni al crescere del freddo, questo non ti potrà nuocere. Similmente, se alle grandi offese aumenti la pazienza, quelle no potranno offendere la tua mente (dal libro, Leonardo il romanzo di un genio ribelle di Massimo Polidoro)

 

  • Non è strano per lui cambiare idea. Egli, infatti, sostiene che la sapienza e figliola dell’esperienza; fuggi i precetti di quei teorici che non confermano le loro ragioni con l’esperienza (dal libro, Leonardo il romanzo di un genio ribelle di Massimo Polidoro)

 

  • Era proprio vero, come diceva Aristotele, che è possibile realizzare il bello anche imitando con maestria ciò che è repellente. O, come spiegava Plutarco, che nella rappresentazione artistica il brutto imitato rimane tale ma riceve come un riverbero di bellezza dalla maestria dell’artista. Anche se forse più semplicemente, pure il bello può venire a noia persino all’uomo che ha fatto della sua capacità di rappresentarlo uni dei suoi talenti più meravigliosi. La grande bruttezza negli uomini, mi disse, è altrettanto rara e straordinaria quanto la grande bellezza, soltanto la mediocrità non suscita interesse (dal libro, Leonardo il romanzo di un genio ribelle di Massimo Polidoro)

 

  • Il segreto del successo è la costanza: ciò che conta non è cominciare, ma perseverare (dal libro, Leonardo il romanzo di un genio ribelle di Massimo Polidoro)

 

  • Di che te adiri, a chi invidia hai, natura?

         Al Vinci che ha ritratto una tua stella,

         Cecilia sì bellissima hoggi è quella

         Che a’ suoi begli ochi el sol par umbra oscura

  • (versi del poeta Bernardo Bellincioni dedicati a Cecilia Gallerani (ritratta da Leonardo in La dama dell’ermellino, citazione dal libro, Leonardo il romanzo di un genio ribelle di Massimo Polidoro)

 

  • Io vivo il silenzio come un buco da riempire ( dal film, Happy Family)

 

  • Sì come una giornata bene spesa dà lieto dormire, così una vita bene usata d° lieto morire (Leonardo da Vinci, Codice Trivulziano, citazione dal libro Leonardo il romanzo di un genio ribelle di Massimo Polidoro)

 

  • Mi sento un anziano che si appresta a diventare vecchio (sentito alla TV)

 

  • Tutto vuole sapere il maestro e a tutto cerca di trovare risposta. Come ho già avuto modo di dire, la sua grande forza è quella di non incaponirsi in un’idea, come fanno certi sedicenti dotti o certi “trombetti”, come li chiama lui, che ripetono a pappagallo le idee degli altri senza mai verificarle. Quando egli si accorge che l’esperienza dimostra sbagliato ciò in cui crede, egli non rigetta l’esperienza, ma, al contrario, abbandona la vecchia convinzione per avvicinarsi sempre di più a ciò che è vero (dal libro, Leonardo il romanzo di un genio ribelle di Massimo Polidoro)

 

  • Il primo dovere dell’uomo: quello della conoscenza (dal libro, Leonardo il romanzo di un genio ribelle di Massimo Polidoro)

 

  • Gli uomini fanno grandi discorsi e il più delle volte quel che dicono è vano o falso. Gli animali magari parlano poco tra di loro, ma quel che dicono è utile e veritiero (dal libro, Leonardo il romanzo di un genio ribelle di Massimo Polidoro)

 

  • Se la Luna e tutti i pianeti sono uguali alla Terra e non sono sfere celesti, allora significa che la Terra forse non è quel luogo privilegiato e speciale dell’universo che noi crediamo. E se non lo è la Terra, forse non lo è neppure l’uomo (dal libro, Leonardo il romanzo di un genio ribelle di Massimo Polidoro)

 

  • Un vero viaggio non è cercare nuove terre, ma avere nuovi occhi (visto su ipad, frase di Marcel Proust)

 

  • Come il ferro si arrugginisce senza esercizio e l’acqua si putrefà e nel freddo si ghiaccia, così l’ingegno senza esercizio si guasta (dal libro, Leonardo il romanzo di un genio ribelle di Massimo Polidoro)

 

  • Non sono un uomo con qualità primitive (da film visto alla TV)

 

  • Non esiste la perfezione; ci sono sempre delle difficoltà e devi solo decidere con chi affrontarle (dal film, Before We Go)

 

  • Non scegliamo chi amare; ed è una fregatura (dal film, Before We Go)

 

  • Il sapere determina il destino (dal film, Frequenze)

 

  • Se noi ci amiamo, il mondo è nostro (dal fil, Le avventure del capitano Hornblower)

 

  • Prendo una stella dall’infinito per il mio cielo che non ha luce (da canzone sentita alla radio)

 

  • Tutto finisce e di quello che non finisce prima o poi ci si stufa (dal film, Sandrine sotto la pioggia)

 

  • La fortuna è quando la preparazione incontra l’opportunità (dal fil, Black list)

 

  • Abbiamo una sola strada da percorrere nella vita e non la voglio percorrere con te (dal fil, Black list)

 

  • Non sono mai stato con una spogliarellista! …ma quella con cui eri no era certo tua nonna! (dal fil, Black list)

 

  • Dovresti vedere quanta roba è uscita da questo cane (dal fil, Black list)

 

  • Quelli che non imparano dalle proprie sconfitte sono condannati a ripeterle (dal fil, Black list)

 

  • Chiacchierare sulla strada con i viandanti per curiosità di vari gusti et diverse fantasie d’huomini (dalla prefazione al Principe di Niccolò Machiavelli)

 

  • La Fortuna è un fiume pronto ad inondare: per questo vanno prima costruiti gli argini

 

  • Anche se il futuro ha muri enormi (dalla canzone Non amarmi di Aleandro Baldi)

 

  • Stanotte ho avuto un incubo terribile …ti prego non raccontarmelo (dal film, PS Ylove You)

 

  • Mi è stato insegnato che è coraggioso colui che rischia senza paura, ma ancora più valoroso è chi affronta il pericolo malgrado la paura; il coraggio è la paura che soccombe (dal film, Lo spazio che ci unisce)

 

  • Perché sai tutte queste cose inutili?! (dal film, Beata ignoranza)

 

  • Anche i fiori piangono e noi continuiamo a credere che sia rugiada (dal film, Beata ignoranza)

 

  • Tante volte credo che abbiamo aspettato l’alba sulla spiaggia sbagliata (dal film, Beata ignoranza)

 

  • Non è necessario avere un legame di sangue per volersi bene (dal film, Beata ignoranza)

 

  • Voi davvero pensate che lavorare duro produce ricchezza? L’unica cosa che produce ricchezza e la ricchezza. Noi l’abbiamo, voi no (dal film, Horrible Posses 2)

 

  • Nessuna idea è una cattiva idea ((dal film, Horrible Posses 2)

 

  • Per che le iniurie si debbono fare tutte insieme, acciò che, assaporandosi meno, offendino meno; e benefizii si debbono fare a poco a poco, acciò si assaporino meglio (da libro, Il Principe di Niccolò Machiavelli)

 

  • Mai nelli tempi pacifici stare ozioso, ma con industria farne capitale per potersene valere nelle adversità, acciò che la fortuna, quando si muta, lo truovi parato a resisterle (da libro, Il Principe di Niccolò Machiavelli)

 

  • Nasce una disputa, s’egli è meglio essere amato che temuto o e converso. Rispondesi che si vorre’ essere l’uno e l’altro; ma perché egli è difficile accozzarli insieme, è molto più sicuro essere temuto che amato, quando si abbi a mancare dell’uno delli duoi (da libro, Il Principe di Niccolò Machiavelli)

 

  • E li uomini in universali iudicano più alli occhi che alle mani; perché tocca a vedere ad ognuno, a sentire a pochi; ognuno vede quello che tu pari, pochi sentono quello che tu se’; e quelli pochi non ardiscono opporsi alla opinione di molti che abbino la maestà dello stato che gli difenda; e nelle actione di tutti li uomini, e maxime de’ principi, dove non è iudizio a chi reclamare, si guarda al fine (da libro, Il Principe di Niccolò Machiavelli)

 

  • Sempre, più sempre (da canzone sentita alla radio)

 

  • Allarga la tua mappa mentale, fuggi dalla prigionia degli altri (sentito alla TV)

 

  • Il principio astratto dell’uguaglianza dispensa l’ignorante dall’istruirsi, l’imbecille dal giudicarsi, il bambino dall’essere uomo e il delinquente dal correggersi. La Società cadrà a pezzi, perché non si riconosce la disuguaglianza di valore, di merito e di esperienza, cioè ciò che è il prodotto della fatica individuale; alla fine tutto culminerà nel trionfo della feccia e dell’appiattimento, pagando l’adorazione delle apparenze (dal libro, Frammenti di diario interiore di Henri Frédéric Amiel – giugno 1871)

 

  • L’amore è un’affare per coloro che ne sono sprovvisti (dal film, Lady J)

 

  • A che religione appartiene Dio? (scritto su un muro a Firenze)

 

  • Nondimanco, perché il nostro libero arbitrio non sia spento, iudico potere essere vero che la fortuna sia arbitra della metà delle actioni nostre, ma che etiam lei ne lasci governare l’altra metà, o presso, a noi (da libro, Il Principe di Niccolò Machiavelli)

 

  • Il figlio al padre: “Non sarai punito per la rabbia, ma dalla rabbia”. Il padre:”Ma chi l’ha detto?”. IL figlio:”Il Budda”. Il padre:”Ma Budda aveva figli?!” (dal film, Belli di papà)

 

  • Non ti ho mai nascosto nulla, nemmeno l’ombra dei miei pensieri (dal film, Guerrin Meschino)

 

  • Tutti gli uomini nascono uguali al cospetto di Dio; sì, ma tutti gli uomini muoiono diseguali al cospetto degli uomini (dal film, Guerrin Meschino)

 

  • Il dubbio come stella polare del pensiero critico, questo è uno dei concetti base che io conservo dell’Illuminismo. L’esercizio sistematico del dubbio si fa innanzitutto su se stessi (Massimo Fini su You Tube)

 

  • Un ribelle non è un rivoluzionario, un cospiratore, ma è uno che vuole rimanere fedele a se stesso e vuole difendere se stesso (Massimo Fini su You Tube)

 

  • Circa l’esercizio del dubbio è la pretesa dell’Occidente di avere i valori migliori e di avere quindi il diritto-dovere di poterli applicare anche a culture diverse, storie e tradizioni completamente diverse dalle nostre. E il discorso della cultura superiore è il nuovo modo di declinare il razzismo, visto che quello classico, essendoci stato Hitler, non è più praticabile. Questa è, secondo me, la mancanza di esercizio del dubbio (Massimo Fini su You Tube)

 

  • Siamo noi a non aver capito il pazzo o noi a non aver capito un cazzo (Massimo Fini su You Tube)

 

  • Nell’universo scintillante ci fu un pianeta su cui animali intelligenti scoprirono la conoscenza e fu il momento più tracotante e menzognero della storia del mondo. Ci furono infatti eternità in cui non esistette l’intelletto umano. Quando questo sarà di nuovo finito, non sarà successo nulla di notevole (citazione da Friedrich Nietzsche, di Massimo Fini su You Tube)

 

  • Il futuro è antimoderno; andando a questa velocità accorciamo il nostro futuro ( Massimo Fini su you tube)

 

  • Ti compro un navigatore, così quando ti manderò a far in culo non ti perderai (dal film, Ci devo pensare)

 

  • Nessun effetto è in natura sanza ragione; intendi la ragione e non ti bisogna sperienza (scritti di Leonardo da Vinci)

 

  • Chi nega la ragione delle cose, pubblica la sua ignoranza (scritti di Leonardo da Vinci)

 

  • Chi non punisce il male, comanda che si facci (scritti di Leonardo da Vinci)

 

  • Chi poco pensa, molto erra (scritti di Leonardo da Vinci)

 

  • L’omo e li animali sono proprio transito e condotto di cibo, sepoltura d’animali, albergo de’morti, facendo a sé vita dell’altrui morte, guaina di corruzione (scritti di Leonardo da Vinci)

 

  • Dove vai a scordarti del mio amore? (da canzone sentita alla radio)

 

  • Sempre è una dolce menzogna, ma fa bene al mio cuor (da canzone sentita alla radio)

 

  • La fortuna è per gli sfigati (dal film, Annie la felicità è contagiosa)

 

  • Stiamo sognando e non abbiamo assolutamente l’intenzione di svegliarci (da commento ad una partita di calcio alla TV)

 

  • Che la fortuna sia con te; …sei tu la mia fortuna (dal film, Nel segno di Roma)

 

  • Quando smetteremo di credere solo alle parole, resteranno solo i gesti (il giornalista Pagliaro alla TV)

 

  • Facciamo in modo che la fortuna sia solo un optional (dal film, Una proposta per dire sì)

 

  • Tiriamo a sorte: testa vinco io, croce perdi tu (dal film, Una proposta per dire sì)

 

  • Avevo tutto quello che desideravo, ma nulla di cui avevo bisogno (dal film, Una proposta per dire sì)

 

 

  • Se nella verde etade alcun trascura di lodato sapere ornar la mente, quando è giunta per lui l’età matura d’aver perduto un sì gran ben si pente. Cercalo allor, ma trovasi a man vuote: potea, non volle; or che vorria non puote (poesia “I due susini” di Luigi Fiacchi)

 

  • Ho una moglie con un culo da pallavolista (dal film, Il giudice)

 

  • Hai ingoiato un vocabolario e ce lo vomiti addosso appena puoi (dal film, Il giudice)

 

  • Moglie e cane scomparsi; cercasi cane (dal film, Il giudice)

 

  • Nulla compensa l’uomo della perduta libertà (dal film, Il gigante di Metropolis)

 

  • Io non ho paure accanto a te, solo quella di perderti (dal fim, Le baccanti)

 

  • Il viaggio termina quando gli innamorati si incontrano (citazione di Shakespeare, dal film L’amore non va in vacanza)

 

  • La pretesa di impartire ai filosofi lezioni di filosofia è ridicola; come quella di fare di una determinata filosofia il criterio e la norma di giudizio delle altre. In effetti ogni vero filosofo è un maestro o compagno di ricerca, la cui voce ci giunge affievolita attraverso il tempo, ma può avere per noi, per i problemi che ora ci occupano, un’importanza decisiva; bisogna disporsi alla ricerca con sincerità ed umiltà (dalla prefazione alla prima edizione della Storia della Filosofia di Nicola Abbagnano)

 

  • La sapienza orientale è essenzialmente religiosa: essa è il patrimonio di una casta sacerdotale la cui sola preoccupazione è quella di difenderla e tramandarla nella sua purezza. Il solo fondamento della sapienza orientale è la tradizione. La filosofia greca invece è ricerca. Essa nasce da un atto di fondamentale libertà di fronte alla tradizione, al costume e ad ogni credenza accettata come tale. Il suo fondamento è che l’uomo non possiede la sapienza ma deve cercarla: essa è diretta a rintracciare la verità al di là delle consuetudini, delle tradizioni e dalle apparenze (capitolo I Storia della Filosofia di Nicola Abbagnano)

 

  • Le ombre non sono meno importanti della luce (dal film, Jane Eyre)

 

  • Quando passi fai vibrare anche i sassi (da canzone sentita alla radio)

 

  • Il momento è ieri (da pubblicità sentita alla radio)

 

  • Dottor Lerner anche lei avrà un’opinione. Io ho moglie e quattro figlie: io non ho opinioni (dal film ,Professore per amore)

 

  • Non ce l’ho con il mondo, solo con una piccola parte (dal film, Un meraviglioso Natale)

 

  • Tra il coraggio e l’incoscienza corre solo un sottile filo (Documentario alla TV su Alessandro Magno)

 

  • Mi porti una bistecca molto al sangue, praticamente viva (dal film, Un paradiso per due)

 

  • Stare sul cazzo è pur sempre una posizione di rilievo (su Facebook)

 

  • In quel film c’è una ragazza col culo che parla (dal film, Il Bacio che aspettavo)

 

  • Chi ha troppa scelta poi finisce per fare quella sbagliata (dal film, La doppia ora)

 

  • Ultra vires = al di là delle forze consentite (ricordo di scuola)

 

  • Sino a quando i mali girano si può stare tranquilli (consuocero Giuseppe)

 

  • La casa non ruba, ma nasconde (proverbio sentito da un’amica)

 

  • Tu studi così tanto che poi le cose ti escono dalle orecchie (da telefilm, visto alla TV)

 

  • Io non vedo, osservo (dal film, Senza indizio)

 

  • Lui abbraccia lei e lei chiede: Hai qualcosa in tasca? (dal film, Lasciati andare)

 

  • Presentazione: Uno dei più grandi maestri di musica italiani, una specie di juke – box umano (dalla trasmissione Tv, Maledetti amici miei)

 

  • Una volta letto attentamente il foglio delle avvertenze e modalità d’uso delle medicine è impossibile ripiegarlo nello stesso modo in cui te lo vendono (dal libro, Trent’anni, alta, mora di Leonardo Pieraccioni)

 

  • Contro tutti. Contro le bugie. Paladino del vero e dell’essenziale (dal libro, Trent’anni, alta, mora di Leonardo Pieraccioni)

 

  • Raggiungimi qui: sono a braccia aperte in cima a una collina in attesa che qualcosa accada. Sarà bello poi dirsi: Tanto la vita è uno sputo”. Sarà triviale poi scoprire che, prima che lo sputo tocchi terra, la vita è già finita(dal libro, Trent’anni, alta, mora di Leonardo Pieraccioni)

 

–   Non ho un amore, altrimenti farei l’innamorato (dal libro, Trent’anni, alta, mora di Leonardo Pieraccioni)

 

–    Contro il culo e la corrente non c’è forza competente (dal libro, Trent’anni, alta, mora di Leonardo Pieraccioni)

 

–    Perché col tempo bisogna tornare bambini, fare il giro completo? (dal libro, Trent’anni, alta, mora di Leonardo Pieraccioni)

 

–     Tu sei scemo! Modestamente, sì (dal film, Ti presento Sofia)

 

–     Quando puoi? Il giorno mai (dal film, Ti presento Sofia)

 

–    Finché dura il tormento ci può essere l’estasi (intervista ad Angelo Branduardi)

 

–     Sono stata trent’anni con Libero, ci avrò qualche ragione se m’è venuto a noia (dal film, Ritorno in casa Gori)

 

–     Si sente una scoreggia. Ma che fai? E che tu pretendi dal culo una romanza?! (dal film, Ritorno in casa Gori)

–    Nonno che mi presti 50.000? No, ma ti do 10.000 lire se mi fai la barba; allora si fa così: ti prendo 50.000 e ti devo 5 barbe (dal film, Ritorno in casa Gori)

 

–   Perché non metti la protesi al ginocchio? Perché voglio morire con i pezzi originali (sentito da una signora per la strada)

 

–      La sapienza dei dotti è tanto altezzosa quanto sterile, diversamente dal buon senso che cambia in meglio l’esistenza non sofisticata: la Sapienza, per voler essere austera ad ogni costo, diventa stolta, mentre la Stultitia, in quanto forza irrazionale e creatrice, si palesa veramente come saggia alla resa di conti (dal libro, L’elogio della follia di Erasmo da Rotterdam)

–  La superiorità per taluni sta nel coniare paroloni incomprensibili, cavillare sui dogmi, sciorinare ridicolo sillogismi, tradurre in linguaggio oscuro la disarmante chiarezza (dal libro, L’elogio della follia di Erasmo da Rotterdam)

–     Se poi mancano parole esotiche, tirano fuori tre o quattro vocaboli oscuri, che possano confondere l’uditore con la loro oscurità, evidentemente perché quelli che riescono a capirli possano sentirsi sempre più soddisfatti di se stessi, mentre quelli che non li capiscono restino tanto più ammirati quanto meno capiscono (dal libro, L’elogio della follia di Erasmo da Rotterdam)

      –    Ti avevo riservato alcune pagine del mio cuore (da canzone sentita alla radio)

 

 

  • Perché hai tanti vestiti, se ne puoi mettere solo uno alla volta (dal film, L’amore arriva dolcemente)
  • L’amore non è un fuoco d’artificio, l’amore vero cresce lentamente (dal film, L’amore arriva dolcemente)
  • Tu sei la risposta ad ogni mia singola domanda( dal film, Love Hurts)
  • Qual è la differenza tra “Mi piace” e “Ti amo”? Quando ti piace un fiore ti basta coglierlo. Ma quando si ama un fiore lo annaffi ogni giorno. Chi comprende questo, capisce la vita (Buddha)
  • E ve lo dimostrerò non con sofismi da coccodrilli, con le forme cornute o altri falsi sillogismi ben noti ai dialettici, ma alla buona, facendovi toccar la cosa col dito (dal libro, L’elogio della follia di Erasmo da Rotterdam)
  • I comuni mortali dei quali nessuno nasce senza difetti e il migliore è chi ne ha di meno (dal libro, L’elogio della follia di Erasmo da Rotterdam)
  • La vanagloria, dolcissima sirena (dal libro, L’elogio della follia di Erasmo da Rotterdam)
  • La vera saggezza, quando si è mortali, sta nel non voler esser più saggio di quanto consenta la propria sorte e o far finta volentieri di non vedere o sbagliare cordialmente come gli altri.; ma questo dicono, è appunto follia. Non voglio negarlo, purché in compenso si riconosca che questo è il modo di recitare la commedia della vita (dal libro, L’elogio della follia di Erasmo da Rotterdam)
  • Nonna ora so scrivere tutte le parole che voglio (nipote Anna)
  • La morte di una catastrofica di una stella porta nuova vita nell’universo; una stella deve morire per permetterci di vivere (dal film, Out of Blue)
  • Il 90° della materia dell’universo è invisibile, non è identificato; c’è molto che non possiamo vedere, rilevare, comprendere. Passiamo la nostra vita cercando di arrivare al cuori di questa oscura energia (dal film, Out of Blue)
  • Non viviamo semplicemente nell’universo; l’universo vive dentro di noi (dal film, Out of Blue)
  • Danzala la via tua al ritmo della vita che va; ridila la tua allegria (dalla canzone, Cogli la prima mela di Angelo Branduardi)
  • Figlia Carlotta: Si va la mare? – Nipote Margherita: Nonno – figlia Carlotta: Il nonno non c’è, si va al mare – nipote Margherita: nonno (da video familiare)
  • Il tempo e la distanza sono diversi da come appaiono (dal film, Storia d’inverno)
  • La lotta tra il bene e il male non si combatte con grandi eserciti, ma con ogni singola vita (dal film, Storia d’inverno)
  • Sono attratto da lei come dall’aria quando sono sott’acqua (dal film, Storia d’inverno)
  • Disegno alla luce della Luna: non sono bravo e non si vedono gli errori (dal film, Storia d’inverno)
  • Ti ringrazio. Per cosa? Per essere qui con me (dal film, Il re)
  • Sei pronto per quello che ci aspetta? Nessuno è mai pronto per quello che ci aspetta (dal film, Il re)
  • I problemi che non vengono risolti sfociano spesso nelle crisi (dal film, Il re)
  • Un re ha solo sudditi e nemici (dal film, Il re)
  • Egli rispetta la guerra come solo un uomo che ne ha visto la forma più mostruosa può fare. Egli non la desidera, la valuta con cupa sobrietà e voi dovreste sperare che non smetta di farlo (dal film, Il re)
  • Perché la natura sol s’astende alla produzione de’ semplici, ma l’uomo con tali semplici produce infiniti composti, ma non ha la potestà di creare nessun semplice (Mostra La botanica di Leonardo da Vinci)
  • Credo che vi rendiate conto da soli quanto piacere procuri alla Filautìa (l’accarezzare se stessi) la Colachìa) (l’adulazione) ((dal libro, L’elogio della follia di Erasmo da Rotterdam)
  • Poi ci sono quelli che consultano gli astri e predicono il futuro promettendo miracoli che superano perfino la magia. E, beati loro, trovano perfino chi ci crede! (dal libro, L’elogio della follia di Erasmo da Rotterdam)
  • Che dire poi dei cortigiani? Non c’è schiavitù più servile, più sciocca, più spregevole della loro, eppure essi desiderano sempre essere considerati i primi. Sono pieni di modestia solo in questo: che si accontentano di portare addosso oro, gemme, porpora e tutti i simboli della virtù e della saggezza, lasciando che altri si preoccupino di esercitare le virtù rappresentate da questi simboli (dal libro, L’elogio della follia di Erasmo da Rotterdam)
  • La fortuna ama gli spensierati, aiuta gli audaci, quelli che sono soliti dire: “Il dado è tratto”. Invece la saggezza rende timidi, e per questa ragione vedete di solito questi sapienti alle prese con la povertà, con la fame, col fumo, dimenticati, senza prestigio, invisi a tutti, mentre invece vedete gli stolti navigare nell’oro, salire al governo degli Stati, insomma prosperare in tutti i sensi (dal libro, L’elogio della follia di Erasmo da Rotterdam)
  • E se davvero tu vuoi vivere una vita luminosa e più fragrante cancella col coraggio quella supplica dagli occhi. Troppo spesso la saggezza è la prudenza più stagnante e quasi sempre dietro la collina è il sole (dalla canzone di Mogol – Battisti, la collina dei ciliegi)
  • Le rughe han troppi secoli oramai, truccarle non si può più (dalla canzone di Mogol – Battisti sentita a un concerto, Il mio caro angelo)
  • Le nostre aspirazioni il buio filtrano, traccianti luminose gli additano il blu (dalla canzone di Mogol – Battisti Isentita a un concerto, il mio caro angelo)
  • Da un minuto sei partita e sono solo. Sono strano e non capisco cosa c’è. Sui miei occhi da un minuto e sceso un velo. Forse è solo suggestione o paura o chissà che. E’ possibile che abbia fin da ora bisogno di te (dalla canzone di Mogol – Battisti, 7 e 40)
  • Il numero degli stolti è infinito – Ogni uomo è reso stolto dalla sua sapienza (citazioni dall’Ecclesiaste, sul libro L’elogio della follia di Erasmo da Rotterdam)
  • Questi teologi, estrapolando di qua e di là quattro o cinque parolette e modificandole anche all’occorrenza, le adattano come vogliono, anche se quello che precede o segue non ha nulla a che fare con l’argomento e anzi lo contraddice. E fanno questo con una tale impudenza che spesso i giureconsulti invidiano i teologi (dal libro, L’elogio della follia di Erasmo da Rotterdam)
  • Ricordatevi che c’è un detto greco che suona così: “Spesso un pazzo dice cose che hanno senso” (dal libro, L’elogio della follia di Erasmo da Rotterdam)
  • Uno le occasioni se le deve andare a cercare (Sceneggiato alla TV, Pezzi Unici)
  • Tutte le religioni non mi piacciono: mettono troppa enfasi nella morte; io preferisco la vita ( dal film, Artù e Merlin)
  • Quella donna non passa mai davanti ad uno specchio senza rinunciare a sedurlo (dal film, Maria Antonietta)
  • Ti piace quel valium umano che risponde al nome di Charlie? (dal film, Crazy, stupid, love)
  • L’ho amata anche quando l’ho odiata (dal film, Crazy, stupid, love)
  • L’universo che respira e sospinge la tua sfera; e la luce che ti sfiora.; cosa vuoi?
  • Oltre il monte c’è un gran ponte; una terra senza serra dove i frutti son di tutti (dalla canzone di Mogol-Battisti, Due mondi)
  • E’ una vela la mia mente, prua verso l’altra gente; vento magica corrente, quanto amore (dalla canzone di Mogol-Battisti, Due mondi)
  • Pensavo fosse il mio principe, invece era solo un ranocchio (dal film, Un cavaliere per Natale)
  • Ho fatto tanta di quella cioccolata che mio marito ha consigliato l’acquisto di una betoniera (dal film, Un cavaliere per Natale)
  • Ciao, Brooke. E’ Cole e ha portato il suo cavallo – Sono lieto di rivederti – Credevo che tu ne fossi andato; Brooke, avrei dovuto capirlo prima: sei tu la mia impresa – Sono la tua impresa?! – Il mio cuore è devotamente e eternamente tuo, se lo vorrai – Niente mi renderebbe più felice, mio splendido cavaliere – Brooke, ovunque tu sarai, io sarò con te (dal film, Un cavaliere per Natale)
  • Ehi calmati, tu sei fuori come i balconi (dalla fiction TV Pezzi unici)
  • I vasi sono tristi: contengono i fiori condannati a morte (dalla fiction TV Pezzi unici)
  • Il resto ve lo dico più tardi; no, rispondono, E’ adesso più tardi (dal libro Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carrol)
  • Leonardo, sono cinque minuti che suonano. Allora o sono dei musicisti oppure vai ad aprire (dal film di Leonardo Pieraccioni, Se son rose)
  • Ehi, ma il caffè va tolto dalla cialda? ((dal film di Leonardo Pieraccioni, Se son rose)
  • Ma chi sta vincendo …ma se si deve ancora cominciare (dal film di Leonardo Pieraccioni, Se son rose)
  • Avete visto che le foto degli autovelox sono tutte mosse (dal film di Leonardo Pieraccioni, Se son rose)
  • In fin dei conto i difetti che trovi negli altri, sono i tuoi (dal film di Leonardo Pieraccioni, Se son rose)
  • Butta via l’umido più spesso perché la signora accanto ti credeva in decomposizione ((dal film di Leonardo Pieraccioni, Se son rose)
  • Son cose che si dicono così per dire. Si, ma tu dici troppo volte le cose così per dire (dal film di Leonardo Pieraccioni, Se son rose)
  • Ti si è ammorbidita la barba …e non solo quella (dal film di Leonardo Pieraccioni, Se son rose)
  • Vuoi la pasta lunga o corta. Lunga, grazie. Allora butto quella corta. Ma scusa allora perché me lo chiedi? Perché sono democratica (dal film di Leonardo Pieraccioni, Se son rose)
  • Anche tu sei malato di nostalgia; il fardello dei ricordi è troppo pesante, non serve a nulla, è inutile, ci sono dentro troppe cose: rimorsi, rimpianti e cose non dette. Nella vita bisogna viaggiare con bagaglio leggero …però che poppe che avevi! Vuol dire che nel bagaglio della vita lo porto volentieri il ricordo delle tue poppe (dal film di Leonardo Pieraccioni, Se son rose)
  • Non temere di lasciare qualcosa, pensa a tutto quello che avrai in cambio (dal film, Wiew Camp9
  • Ti sembro disperata? Ma come, guardati: chiedi disperatamente se sei disperata (dal film, La dura verità)
  • Maria Teresa non è bella ma a me piace; L’ideale è trovare una brutta che ti piace; che gusto c’è a trovare bella una bella che ti piace; invece quella brutta agli altri non piace, ma a te piace. L’ideale è quando trovi una brutta che ti piace: se alla brutta non gli piaci, conviene che ti piace una bella; se non devi piacere ti conviene puntare in alto. E’ banale far fare la parte della brutta a una brutta; se c’è il ruolo di una bella non conviene farlo fare a una brutta perché per il suo talento si trasforma in bella e viceversa se c’è la parte di una brutta non è più interessante farla fare a una bella che si trasforma in brutta?..Ma io che parte dovrei fare? …Il bello?! …Ma allora sono brutto (soliloquio di Rocco Papaleo alla trasmissione Maledetti amici miei)
  • A chi sorriderò, se non a te? A chi, se tu non sei più qui. Ormai è finita, è finita tra di noi, ma forse un po’ della mia vita è rimasta negli occhi tuoi (dalla canzone di Fausto Leali, A chi)
  • Deus, sive Natura( Dio, cioè la Natura) (citazione da Spinoza, sul libro In principio era Darwin di Piergiorgio Odifreddi)
  • (Darwin) Optò romanticamente per sposarsi, visto che in fondo “ci sono molti schiavi felici” (citazione da Darwin, sul libro In principio era Darwin di Piergiorgio Odifreddi)
  • Per molti anni avevo seguito l’ottima regola di annotare subito e senza fallo tutto ciò che era contrario ai risultati generali della mia teoria: fosse un fatto, una nuova osservazione o un pensiero che mi capitava di leggere. Perché avevo imparato per esperienza che i fatti e i pensieri contrari tendono a sfuggire dalla memoria più facilmente di quelli favorevoli. Per questa abitudine poche furono le obiezioni alla mia teoria che già non avessi considerato e a cui non avessi cercato di dare risposta (Darwin). Ed effettivamente succede ancor oggi che le obiezioni al darwinismo che i detrattori immaginano essere delle loro astute pensate, siano già affrontate e risolte dal libro di Darwin, che essi naturalmente si guardano bene dal leggere, per evitare di essere influenzati nei loro pregiudizi (Odifreddi) (dal libro In principio era Darwin di Piergiorgio Odifreddi)
  • Ciascuno di noi ospita nell’intestino una colonia di cento miliardi di individui, appartenenti ad una trentina di ceppi diversi: un numero che, benché enorme, costituisce comunque solo un millesimo dell’esercito di microbi che ocupa il nostro spazio interno e vi combatte le sue battaglie (dal libro In principio era Darwin di Piergiorgio Odifreddi)
  • Quella enorme parte del pubblico che dice perché sente dire, grida perché sente gridare, urla perché sente urlare … (dal libro In principio era Darwin di Piergiorgio Odifreddi)
  • Giocavo con i miei quattro nipotini a farli passare tra le mie gambe divaricate; ad un certo punto uno di essi ha urlato il nonno è mio! (dalle gioie di un nonno)
  • Da ragazzina non mi consideravano, nemmeno se mi fossi vestita da grattacielo (dal film, Easy Girl)
  • Devo uscire con un ragazzo. Lo conosco?      Vuoi vedere che non lo conosci nemmeno tu!  (dal film, Easy Girl)
  • Si può aiutare solo chi vuole veramente essere aiutato (dal film, Io prima di te)
  • Classici voleva dire cultura; forse da rifiutare, ma dopo averla digerita (dal libro Mao Tse-Tung di Antonio Bozzo)
  • Si dice comunemente che spirito e corpo non possono essere entrambi perfett. L’uomo che usa il cervello ha un corpo debole, chi ha un corpo forte ha il pensiero debole. E’ un’assurdità che conviene soltanto a chi è di volontà debole, non certo all’uomo superiore. Confucio è morto a settantadue anni e non aveva un corpo debole. Il Budda, che viaggiava sempre per diffondere la sua dottrina, morì in tarda età. A Gesù, più sfortunato, toccò una fine ingiusta. Maometto, che aveva il Corano nella mano sinistra e impugnava la spada nella destra, conquistò il mondo. Questi uomini furono chiamati saggi e tutti erano sommi pensatori (dal libro Mao Tse-Tung di Antonio Bozzo)
  •